Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Uomo digitale?

Un libro appena tradotto discute delle relazioni fra Intelligenza Artificiale e condizione umana

Macchine contro uomini. Macchine al servizio degli uomini. Macchine in grado di pensare. Macchine vive. Il tema della digitalizzazione dei processi (di vario genere) collegata allo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale, è alternativamente visto come minaccia e come opportunità, come paradigma del futuro più roseo possibile per l’umanità, oppure come esemplificazione di quel buco nero nel quale la stessa umanità finirà la sua esistenza. Vale anche per la produzione e per l’impresa. Macchine, quindi, che segneranno la fine del lavoro (umano) e che, quindi, anche qui a seconda di chi guarda, significheranno povertà e disgrazia per i lavoratori oppure ricchezza e felicità per gli stessi. E’ evidentemente in mezzo ai due estremi che occorre cercare il senso vero di quanto sta accadendo. Leggere “Umanesimo digitale. Un’etica per l’epoca dell’Intelligenza Artificiale” di Julian Nida-Rümelin e Nathalie Weidenfeld, serve a questo scopo. E serve in modo eccellente.

Il libro, per dichiarazione stessa di chi lo ha scritto, non è un testo scientifico e basta, ma qualcosa di diverso perché cerca di gettare un ponte tra riflessione filosofica, cinema, letteratura, scienze naturali e tecnologie informatiche. Tutto per delineare ciò che viene chiamato “umanesimo digitale” e cioè “qualcosa che va incontro agli esseri umani senza essere ostile alla tecnica. Essa si distingue dalle posizioni apocalittiche perché confida nella ragione propria degli esseri umani e dalle posizioni euforiche perché considera i limiti della tecnologia digitale”. Il contrario, cioè, di quella che gli stessi autori chiamano “ideologia della Silicon Valley” e che altro non è che una posizione attenta alle esigenze della tecnica e a quelle degli uomini.

Apparentemente un approccio più che naturale e sensato. In realtà qualcosa di molto complesso da affrontare, perché, tutto sommato, non esattamente misurabile e codificabile.

Nida-Rümelin e Weidenfeld intraprendono quindi un viaggio pressoché unico che utilizza non solo i risultati della scienza ma anche, e soprattutto, quelli raggiunti da filosofi, psicologi, sociologi, economisti e politici usando suggestioni provenienti anche dalla letteratura così come dal cinema. Ne deriva così un viaggio che tocca la vita quotidiana, i sentimenti, i meccanismi di scelta, quelli dell’ottimizzazione dei processi, la razionalità economica, la moralità, l’amicizia, naturalmente l’etica, la comunicazione, la cultura, la formazione, la democrazie e il vivere sociale e alto altro ancora.

Scrivono i due autori in un passaggio delle loro conclusioni che l’umanesimo digitale contrappone all’ideologizzazione delle tecnologie digitali “un contegno di sobrietà”.

Il libro di Nida-Rümelin e Nathalie Weidenfeld si legge volendo anche di corsa, ma è da leggere con attenzione. E magari rileggere.

 

Umanesimo digitale. Un’etica per l’epoca dell’Intelligenza Artificiale
Julian Nida-Rümelin, Nathalie Weidenfeld
Franco Angeli, 2019