Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Nasce a Silverstone la Formula 1

Il 13 maggio 1950, con il Gran Premio di Gran Bretagna, nasceva ufficialmente il Campionato Mondiale Piloti di Formula 1. Previste, per quella stagione d’esordio, sette prove in totale: oltre alla gara inglese, si sarebbero disputati il Gran Premio di Monaco a Montecarlo, il Gran Premio di Svizzera a Berna, quello del Belgio sul circuito di Spa-Francorchamps, quello di Francia a Reims e il Gran Premio d’Italia sulla pista di Monza. Si aggiungeva, il 30 maggio, la classica americana della 500 Miglia di Indianapolis: quasi un campionato a sè, data l’assenza totale oltreoceano dei piloti impegnati nelle gare europee.

Così, davanti a centomila spettatori, tra cui Re Giorgio VI in tribuna d’onore, quel sabato 13 maggio di settant’anni fa, sul circuito ricavato dall’ex aeroporto militare RAF di Silverstone poco fuori Londra prendeva il via la disciplina motoristica destinata a diventare la più importante di tutti i tempi.
Campionato destinato a premiare solo i piloti: per assegnare anche il titolo ai costruttori si dovrà attendere il 1958. E i piloti del 1950 erano quasi tutti campioni celebri fin dall’anteguerra: “quasi” tutti, perchè c’erano in griglia di partenza dei giovani piloti di sicuro avvenire. Uno di questi era l’argentino Juan Manuel Fangio,che con i veterani Nino Farina e Luigi Fagioli andava a costituire il cosiddetto terzetto delle “3 F” dell’Alfa Romeo. L’Alfetta 158 con cui correvano era la stessa che aveva trionfato nella passata era dei Grand Prix.

Un altro promettente pilota era Alberto Ascari, figlio del grande Antonio scomparso nel 1925: ma per vederlo all’opera con la Ferrari 125 insieme a Gigi Villoresi, a Raymond Sommer, a Dorino Serafini bisognerà aspettare il Gran Premio di Monaco. C’erano poi i grandi nomi in corsa con i colori delle varie squadre Maserati: Toulo de Graffenried e il Principe Bira per la Scuderia Enrico Platé, Louis Chiron e Franco Rol per le Officine Alfieri Maserati, Felice Bonetto e Franco Comotti per la Scuderia Milano. E dovevano ancora aggiungersi gli argentini José Froilán Gonzalez e Alfredo Piàn dell’agguerritissima Scuderia Varzi. Tutti questi campioni avevano una cosa in comune in quel primo Mondiale di Formula 1: le loro Alfa Romeo, le Ferrari, le Maserati che pilotavano erano gommate “pneumatici delle vittorie”: i Pirelli Stella Bianca. Quella prima gara a Silverstone si concluse in continuità con i risultati d’anteguerra: primo Nino Farina, su Alfa Romeo, secondo Luigi Fagioli, su Alfa Romeo e terzo il pilota britannico Reg Parnell, anche lui su Alfa Romeo. Oltre dieci anni dall’esordio nelle competizioni per l’Alfetta 158 non erano riusciti a scalfirne la brillantezza: niente da fare per i francesi della Talbot-Lago e per le case auto inglesi ERA (English Racing Automobiles) e Alta Car and Engineering Company. E per i “pneumatici delle vittorie” Pirelli Stella Bianca le stagioni di successo erano solo all’inizio.