Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Prima della pubblicità: i cataloghi illustrati come forma di comunicazione visiva

Le prime forme di comunicazione visiva della Pirelli sono rappresentate dai cataloghi di prodotto illustrati realizzati tra Otto e Novecento, nei quali, alla funzione commerciale, si affianca la cura per l’aspetto decorativo e illustrativo. Tra i numerosi prodotti in gomma realizzati dalla Pirelli, sono gli articoli di consumo a essere oggetto  di questo tipo di comunicazione: abbigliamento, articoli di merceria, pneumatici. Prodotti che si rivolgevano a un pubblico di consumatori o di rivenditori, a differenza degli articoli tecnici o dei cavi, beni strumentali i cui principali acquirenti erano amministrazioni pubbliche, società industriali o di trasporto.

L’illustrazione dei cataloghi viene affidata alternativamente ad artisti più o meno noti: Giuseppe Barberis realizza litografie per il listino dei tappeti in gomma elastica del 1886; Luca Fornari, caricaturista e fondatore del settimanale “Il Mondo umoristico”, firma i  cataloghi di abbigliamento tra il 1896 e il 1902; Giuseppe Galli e Osvaldo Ballerio sono chiamati invece a decorare quelli per pneumatici, prodotto che richiede un’intensa attività di “reclame”, visto il mercato già dominato da grandi concorrenti dell’azienda. Nel 1899 – anno di avvio della produzione sperimentale di “guarniture pneumatiche per automobile”, che vanno ad affiancare i pneumatici per bici e motocicli – il pittore Giuseppe Galli, acquarellista di un certo successo assunto dalla Pirelli nel 1886 con mansioni di disegno tecnico e di “ornato”, illustra le pagine interne e la copertina dei nuovi listini in stile floreale sui toni dell’oro.

Nel 1904 è la volta del pittore Osvaldo Ballerio, che realizza la copertina del catalogo delle ”Pneumatiche per velocipedi, motocicli e automobili”. Nato a Milano nel 1870, e diplomato all’Accademia di Brera, si specializza nel cartellonismo e nella grafica pubblicitaria, in particolare di soggetto sportivo. Negli anni Dieci firma per Pirelli diverse pubblicità, che saranno pubblicate sulle copertine della rivista del Touring Club Italiano o sulle riviste edite dai fratelli Treves (“L’Illustrazione italiana”, “Il Secolo XX”, “Lidel”).

Sono gli anni delle prime vere e proprie campagne pubblicitarie su riviste e manifesti, affidate a grandi nomi del cartellonismo italiano e internazionale: a Ballerio si affiancano infatti autori come Leopoldo Metlicovitz, Alessandro Dudovich, Plinio Codognato.

Ha così inizio la lunga storia della pubblicità Pirelli.

Le prime forme di comunicazione visiva della Pirelli sono rappresentate dai cataloghi di prodotto illustrati realizzati tra Otto e Novecento, nei quali, alla funzione commerciale, si affianca la cura per l’aspetto decorativo e illustrativo. Tra i numerosi prodotti in gomma realizzati dalla Pirelli, sono gli articoli di consumo a essere oggetto  di questo tipo di comunicazione: abbigliamento, articoli di merceria, pneumatici. Prodotti che si rivolgevano a un pubblico di consumatori o di rivenditori, a differenza degli articoli tecnici o dei cavi, beni strumentali i cui principali acquirenti erano amministrazioni pubbliche, società industriali o di trasporto.

L’illustrazione dei cataloghi viene affidata alternativamente ad artisti più o meno noti: Giuseppe Barberis realizza litografie per il listino dei tappeti in gomma elastica del 1886; Luca Fornari, caricaturista e fondatore del settimanale “Il Mondo umoristico”, firma i  cataloghi di abbigliamento tra il 1896 e il 1902; Giuseppe Galli e Osvaldo Ballerio sono chiamati invece a decorare quelli per pneumatici, prodotto che richiede un’intensa attività di “reclame”, visto il mercato già dominato da grandi concorrenti dell’azienda. Nel 1899 – anno di avvio della produzione sperimentale di “guarniture pneumatiche per automobile”, che vanno ad affiancare i pneumatici per bici e motocicli – il pittore Giuseppe Galli, acquarellista di un certo successo assunto dalla Pirelli nel 1886 con mansioni di disegno tecnico e di “ornato”, illustra le pagine interne e la copertina dei nuovi listini in stile floreale sui toni dell’oro.

Nel 1904 è la volta del pittore Osvaldo Ballerio, che realizza la copertina del catalogo delle ”Pneumatiche per velocipedi, motocicli e automobili”. Nato a Milano nel 1870, e diplomato all’Accademia di Brera, si specializza nel cartellonismo e nella grafica pubblicitaria, in particolare di soggetto sportivo. Negli anni Dieci firma per Pirelli diverse pubblicità, che saranno pubblicate sulle copertine della rivista del Touring Club Italiano o sulle riviste edite dai fratelli Treves (“L’Illustrazione italiana”, “Il Secolo XX”, “Lidel”).

Sono gli anni delle prime vere e proprie campagne pubblicitarie su riviste e manifesti, affidate a grandi nomi del cartellonismo italiano e internazionale: a Ballerio si affiancano infatti autori come Leopoldo Metlicovitz, Alessandro Dudovich, Plinio Codognato.

Ha così inizio la lunga storia della pubblicità Pirelli.

Multimedia

Images