Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Eleganza e praticità firmate Pirelli

E’ del 1890 il primo catalogo a contenere tra i vari prodotti anche “Le specialità di gomma elastica per calzature” Pirelli. Inizia così la produzione di suole: lisce, righettate o a punta di diamante, di tacchi di colore bianco, rosso o nero, e di galosce per proteggere dalla pioggia le calzature da signora.

Eleganza e praticità firmata Pirelli. Sono questi gli anni in cui la comunicazione pubblicitaria sperimenta nuove formule attraverso la pubblicazione di manifesti e inserzioni. Cambia anche il logo: la P si allunga a coprire le altre lettere del nome della società, ma permane la stella con le iniziali PCM (Pirelli & C. Milano) che diventa la “marca” dell’azienda e dei suoi prodotti.

Tacco stella”, è il nome dato al più famoso dei tacchi in gomma, prodotto in varie tipologie: girevole dall’uso facile e immediato, collocato sotto la scarpa con un apposito cacciavite per permetterne l’utilizzo su tutta la circonferenza; oppure con “piastrina girevole” o “inserita”, o ancora di tipo “fisso”, con “piastrina visibile di cuoio e chiodini”. Tra tutti i prodotti è quello che più si presta ad essere pubblicizzato con opere di illustratori attivi sulla stampa umoristica come Bagni, Bazzi, Cappadonia: artisti abili a giocare ironicamente con bizzarri animali e figure caricaturali come quella con il busto a forma di mappamondo, a simboleggiare l’espansione internazionale di Pirelli.

Negli anni ’20 una testimonial d’eccezione posa per la soprascarpa “hevea” (nome scientifico dell’albero della gomma): è la giovanissima attrice Paola Borboni.

Nel dopoguerra la suola segna il prepotente ritorno di Pirelli sulla scena della pubblicità con la campagnacamminate Pirelli, ideata da Ermanno Scopinich nel 1948: si tratta di una ripresa fotografica dal basso di un uomo che cammina su una lastra di vetro, diffusa a Milano con manifesti di dimensioni eccezionali. Tutta la città ne parla ed è impossibile non ammirarla.

Il risultato della ricerca e della sperimentazione di nuovi materiali negli anni’50 è la Coria sintetica, la “suola del passeggio moderno”, che riunisce le qualità del cuoio e della gomma: leggera, resistente, impermeabile ed economica; in una parola, funzionale. Nel 1953 Bruno Munari ne disegna il manifesto pubblicitario: due suole in primo piano, stilizzate. E un motivo geometrico, il labirinto, che si snoda fra i muri delle città della Lombardia. 

Come i pneumatici lasciano un segno a seconda del loro modello, così è per le suole: ad ognuna di loro uno specifico “battistrada”: Accademica, Alpina e Aprica, per la montagna. Belpasso, Viavai o Lungarno per il passeggio. Per chi ama il passo elastico, la Ripple “cammina per voi”. E per chi predilige l’estetica, ecco la suola Levanto, con un’elegante alternanza di vuoti e di pieni.

E’ del 1890 il primo catalogo a contenere tra i vari prodotti anche “Le specialità di gomma elastica per calzature” Pirelli. Inizia così la produzione di suole: lisce, righettate o a punta di diamante, di tacchi di colore bianco, rosso o nero, e di galosce per proteggere dalla pioggia le calzature da signora.

Eleganza e praticità firmata Pirelli. Sono questi gli anni in cui la comunicazione pubblicitaria sperimenta nuove formule attraverso la pubblicazione di manifesti e inserzioni. Cambia anche il logo: la P si allunga a coprire le altre lettere del nome della società, ma permane la stella con le iniziali PCM (Pirelli & C. Milano) che diventa la “marca” dell’azienda e dei suoi prodotti.

Tacco stella”, è il nome dato al più famoso dei tacchi in gomma, prodotto in varie tipologie: girevole dall’uso facile e immediato, collocato sotto la scarpa con un apposito cacciavite per permetterne l’utilizzo su tutta la circonferenza; oppure con “piastrina girevole” o “inserita”, o ancora di tipo “fisso”, con “piastrina visibile di cuoio e chiodini”. Tra tutti i prodotti è quello che più si presta ad essere pubblicizzato con opere di illustratori attivi sulla stampa umoristica come Bagni, Bazzi, Cappadonia: artisti abili a giocare ironicamente con bizzarri animali e figure caricaturali come quella con il busto a forma di mappamondo, a simboleggiare l’espansione internazionale di Pirelli.

Negli anni ’20 una testimonial d’eccezione posa per la soprascarpa “hevea” (nome scientifico dell’albero della gomma): è la giovanissima attrice Paola Borboni.

Nel dopoguerra la suola segna il prepotente ritorno di Pirelli sulla scena della pubblicità con la campagnacamminate Pirelli, ideata da Ermanno Scopinich nel 1948: si tratta di una ripresa fotografica dal basso di un uomo che cammina su una lastra di vetro, diffusa a Milano con manifesti di dimensioni eccezionali. Tutta la città ne parla ed è impossibile non ammirarla.

Il risultato della ricerca e della sperimentazione di nuovi materiali negli anni’50 è la Coria sintetica, la “suola del passeggio moderno”, che riunisce le qualità del cuoio e della gomma: leggera, resistente, impermeabile ed economica; in una parola, funzionale. Nel 1953 Bruno Munari ne disegna il manifesto pubblicitario: due suole in primo piano, stilizzate. E un motivo geometrico, il labirinto, che si snoda fra i muri delle città della Lombardia. 

Come i pneumatici lasciano un segno a seconda del loro modello, così è per le suole: ad ognuna di loro uno specifico “battistrada”: Accademica, Alpina e Aprica, per la montagna. Belpasso, Viavai o Lungarno per il passeggio. Per chi ama il passo elastico, la Ripple “cammina per voi”. E per chi predilige l’estetica, ecco la suola Levanto, con un’elegante alternanza di vuoti e di pieni.