Per il terzo anno consecutivo Pirelli e Fondazione Pirelli sostengono il Festival della Robotica Educativa che, giunto alla XII edizione, si terrà il 17 e 18 maggio presso l’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Il progetto, ideato dalla rete di scuole di Milano e provincia “Amico Robot” e patrocinato dal Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione, mostra le potenzialità della metodologia didattica innovativa della Robotica Educativa che utilizza piccoli robot come strumenti per l’apprendimento di competenze disciplinari e trasversali. Fondazione Pirelli sarà presente al Festival con uno stand per raccontare a bambini, ragazzi, docenti e visitatori il costante impegno di Pirelli nei confronti dell’innovazione e della ricerca.

Il Festival sarà inoltre l’occasione per far conoscere i percorsi didattici organizzati da Fondazione Pirelli Educational ispirati alle nuove tecnologie e che si pongono come scopo di diffondere la cultura scientifica e tecnologica in favore della sicurezza stradale e della sostenibilità, anche tra gli studenti più giovani.

Venerdì 18 maggio alle ore 13.30 in aula U16-11, si terrà inoltre l’incontro Occhi meccanici e robot digitali per pneumatici sicuri e personalizzati. Scopriamo le innovazioni tecnologiche di Pirelli, curato da Fondazione Pirelli e condotto dai colleghi di Ricerca e Sviluppo al fine di descrivere la progettazione di sistemi robotici all’avanguardia da parte di Pirelli. Il discorso si concentrerà sul CVA (Controllo Visivo Automatico), sistema automatico di analisi del pneumatico vincitore del premio Oscar Masi per l’innovazione industriale 2016, e sui Next MIRS (Modular Integrated Robotized System), sistema robotizzato integrato modulare per la produzione di pneumatici personalizzabili. L’ideazione e la creazione di piccoli o più grandi robot è al centro del programma del Festival che vede come artefici proprio gli studenti. Lo svolgimento della prima giornata prevede l’exhibit ovvero la presentazione all’interno degli stand allestiti dalle classi della scuola dell’infanzia e della scuola primaria di uno o più robot che interagiscono con gli ambienti costruiti dai bambini e con i visitatori, coinvolgendoli in giochi e attività. Protagoniste del secondo giorno saranno invece le gare di robot per la scuola secondaria di I grado che metteranno in luce la capacità di problem solving e di lavoro in team, illustrando le migliori pratiche di robotica a scuola. Dal “robot rigorista” alla “squadra di soccorso”: gli automi realizzati dai ragazzi dovranno sfidarsi per vincere il premio finale.

Download