Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

26 racconti per rinascere

Raccolte in un libro le storie di aziende che possono essere esempi per tutti

Storie d’impresa, 26 per la precisione, unite da un intento che supera quello del profitto. E’ quanto ha raccolto nel suo ultimo libro Francesco Morace (sociologo) raccontando le vicende di una serie di aziende italiane che possono essere d’esempio per la riemersione dalla crisi e, soprattutto, per farlo nel segno di un’utopia fondata su bellezza, umanità e creatività.

“L’alfabeto della rinascita” è davvero una raccolta  di racconti ordinati secondo l’alfabeto. 26 lettere, quindi, che corrispondono ad altrettante storie di imprese italiane dalla “A” di Alessi alla “Z” di Zanotta.
Secondo l’autore, la pandemia può diventare il propulsore inaspettato di un nuovo Rinascimento a cui nessuno avrebbe creduto solo un anno fa. Se nella vita in generale, infatti, non ci sono garanzie, questo insegnamento vale in modo particolare in una fase di radicale cambiamento come quella che si sta vivendo e ancor più per le imprese. Le aziende raccontate sono quelle che (più di altre ma anche come molte altre), riescono a preservare la ricchezza fragile di un luogo composito come il territorio italiano, affrontando le difficoltà del proprio auto-governo, della responsabilità e della decisione. Scorrono quindi le storie di Alessi, Berlucchi, Cosberg, Dallara, Expert, Fastweb, Granarolo, Herno, Inglesina, Jacuzzi®, Kartell, Lago, Melinda, Nexi, Opto Engineering, Pedrollo, QC Terme, Rotaliana, Sofidel, Treccani, Unione Nazionale Consumatori, VéGé, Würth, X Instant, Yomo, Zanotta. Ogni azienda è caratterizzata da una particolare immagine e, soprattutto, dal suo profilo di impresa che va oltre i canoni normali della gestione.
Il volume è arricchito da tre saggi di una giornalista (Marzia Tomasin) sull’importanza della capacità narrativa delle imprese, di un filosofo (Roberto Mordacci) e di un designer (Giulio Ceppi) che, tra l’altro, è autore della dimensione grafica del libro, rappresentata dai pittogrammi che raccontano con l’iniziale di ciascuna delle 26 aziende protagoniste (liberamente reinterpretata) un’idea, un progetto, una visione in cui si sono distinte. Chiude il volume una decalogo dell’Italian Human Design che ha l’ambizione di sintetizzare i messaggi vari e complessi di cui le 26 realtà d’impresa sono in qualche modo esempi.

“La scommessa che con ‘L’alfabeto della rinascita’ vogliamo proporre è quella di raccontare in un libro di carta il saper fare, l’ingegno e più in generale il patrimonio intangibile di cui le imprese selezionate sono portatrici, considerando la narrazione autentica come una cassa di risonanza e un nuovo strumento di consapevolezza”, viene scritto all’inizio del libro. E si può ben dire che la scommessa sia stata vinta, anche se magari non tutto quello che si legge nell’ultima fatica letteraria di Morace troverà tutti d’accordo. Ma, a ben vedere, la funzione di ogni libro che si rispetti è anche questa: far discutere.

L’alfabeto della rinascita. 26 storie di imprese esemplari

Francesco Morace

Egea, 2022

Raccolte in un libro le storie di aziende che possono essere esempi per tutti

Storie d’impresa, 26 per la precisione, unite da un intento che supera quello del profitto. E’ quanto ha raccolto nel suo ultimo libro Francesco Morace (sociologo) raccontando le vicende di una serie di aziende italiane che possono essere d’esempio per la riemersione dalla crisi e, soprattutto, per farlo nel segno di un’utopia fondata su bellezza, umanità e creatività.

“L’alfabeto della rinascita” è davvero una raccolta  di racconti ordinati secondo l’alfabeto. 26 lettere, quindi, che corrispondono ad altrettante storie di imprese italiane dalla “A” di Alessi alla “Z” di Zanotta.
Secondo l’autore, la pandemia può diventare il propulsore inaspettato di un nuovo Rinascimento a cui nessuno avrebbe creduto solo un anno fa. Se nella vita in generale, infatti, non ci sono garanzie, questo insegnamento vale in modo particolare in una fase di radicale cambiamento come quella che si sta vivendo e ancor più per le imprese. Le aziende raccontate sono quelle che (più di altre ma anche come molte altre), riescono a preservare la ricchezza fragile di un luogo composito come il territorio italiano, affrontando le difficoltà del proprio auto-governo, della responsabilità e della decisione. Scorrono quindi le storie di Alessi, Berlucchi, Cosberg, Dallara, Expert, Fastweb, Granarolo, Herno, Inglesina, Jacuzzi®, Kartell, Lago, Melinda, Nexi, Opto Engineering, Pedrollo, QC Terme, Rotaliana, Sofidel, Treccani, Unione Nazionale Consumatori, VéGé, Würth, X Instant, Yomo, Zanotta. Ogni azienda è caratterizzata da una particolare immagine e, soprattutto, dal suo profilo di impresa che va oltre i canoni normali della gestione.
Il volume è arricchito da tre saggi di una giornalista (Marzia Tomasin) sull’importanza della capacità narrativa delle imprese, di un filosofo (Roberto Mordacci) e di un designer (Giulio Ceppi) che, tra l’altro, è autore della dimensione grafica del libro, rappresentata dai pittogrammi che raccontano con l’iniziale di ciascuna delle 26 aziende protagoniste (liberamente reinterpretata) un’idea, un progetto, una visione in cui si sono distinte. Chiude il volume una decalogo dell’Italian Human Design che ha l’ambizione di sintetizzare i messaggi vari e complessi di cui le 26 realtà d’impresa sono in qualche modo esempi.

“La scommessa che con ‘L’alfabeto della rinascita’ vogliamo proporre è quella di raccontare in un libro di carta il saper fare, l’ingegno e più in generale il patrimonio intangibile di cui le imprese selezionate sono portatrici, considerando la narrazione autentica come una cassa di risonanza e un nuovo strumento di consapevolezza”, viene scritto all’inizio del libro. E si può ben dire che la scommessa sia stata vinta, anche se magari non tutto quello che si legge nell’ultima fatica letteraria di Morace troverà tutti d’accordo. Ma, a ben vedere, la funzione di ogni libro che si rispetti è anche questa: far discutere.

L’alfabeto della rinascita. 26 storie di imprese esemplari

Francesco Morace

Egea, 2022