Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Quando le aziende riescono a saltare

Nessuno è immortale, nemmeno le aziende. Ma queste possono almeno tentare di allungare la loro vita. Basta che sappiano cambiare, cioè evolversi, mutare, migliorare, innovare. Soprattutto in tempi “complessi” come quelli che l’economia sta attraversando. 

Anzi, è in tempi come quelli attuali  che la capacità di cambiare deve farsi più forte. Ma non si tratta di percorsi predeterminati e meccanicistici. Ogni azienda ha una storia diversa. Per questo l’esperienza degli altri è importante. Così come lo è leggere la novantina di pagine scritte da Paolo Lo Bascio per la LUISS University Press che raccontano storie di cambiante d’impresa. 

Racconti del cambiamento. Come le aziende vivono e sopravvivono nei momenti di discontinuità”, parte proprio dall’immortalità. “Le aziende – viene spiegato -, hanno una naturale tendenza a credersi immortali. Ma storie di successo, strategie invincibili, risultati da guinness lasciano un giorno (ma non all’improvviso), il passo alla terribile malattia della crisi”. E’ da questa condizione che inizia un’altra vita, se si è capaci di cogliere l’attimo giusto.

Per Lo Bascio, però, serve una terapia forte, il cosiddetto “turnaround“. Un movimento che porta a scelte aziendali che richiedono capacità di modificare strategie e comportamenti abituali, mettendo alla prova i manager e tutta l’organizzazione fino all’ultimo operaio.. 

Emerge dal volume che il mettersi costruttivamente in discussione, la capacità di cooperare, quella di superare le barriere precostituite del lavoro (fra operai, manager e imprenditori), costituiscono altrettanti strumenti che consentono di provare – spesso con successo – a cambiare realmente l’impresa nel quale si agisce. Anche con salti di azione e di pensiero inaspettati. E’ bella e significativa, a questo proposito, l’immagine di copertina del lavoro di Lo Bascio: un pesce rosso che salta da una vasca più piccola ad una più grande. E sopravvive.

Racconti del cambiamento. Come le aziende vivono e sopravvivono nei momenti di discontinuità

Paolo Lo Bascio

LUISS University Press, 2013 

Nessuno è immortale, nemmeno le aziende. Ma queste possono almeno tentare di allungare la loro vita. Basta che sappiano cambiare, cioè evolversi, mutare, migliorare, innovare. Soprattutto in tempi “complessi” come quelli che l’economia sta attraversando. 

Anzi, è in tempi come quelli attuali  che la capacità di cambiare deve farsi più forte. Ma non si tratta di percorsi predeterminati e meccanicistici. Ogni azienda ha una storia diversa. Per questo l’esperienza degli altri è importante. Così come lo è leggere la novantina di pagine scritte da Paolo Lo Bascio per la LUISS University Press che raccontano storie di cambiante d’impresa. 

Racconti del cambiamento. Come le aziende vivono e sopravvivono nei momenti di discontinuità”, parte proprio dall’immortalità. “Le aziende – viene spiegato -, hanno una naturale tendenza a credersi immortali. Ma storie di successo, strategie invincibili, risultati da guinness lasciano un giorno (ma non all’improvviso), il passo alla terribile malattia della crisi”. E’ da questa condizione che inizia un’altra vita, se si è capaci di cogliere l’attimo giusto.

Per Lo Bascio, però, serve una terapia forte, il cosiddetto “turnaround“. Un movimento che porta a scelte aziendali che richiedono capacità di modificare strategie e comportamenti abituali, mettendo alla prova i manager e tutta l’organizzazione fino all’ultimo operaio.. 

Emerge dal volume che il mettersi costruttivamente in discussione, la capacità di cooperare, quella di superare le barriere precostituite del lavoro (fra operai, manager e imprenditori), costituiscono altrettanti strumenti che consentono di provare – spesso con successo – a cambiare realmente l’impresa nel quale si agisce. Anche con salti di azione e di pensiero inaspettati. E’ bella e significativa, a questo proposito, l’immagine di copertina del lavoro di Lo Bascio: un pesce rosso che salta da una vasca più piccola ad una più grande. E sopravvive.

Racconti del cambiamento. Come le aziende vivono e sopravvivono nei momenti di discontinuità

Paolo Lo Bascio

LUISS University Press, 2013