Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Come produrre benessere d’impresa

Una serie di ricerche correlate racconta le diverse modalità per mettere a punto e gestire con efficacia il welfare aziendale

La buona impresa produce benessere. E non solo attraverso ciò che direttamente ottiene attraverso la sua organizzazione produttiva. C’è anche dell’altro. Presenza fissa – non solo da oggi -, in un’azienda gestita correttamente, ciò che adesso viene indicato come welfare aziendale è ormai uno degli elementi fondanti una cultura d’impresa che sia davvero a tutto tondo. Con tutte le sfaccettature del caso, dettate dal territorio, dagli ambienti, dalle storie umane. Raccontarne le esperienze e importante, leggerne le vicende è anche interessante. Per questo è utile la raccolta di ricerche contenute in “Progettare un welfare aziendale condiviso” curata da Marino Cavallo e Daniela Oliva.

Le indagini ruotano attorno alla attività di riflessione e testimonianza maturata nel corso di alcuni progetti e attività che hanno visto la Città Metropolitana (e prima Provincia) di Bologna protagonista e sostenitrice attiva di politiche pubbliche finalizzate a sostenere e valorizzare il lavoro, con particolare attenzione a quello femminile, a promuovere sinergie con le politiche delle imprese sui temi della conciliazione tra vita professionale e privata, delle pari opportunità di genere, del welfare aziendale e, più in generale, della responsabilità sociale. Punto concreto d’azione, sono stati “laboratori” di volta in volta attivati d’accordo fra Istituzioni e imprese e che vengono analizzati dalle indagini stesse di cui la raccolta dà conto.  Chi legge, oltre ad un buon inquadramento teorico e di metodo sul significato del welfare aziendale e dei meccanismi di collaborazione fra pubblico e privato, trova anche una serie di esempi d’impresa. E’ il caso del Gruppo Hera (una delle aziende energetiche più importanti del Paese), Domus Nova (un ospedale privato di Ravenna), Crif Bologna (azienda che si occupa di analisi e servizi per il sistema bancario e finanziario).

L’insieme delle ricerche delinea così una sorta di circolo virtuoso i cui effetti ricadono sulle comunità locali e che è composto da politiche pubbliche e private orientate entrambe all’accrescimento del ruolo sociale della produzione e dei sistemi di produzione. Welfare aziendale, appunto, che diventa condiviso al di là della fabbrica e dell’ufficio.

Progettare un welfare aziendale condiviso

A cura di Marino Cavallo e Daniela Oliva

CLUEB, 2017

Una serie di ricerche correlate racconta le diverse modalità per mettere a punto e gestire con efficacia il welfare aziendale

La buona impresa produce benessere. E non solo attraverso ciò che direttamente ottiene attraverso la sua organizzazione produttiva. C’è anche dell’altro. Presenza fissa – non solo da oggi -, in un’azienda gestita correttamente, ciò che adesso viene indicato come welfare aziendale è ormai uno degli elementi fondanti una cultura d’impresa che sia davvero a tutto tondo. Con tutte le sfaccettature del caso, dettate dal territorio, dagli ambienti, dalle storie umane. Raccontarne le esperienze e importante, leggerne le vicende è anche interessante. Per questo è utile la raccolta di ricerche contenute in “Progettare un welfare aziendale condiviso” curata da Marino Cavallo e Daniela Oliva.

Le indagini ruotano attorno alla attività di riflessione e testimonianza maturata nel corso di alcuni progetti e attività che hanno visto la Città Metropolitana (e prima Provincia) di Bologna protagonista e sostenitrice attiva di politiche pubbliche finalizzate a sostenere e valorizzare il lavoro, con particolare attenzione a quello femminile, a promuovere sinergie con le politiche delle imprese sui temi della conciliazione tra vita professionale e privata, delle pari opportunità di genere, del welfare aziendale e, più in generale, della responsabilità sociale. Punto concreto d’azione, sono stati “laboratori” di volta in volta attivati d’accordo fra Istituzioni e imprese e che vengono analizzati dalle indagini stesse di cui la raccolta dà conto.  Chi legge, oltre ad un buon inquadramento teorico e di metodo sul significato del welfare aziendale e dei meccanismi di collaborazione fra pubblico e privato, trova anche una serie di esempi d’impresa. E’ il caso del Gruppo Hera (una delle aziende energetiche più importanti del Paese), Domus Nova (un ospedale privato di Ravenna), Crif Bologna (azienda che si occupa di analisi e servizi per il sistema bancario e finanziario).

L’insieme delle ricerche delinea così una sorta di circolo virtuoso i cui effetti ricadono sulle comunità locali e che è composto da politiche pubbliche e private orientate entrambe all’accrescimento del ruolo sociale della produzione e dei sistemi di produzione. Welfare aziendale, appunto, che diventa condiviso al di là della fabbrica e dell’ufficio.

Progettare un welfare aziendale condiviso

A cura di Marino Cavallo e Daniela Oliva

CLUEB, 2017