Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Buona economia e buona cultura d’impresa

Si produce meglio se ci si rende conto di dove si è. Perché l’impresa non una monade isolata dall’ambiente in cui si trova. Un tutt’uno inscalfibile e impermeabile, che produce, fa profitti e basta. Altro dalla storia e dagli uomini che la costruiscono. La cultura d’impresa – che connota la sua capacità di produrre -, si nutre anche di consapevolezza del contesto in cui la stessa impresa si trova ad agire. Al buon imprenditore, alla buona impresa e ai suoi manager servono quindi anche spazi di approfondimento di quanto è accaduto. Per capire meglio l’oggi e prepararsi di più al domani.

E’ questo il caso dell’intervento di Ignazio Visco – Governatore della Banca d’Italia -, in occasione della celebrazione, alla LUISS, dei cent’anni dalla nascita di Guido Carli.

Guido Carli e la modernizzazione dell’economia” non è solo il ricordo di un maestro, ma anche l’occasione per puntualizzare corsi e ricorsi storici e, soprattutto, quanto adesso occorre risolvere per riprendere in mano le fila dello sviluppo industriale in Italia. Un testo che certamente suscita pareri contrastanti, ma che è importante leggere.

Visco ricorda di Carli alcuni passaggi scritti nella relazione da Governatore della Banca nel 1971. Concetti, termini e preoccupazioni che, di fatto, appaiono attuali. Carli scrisse di “apprensioni sulla capacità di sopravvivenza” del sistema, di “preventiva riflessione”, “difettosa conoscenza”, “visioni e atteggiamenti particolaristici” che possono davvero sintetizzare anche i timori e le istanze dell’oggi. E, ricorda Visco, fu  sempre Carli ad essersi posto, con altri, il problema della cosiddetta “modernizzazione strutturale dell’economia italiana”. Un traguardo ambizioso e complicato da raggiungere ma essenziale per consentire al Paese di crescere ancora. Ieri come oggi, appunto.

Preoccupazioni e obiettivi quasi identici, quindi, così come gli strumenti per raggiungerli. A partire dalla sburocratizzazione e dalla semplificazione delle regole.  Ma passando anche per lo sciogliere di una serie di “lacci e lacciuoli” di vario genere, statali e non, che frenano lo sviluppo. E’ qui che Visco – seguendo Carli -, punta il dito e fa discutere. Scrive infatti il Governatore: “I problemi odierni dell’Italia sono molto simili a quelli che si potevano osservare al termine del governatorato Carli: ‘lacci e lacciuoli’, intesi come rigidità legislative burocratiche, corporative, imprenditoriali, sindacali, sono sempre la remora principale allo sviluppo del nostro paese”. E non solo, perché Visco conclude spiegando: “Oggi non manca, come non è mancata in passato, la consapevolezza delle cose da fare. Ma i movimenti della politica, del corpo sociale sono apparsi impediti e l’azione è risultata largamente insufficiente rispetto al bisogno. Le conseguenze dell’immobilismo sono però diverse da quelle che si manifestavano negli anni settanta: mentre allora era l’inflazione, oggi è il ristagno. I segni di risveglio che vediamo sono incoraggianti, ma vanno confermati nei mesi e negli anni futuri: la costanza nell’azione riformatrice è essenziale. Solo affrontando risolutamente i nodi strutturali che hanno frenato l’economia italiana già prima delle recenti crisi, e ne hanno aggravato le conseguenze, sarà possibile riprendere un sentiero di crescita robusta e duratura”.

Tutto pane buono per alimentare una buona cultura d’impresa.

Guido Carli e la modernizzazione dell’economia

Ignazio Visco

Banca d’Italia-Università LUISS, 28 marzo 2014

Si produce meglio se ci si rende conto di dove si è. Perché l’impresa non una monade isolata dall’ambiente in cui si trova. Un tutt’uno inscalfibile e impermeabile, che produce, fa profitti e basta. Altro dalla storia e dagli uomini che la costruiscono. La cultura d’impresa – che connota la sua capacità di produrre -, si nutre anche di consapevolezza del contesto in cui la stessa impresa si trova ad agire. Al buon imprenditore, alla buona impresa e ai suoi manager servono quindi anche spazi di approfondimento di quanto è accaduto. Per capire meglio l’oggi e prepararsi di più al domani.

E’ questo il caso dell’intervento di Ignazio Visco – Governatore della Banca d’Italia -, in occasione della celebrazione, alla LUISS, dei cent’anni dalla nascita di Guido Carli.

Guido Carli e la modernizzazione dell’economia” non è solo il ricordo di un maestro, ma anche l’occasione per puntualizzare corsi e ricorsi storici e, soprattutto, quanto adesso occorre risolvere per riprendere in mano le fila dello sviluppo industriale in Italia. Un testo che certamente suscita pareri contrastanti, ma che è importante leggere.

Visco ricorda di Carli alcuni passaggi scritti nella relazione da Governatore della Banca nel 1971. Concetti, termini e preoccupazioni che, di fatto, appaiono attuali. Carli scrisse di “apprensioni sulla capacità di sopravvivenza” del sistema, di “preventiva riflessione”, “difettosa conoscenza”, “visioni e atteggiamenti particolaristici” che possono davvero sintetizzare anche i timori e le istanze dell’oggi. E, ricorda Visco, fu  sempre Carli ad essersi posto, con altri, il problema della cosiddetta “modernizzazione strutturale dell’economia italiana”. Un traguardo ambizioso e complicato da raggiungere ma essenziale per consentire al Paese di crescere ancora. Ieri come oggi, appunto.

Preoccupazioni e obiettivi quasi identici, quindi, così come gli strumenti per raggiungerli. A partire dalla sburocratizzazione e dalla semplificazione delle regole.  Ma passando anche per lo sciogliere di una serie di “lacci e lacciuoli” di vario genere, statali e non, che frenano lo sviluppo. E’ qui che Visco – seguendo Carli -, punta il dito e fa discutere. Scrive infatti il Governatore: “I problemi odierni dell’Italia sono molto simili a quelli che si potevano osservare al termine del governatorato Carli: ‘lacci e lacciuoli’, intesi come rigidità legislative burocratiche, corporative, imprenditoriali, sindacali, sono sempre la remora principale allo sviluppo del nostro paese”. E non solo, perché Visco conclude spiegando: “Oggi non manca, come non è mancata in passato, la consapevolezza delle cose da fare. Ma i movimenti della politica, del corpo sociale sono apparsi impediti e l’azione è risultata largamente insufficiente rispetto al bisogno. Le conseguenze dell’immobilismo sono però diverse da quelle che si manifestavano negli anni settanta: mentre allora era l’inflazione, oggi è il ristagno. I segni di risveglio che vediamo sono incoraggianti, ma vanno confermati nei mesi e negli anni futuri: la costanza nell’azione riformatrice è essenziale. Solo affrontando risolutamente i nodi strutturali che hanno frenato l’economia italiana già prima delle recenti crisi, e ne hanno aggravato le conseguenze, sarà possibile riprendere un sentiero di crescita robusta e duratura”.

Tutto pane buono per alimentare una buona cultura d’impresa.

Guido Carli e la modernizzazione dell’economia

Ignazio Visco

Banca d’Italia-Università LUISS, 28 marzo 2014