Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
    Seleziona una delle seguenti categorie:
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Cultura del saper fare motore di sviluppo

Dall’analisi delle candidature a Capitale Europea della Cultura, l’indicazione del ruolo della buona impresa

La cultura del saper fare, il territorio, l’umanità che lo popola, la condivisione di intenti e di buone pratiche. Sono questi gli elementi che creano ricchezza materiale e spirituale. E che spesso si ritrovano percorrendo l’Italia. A questo insieme di circostanze e di presenze è dedicata la ricerca “Il ruolo delle PMI e dell’artigianato nelle trasformazioni urbane a base culturale. L’esperienza delle città creative UNESCO e delle Capitali della Cultura” di Lucio Argano (Università Cattolica del Sacro Cuore, Dipartimento di comunicazione). L’indagine, in particolare, sottolinea l’importanza e il ruolo che l’artigianato e le PMI possono avere all’interno dei progetti di quelle città che decidono di attivare trasformazioni urbane di medio e lungo termine attraverso la leva della cultura, delle arti e della creatività. Crescita e sviluppo, appunto, visti con gli occhiali della cultura a tutto tondo.

Il punto focale al quale Argano dedica attenzione è costituito dalle principali attività e programmi delle quattordici città italiane che fanno parte della Rete UNESCO delle Città Creative e che si concentrano su sette cluster creativi, tra cui art&craftwork. Per comprendere meglio cosa è stato fatto, l’autore segue la lettura dei fascicoli di progetto relativi alle città finaliste del concorso italiano per il titolo di Capitale Europea della Cultura 2019, poi assegnato a Matera, con l’obiettivo di tracciare quelle iniziative capaci di valorizzare l’artigianato, non solo artistico. e il suo contributo alle sfide della città delineate dal progetto.

Dalla ricerca emergono così i punti di forza sui quali sono stati costruiti i progetti: le persone e le competenze distintive, comprese quelle artigianali e imprenditoriali, che diventano le principali infrastrutture culturali e creative della città. Ma non solo. Dai fascicoli di candidatura emerge anche la considerazione della cultura e della creatività come risorse attive di quello che Argano indica come “ecosistema urbano più ampio in cui si intrecciano luoghi, persone, pratiche, storie, tradizioni, innovazioni e valore simbolico”. Imprenditoria e artigianato, dunque, come elementi indispensabili della cultura di un territorio, capaci, tra l’altro, di funzionare come propulsori di sviluppo. La ricerca di Lucio Argano ha il merito di dare concretezza a questo modello

Il ruolo delle PMI e dell’artigianato nelle trasformazioni urbane a base culturale. L’esperienza delle città creative UNESCO e delle Capitali della Cultura

Lucio Argano

Quaderni di ricerca sull’artigianato, Fascicolo 1/2024, gennaio-aprile.

Dall’analisi delle candidature a Capitale Europea della Cultura, l’indicazione del ruolo della buona impresa

La cultura del saper fare, il territorio, l’umanità che lo popola, la condivisione di intenti e di buone pratiche. Sono questi gli elementi che creano ricchezza materiale e spirituale. E che spesso si ritrovano percorrendo l’Italia. A questo insieme di circostanze e di presenze è dedicata la ricerca “Il ruolo delle PMI e dell’artigianato nelle trasformazioni urbane a base culturale. L’esperienza delle città creative UNESCO e delle Capitali della Cultura” di Lucio Argano (Università Cattolica del Sacro Cuore, Dipartimento di comunicazione). L’indagine, in particolare, sottolinea l’importanza e il ruolo che l’artigianato e le PMI possono avere all’interno dei progetti di quelle città che decidono di attivare trasformazioni urbane di medio e lungo termine attraverso la leva della cultura, delle arti e della creatività. Crescita e sviluppo, appunto, visti con gli occhiali della cultura a tutto tondo.

Il punto focale al quale Argano dedica attenzione è costituito dalle principali attività e programmi delle quattordici città italiane che fanno parte della Rete UNESCO delle Città Creative e che si concentrano su sette cluster creativi, tra cui art&craftwork. Per comprendere meglio cosa è stato fatto, l’autore segue la lettura dei fascicoli di progetto relativi alle città finaliste del concorso italiano per il titolo di Capitale Europea della Cultura 2019, poi assegnato a Matera, con l’obiettivo di tracciare quelle iniziative capaci di valorizzare l’artigianato, non solo artistico. e il suo contributo alle sfide della città delineate dal progetto.

Dalla ricerca emergono così i punti di forza sui quali sono stati costruiti i progetti: le persone e le competenze distintive, comprese quelle artigianali e imprenditoriali, che diventano le principali infrastrutture culturali e creative della città. Ma non solo. Dai fascicoli di candidatura emerge anche la considerazione della cultura e della creatività come risorse attive di quello che Argano indica come “ecosistema urbano più ampio in cui si intrecciano luoghi, persone, pratiche, storie, tradizioni, innovazioni e valore simbolico”. Imprenditoria e artigianato, dunque, come elementi indispensabili della cultura di un territorio, capaci, tra l’altro, di funzionare come propulsori di sviluppo. La ricerca di Lucio Argano ha il merito di dare concretezza a questo modello

Il ruolo delle PMI e dell’artigianato nelle trasformazioni urbane a base culturale. L’esperienza delle città creative UNESCO e delle Capitali della Cultura

Lucio Argano

Quaderni di ricerca sull’artigianato, Fascicolo 1/2024, gennaio-aprile.

CIAO, COME POSSO AIUTARTI?