Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Capitale umano d’impresa

Il capitale di un’impresa è anche – forse soprattutto -, fatto dalle donne e dagli uomini che la rendono viva, non banale organizzazione di strumenti di produzione, ma speciale comunità di persone che hanno in comune idee e obiettivi. Concetto ormai diffuso, quest’ultimo, eppure non ancora entrato a far parte del “codice genetico” di gran parte del sistema produttivo italiano. E, in effetti, è molto sottile il filo che lega l’attività d’impresa non solo al capitale materiale e finanziario, ma anche a quello umano. Non si tratta di pensare a uomini-macchina, ma di fare riferimento ad altre modalità di organizzazione della produzione che sono molto vicine ad un cambio importante di cultura produttiva.

Il libro a cura di Annalisa Rolandi – “Capitale psicologico. Un asset chiave per il terzo millennio” -, da poco stampato, serve molto per comprendere di più e meglio il significato della presenza della ricchezza umana all’interno delle imprese. Scritto a più mani, il volume prende in considerazione la natura del capitale psicologico, la sua definizione e i diversi risvolti all’interno dell’organizzazione d’impresa. Vengono quindi affrontate le relazioni fra personalità e valori nell’ambito lavorativo, il ruolo della motivazione personale nella crescita all’interno dell’impresa ma anche per l’impresa stessa. Si arriva quindi a ragionare sul capitale psicologico nell’ambito delle organizzazioni.

Denso anche di esempi pratici, questo libro si basa tutto sommato su un concetto semplice: “L’era digitale nasce dalla tecnologia ma parla di persone”. È, invece, quanto spesso si dimentica  parlando di imprese  e nuove tecnologie.

Importante è un passo verso la conclusione del volume. “(…) all’alba del terzo millennio i tempi reclamano maggior rispetto della dignità e delle responsabilità individuali; sono tempi in cui la gestione delle risorse umane continua a rappresentare il banco di prova su cui misurare la capacità delle aziende di pensare al proprio sviluppo e di darsi un futuro, con la consapevolezza di non potersi appoggiare sull’esclusivo impiego di competenze collegabili a prestazioni e risultati di breve termine.  Il capitale umano non è una risorsa privata delle organizzazioni, ma è un bene pubblico”.

Capitale psicologico. Un asset chiave per il terzo millennio

Annalisa Rolandi (a cura di)

Franco Angeli, 2015

Il capitale di un’impresa è anche – forse soprattutto -, fatto dalle donne e dagli uomini che la rendono viva, non banale organizzazione di strumenti di produzione, ma speciale comunità di persone che hanno in comune idee e obiettivi. Concetto ormai diffuso, quest’ultimo, eppure non ancora entrato a far parte del “codice genetico” di gran parte del sistema produttivo italiano. E, in effetti, è molto sottile il filo che lega l’attività d’impresa non solo al capitale materiale e finanziario, ma anche a quello umano. Non si tratta di pensare a uomini-macchina, ma di fare riferimento ad altre modalità di organizzazione della produzione che sono molto vicine ad un cambio importante di cultura produttiva.

Il libro a cura di Annalisa Rolandi – “Capitale psicologico. Un asset chiave per il terzo millennio” -, da poco stampato, serve molto per comprendere di più e meglio il significato della presenza della ricchezza umana all’interno delle imprese. Scritto a più mani, il volume prende in considerazione la natura del capitale psicologico, la sua definizione e i diversi risvolti all’interno dell’organizzazione d’impresa. Vengono quindi affrontate le relazioni fra personalità e valori nell’ambito lavorativo, il ruolo della motivazione personale nella crescita all’interno dell’impresa ma anche per l’impresa stessa. Si arriva quindi a ragionare sul capitale psicologico nell’ambito delle organizzazioni.

Denso anche di esempi pratici, questo libro si basa tutto sommato su un concetto semplice: “L’era digitale nasce dalla tecnologia ma parla di persone”. È, invece, quanto spesso si dimentica  parlando di imprese  e nuove tecnologie.

Importante è un passo verso la conclusione del volume. “(…) all’alba del terzo millennio i tempi reclamano maggior rispetto della dignità e delle responsabilità individuali; sono tempi in cui la gestione delle risorse umane continua a rappresentare il banco di prova su cui misurare la capacità delle aziende di pensare al proprio sviluppo e di darsi un futuro, con la consapevolezza di non potersi appoggiare sull’esclusivo impiego di competenze collegabili a prestazioni e risultati di breve termine.  Il capitale umano non è una risorsa privata delle organizzazioni, ma è un bene pubblico”.

Capitale psicologico. Un asset chiave per il terzo millennio

Annalisa Rolandi (a cura di)

Franco Angeli, 2015