Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Pane d’impresa

Il racconto delle vicende umane e aziendali di un panettiere si trasforma in un perfetto manuale di gestione delle organizzazioni della produzione

 

L’impresa sempre, anche con il pane (forse soprattutto con il pane). Comunque sempre impresa, cioè l’intrapresa di qualcosa di nuovo, fatto come lo si sente dentro. E progettato, costruito, conquistato giorno per giorno con caparbietà, ingegno, innovazione e fantasia. Sono sempre così le storie d’impresa. Sempre uguali e sempre completamente diverse le une dalle altre. Ed è sempre la “pratica” che insegna alla “teoria”. Per questo si impara ogni volta qualcosa dalla lettura delle vicende di imprenditrici e imprenditori che “hanno costruito la loro impresa”.

E’ il caso di “Volevo solo fare il panettiere” scritto da Luigi Luini panettiere per davvero e cioè imprenditore per davvero. Che ad un certo punto della sua lunga vita ha deciso di scrivere la sua storia in forma di libro che, adesso, oltre che un racconto imperdibile, è un perfetto manuale di gestione d’impresa. Tanto che la prefazione viene scritta da Sandro Castaldo professore ordinario di economia e gestione delle imprese alla Bocconi di Milano il quale non esita a rendere onore al panettiere di origini pugliesi trapiantato a Milano e, in puro linguaggio accademico, conferma quanto la “Luini Milano forno dal 1888” sia un esempio perfetto di impresa innovativa eppure legata alla tradizione, capace di crescere con gli strumenti più moderni del marketing eppure in grado di dare continuità al prodotto senza perdere mercato.

Luini scrive e racconta iniziando con un’affermazione di principio: “Io non vedo alcuna differenza di principio tra un prodotto da forno e una stretta di mano. Panzerotti, taralli, friselle e rosette sono questione di mani, e quelle mani appartengono soltanto a un uomo, che nelle sue mani profonde tutta la sua intelligenza, tutto se stesso”. Mani e cioè manifattura, fabbricazione di qualcosa che deriva da lontano, che si rinnova pur rimanendo uguale. Luini ripercorre quindi novant’anni di storia aziendale che, insieme a tante immagini, recuperano ricordi d’infanzia e vicende familiari, curiosità, aneddoti e scelte alla base di un successo imprenditoriale fatto di tradizione e coraggiosa innovazione. La storia del forno Luini si intreccia poi con quella del nostro Paese, riattraversando lo Stivale sulle tracce di un nonno materno che, emigrato da Bisceglie, porta con sé il suo paio di baffi, una camicia buona e i segreti di una cucina pugliese destinata a conquistare una città (Milano), imponendosi come prodotto locale, fino poi a rimbalzare all’altro capo del mondo in un passaparola globale. Oggi si direbbe: tutto frutto di un’attenzione costante alla qualità del prodotto e all’innovazione. In sintesi: saggezza d’impresa. Che Luigi Luini racconta con trasporto, senza nascondersi nulla. E affascinando chi legge.

L’accademico della Bocconi presentando la fatica letteraria di Luini ammette quanto Luini stesso insieme a tutti gli imprenditori che davvero vogliono dirsi tali, sanno perfettamente: “Le sue parole ci confermano che alla fine le risorse fondamentali delle aziende sono le donne e gli uomini che le animano, i loro sentimenti e le loro idee”. Tutto da leggere il libro di Luigi Luini.

Volevo solo fare il panettiere

Luigi Luini

EGEA, 2021

Il racconto delle vicende umane e aziendali di un panettiere si trasforma in un perfetto manuale di gestione delle organizzazioni della produzione

 

L’impresa sempre, anche con il pane (forse soprattutto con il pane). Comunque sempre impresa, cioè l’intrapresa di qualcosa di nuovo, fatto come lo si sente dentro. E progettato, costruito, conquistato giorno per giorno con caparbietà, ingegno, innovazione e fantasia. Sono sempre così le storie d’impresa. Sempre uguali e sempre completamente diverse le une dalle altre. Ed è sempre la “pratica” che insegna alla “teoria”. Per questo si impara ogni volta qualcosa dalla lettura delle vicende di imprenditrici e imprenditori che “hanno costruito la loro impresa”.

E’ il caso di “Volevo solo fare il panettiere” scritto da Luigi Luini panettiere per davvero e cioè imprenditore per davvero. Che ad un certo punto della sua lunga vita ha deciso di scrivere la sua storia in forma di libro che, adesso, oltre che un racconto imperdibile, è un perfetto manuale di gestione d’impresa. Tanto che la prefazione viene scritta da Sandro Castaldo professore ordinario di economia e gestione delle imprese alla Bocconi di Milano il quale non esita a rendere onore al panettiere di origini pugliesi trapiantato a Milano e, in puro linguaggio accademico, conferma quanto la “Luini Milano forno dal 1888” sia un esempio perfetto di impresa innovativa eppure legata alla tradizione, capace di crescere con gli strumenti più moderni del marketing eppure in grado di dare continuità al prodotto senza perdere mercato.

Luini scrive e racconta iniziando con un’affermazione di principio: “Io non vedo alcuna differenza di principio tra un prodotto da forno e una stretta di mano. Panzerotti, taralli, friselle e rosette sono questione di mani, e quelle mani appartengono soltanto a un uomo, che nelle sue mani profonde tutta la sua intelligenza, tutto se stesso”. Mani e cioè manifattura, fabbricazione di qualcosa che deriva da lontano, che si rinnova pur rimanendo uguale. Luini ripercorre quindi novant’anni di storia aziendale che, insieme a tante immagini, recuperano ricordi d’infanzia e vicende familiari, curiosità, aneddoti e scelte alla base di un successo imprenditoriale fatto di tradizione e coraggiosa innovazione. La storia del forno Luini si intreccia poi con quella del nostro Paese, riattraversando lo Stivale sulle tracce di un nonno materno che, emigrato da Bisceglie, porta con sé il suo paio di baffi, una camicia buona e i segreti di una cucina pugliese destinata a conquistare una città (Milano), imponendosi come prodotto locale, fino poi a rimbalzare all’altro capo del mondo in un passaparola globale. Oggi si direbbe: tutto frutto di un’attenzione costante alla qualità del prodotto e all’innovazione. In sintesi: saggezza d’impresa. Che Luigi Luini racconta con trasporto, senza nascondersi nulla. E affascinando chi legge.

L’accademico della Bocconi presentando la fatica letteraria di Luini ammette quanto Luini stesso insieme a tutti gli imprenditori che davvero vogliono dirsi tali, sanno perfettamente: “Le sue parole ci confermano che alla fine le risorse fondamentali delle aziende sono le donne e gli uomini che le animano, i loro sentimenti e le loro idee”. Tutto da leggere il libro di Luigi Luini.

Volevo solo fare il panettiere

Luigi Luini

EGEA, 2021