Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
    Seleziona una delle seguenti categorie:
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Cultura (anche del produrre) attraverso le cartoline

Una ricerca di due geografi racconta del cambiamento della percezione del paesaggio naturale e industriale

Comprendere la percezione dell’ambiente e dello sviluppo, della socialità e della produzione anche attraverso la narrazione visuale, e cioè quella modalità del raccontare che passa dalle immagini. Anche quelle di un tempo – cartoline e filmati “fatti in casa” – che fino a pochi anni fa era d’uso comune e che adesso appaiono quasi scomparse. Eppure, è anche attraverso cartoline e filmati di famiglia che può passare la cultura del vivere sociale, del produrre, dello sviluppo e della condivisione. E’ attorno a queste idee che hanno lavorato Pietro Agnoletto e Lorenzo Bagnoli nella loro ricerca “Ambiente e percezione sociale. Cartoline e filmati di famiglia nell’Italia industriale” da poco pubblicata dalla rivista dell’associazione dei geografi italiani (AGEI).

Agnoletto e Bagnoli partono dal considerare un dato di fatto davanti a tutti gli attenti osservatori della realtà sociale: ciò che nella società italiana postmoderna viene considerato un conflitto ambientale, nell’Italia industriale degli anni Sessanta e Settanta poteva essere invece considerato accettabile ed essere rappresentato senza offendere il comune senso estetico. In altri termini, quello che qualche decennio fa affascinava talmente tanto da diventare degno di ammirazione, ricordo e visita, oggi può essere stato retrocesso ad elemento di danno ambientale e sociale. A testimoniare questo processo – spiegano i due autori – è il turismo e i ricordi di viaggio che produce. Non quelli che originano dai viaggiatori attenti, ma quelli che arrivano dalla gente comune, dalle famiglie in vacanza, dai passaggi apparentemente distratti eppure capaci di cogliere tratti particolari del paesaggio. Cartoline postali e filmati di famiglia, dunque, come strumenti in grado di testimoniare una percezione diversa del paesaggio e dei manufatti umani, della vita in comune, della produzione, delle fabbriche. Una cultura – anche del produrre e d’impresa – che appare essere notevolmente differente da quella di oggi, ma che ha fatto parte per molti decenni del comune sentire della società italiana.

Così, fanno notare Agnoletto e Bagnoli, dall’analisi visuale di questi tipi di documento emerge come spesso parcheggi, arterie stradali, mezzi di trasporto, stabilimenti industriali o condomini – tutti attentamente evitati nelle rappresentazioni turistiche di oggi – non venivano allora percepiti quali oggetti deturpanti il paesaggio nemmeno durante un periodo di vacanza, ma elementi che testimoniavano progresso e sviluppo di una località turistica. In altri termini ancora, come viene spiegato della ricerca, il contesto turistico della seconda metà del XX secolo testimonia del boom economico dell’Italia, ne è parte integrante e riesce a tramandare informazione che altrimenti sarebbero andate perse.

Il lavoro di Agnoletto e Bagnoli costituisce un esempio di come si possa fare ricerca economica e sociale mettendo da parte per un attimo i numeri e guardando alla vita quotidiana delle persone. Da leggere.

Ambiente e percezione sociale. Cartoline e filmati di famiglia nell’Italia industriale

Pietro Agnoletto, Lorenzo Bagnoli

AGEI, Geotema, 72

Una ricerca di due geografi racconta del cambiamento della percezione del paesaggio naturale e industriale

Comprendere la percezione dell’ambiente e dello sviluppo, della socialità e della produzione anche attraverso la narrazione visuale, e cioè quella modalità del raccontare che passa dalle immagini. Anche quelle di un tempo – cartoline e filmati “fatti in casa” – che fino a pochi anni fa era d’uso comune e che adesso appaiono quasi scomparse. Eppure, è anche attraverso cartoline e filmati di famiglia che può passare la cultura del vivere sociale, del produrre, dello sviluppo e della condivisione. E’ attorno a queste idee che hanno lavorato Pietro Agnoletto e Lorenzo Bagnoli nella loro ricerca “Ambiente e percezione sociale. Cartoline e filmati di famiglia nell’Italia industriale” da poco pubblicata dalla rivista dell’associazione dei geografi italiani (AGEI).

Agnoletto e Bagnoli partono dal considerare un dato di fatto davanti a tutti gli attenti osservatori della realtà sociale: ciò che nella società italiana postmoderna viene considerato un conflitto ambientale, nell’Italia industriale degli anni Sessanta e Settanta poteva essere invece considerato accettabile ed essere rappresentato senza offendere il comune senso estetico. In altri termini, quello che qualche decennio fa affascinava talmente tanto da diventare degno di ammirazione, ricordo e visita, oggi può essere stato retrocesso ad elemento di danno ambientale e sociale. A testimoniare questo processo – spiegano i due autori – è il turismo e i ricordi di viaggio che produce. Non quelli che originano dai viaggiatori attenti, ma quelli che arrivano dalla gente comune, dalle famiglie in vacanza, dai passaggi apparentemente distratti eppure capaci di cogliere tratti particolari del paesaggio. Cartoline postali e filmati di famiglia, dunque, come strumenti in grado di testimoniare una percezione diversa del paesaggio e dei manufatti umani, della vita in comune, della produzione, delle fabbriche. Una cultura – anche del produrre e d’impresa – che appare essere notevolmente differente da quella di oggi, ma che ha fatto parte per molti decenni del comune sentire della società italiana.

Così, fanno notare Agnoletto e Bagnoli, dall’analisi visuale di questi tipi di documento emerge come spesso parcheggi, arterie stradali, mezzi di trasporto, stabilimenti industriali o condomini – tutti attentamente evitati nelle rappresentazioni turistiche di oggi – non venivano allora percepiti quali oggetti deturpanti il paesaggio nemmeno durante un periodo di vacanza, ma elementi che testimoniavano progresso e sviluppo di una località turistica. In altri termini ancora, come viene spiegato della ricerca, il contesto turistico della seconda metà del XX secolo testimonia del boom economico dell’Italia, ne è parte integrante e riesce a tramandare informazione che altrimenti sarebbero andate perse.

Il lavoro di Agnoletto e Bagnoli costituisce un esempio di come si possa fare ricerca economica e sociale mettendo da parte per un attimo i numeri e guardando alla vita quotidiana delle persone. Da leggere.

Ambiente e percezione sociale. Cartoline e filmati di famiglia nell’Italia industriale

Pietro Agnoletto, Lorenzo Bagnoli

AGEI, Geotema, 72

CIAO, COME POSSO AIUTARTI?