Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Cultura d’impresa 4.0

Una raccolta di indagine, mette a fuoco lo stato di avanzamento del progetto Industria 4.0

La domanda su quale sia l’impatto delle politiche industriali sul reale sistema della produzione, è cosa d’obbligo anche per la crescita di una consapevole cultura d’impresa che sappia valutare seriamente l’ambito nel quale si evolve l’azienda.

A questo serve la raccolta di ricerche e analisi curata da Elena Prodi, Francesco Seghezzi e Michele Tiraboschi per Adapt sugli effetti, ad un anno dal suo avvio, del piano Industria 4.0.

“Il piano Industria 4.0  un anno dopo. Analisi e prospettive future” è quindi costituito da un insieme di ricerche che ha l’obiettivo di dare dello stato di realizzazione di Industria 4.0 in Italia. Un compito che alla fine arriva a promuovere parzialmente quanto è stato fatto.

Scrivono i curatori all’inizio della raccolta: “Senza competenze e senza nuove forme di organizzazione e regolazione del lavoro il rischio è quello di vanificare gli investimenti fatti, o di utilizzarli unicamente come un semplice rinnovamento del parco macchine. Al contrario la combinazione tra investimenti in tecnologia e competenze in grado di governarli può essere una grande occasione per invertire la rotta della produttività stagnante e per un nuovo rinascimento del lavoro e delle relazioni industriali”.

Sulla base anche di questa premessa, i curatori hanno coordinato le indagini che iniziano con un analisi di Industria 4.0 dal punto di vista lavoristico (“non solo macchinari e tecnologie”), per poi passare ad un approfondimento dei legami fra relazioni industriali, mercato del lavoro e Industria 4.0. A questo segue una altrettanto importante analisi sugli aspetti collegati alla ricerca e all’innovazione. Chiude poi la raccolta una serie di ricerche sulle esperienze di industria 4.0 nel Regno Unito e nei Paesi Bassi.

Scrivono ancora i curatori: “Fin ad oggi il piano ha scontato una visione incentrata soprattutto sugli aspetti più tecnologici le tecnici legati al nuovo paradigma produttivo di Industry 4.0 e per questo molta attenzione è stata dedicata agli investimenti in nuovi macchinari innovativi e in software che ad essi si accompagnano, in una logica di manifattura che sembra propria di un modello del passato”. E ancora: “Quello descritto è quindi un ambiente caratterizzato da notevole complessità unita a sistemi produttivi che, personalizzando sempre di più i prodotti e i servizi in virtù del ruolo centrale del consumatore, spesso presentano elementi di imprevedibilità e non linearità. Per questo motivo, e considerando l’altro livello delle tecnologie impiegate, è fondamentale rivolgere l’attenzione alle competenze e agli strumenti per costruirle”.

“Il piano Industria 4.0  un anno dopo” non è una lettura facilissima, ma è certamente una fatica da affrontare per  riuscire a collocare nella giusta dimensione un progetto importante per le imprese italiane, per il loro approccio organizzativo e culturale alla produzione e per la loro crescita futura.

Il piano Industria 4.0  un anno dopo. Analisi e prospettive future

Elena Prodi, Francesco Seghezzi, Michele Tiraboschi (a cura di)

ADAPT University Press , 2017

Una raccolta di indagine, mette a fuoco lo stato di avanzamento del progetto Industria 4.0

La domanda su quale sia l’impatto delle politiche industriali sul reale sistema della produzione, è cosa d’obbligo anche per la crescita di una consapevole cultura d’impresa che sappia valutare seriamente l’ambito nel quale si evolve l’azienda.

A questo serve la raccolta di ricerche e analisi curata da Elena Prodi, Francesco Seghezzi e Michele Tiraboschi per Adapt sugli effetti, ad un anno dal suo avvio, del piano Industria 4.0.

“Il piano Industria 4.0  un anno dopo. Analisi e prospettive future” è quindi costituito da un insieme di ricerche che ha l’obiettivo di dare dello stato di realizzazione di Industria 4.0 in Italia. Un compito che alla fine arriva a promuovere parzialmente quanto è stato fatto.

Scrivono i curatori all’inizio della raccolta: “Senza competenze e senza nuove forme di organizzazione e regolazione del lavoro il rischio è quello di vanificare gli investimenti fatti, o di utilizzarli unicamente come un semplice rinnovamento del parco macchine. Al contrario la combinazione tra investimenti in tecnologia e competenze in grado di governarli può essere una grande occasione per invertire la rotta della produttività stagnante e per un nuovo rinascimento del lavoro e delle relazioni industriali”.

Sulla base anche di questa premessa, i curatori hanno coordinato le indagini che iniziano con un analisi di Industria 4.0 dal punto di vista lavoristico (“non solo macchinari e tecnologie”), per poi passare ad un approfondimento dei legami fra relazioni industriali, mercato del lavoro e Industria 4.0. A questo segue una altrettanto importante analisi sugli aspetti collegati alla ricerca e all’innovazione. Chiude poi la raccolta una serie di ricerche sulle esperienze di industria 4.0 nel Regno Unito e nei Paesi Bassi.

Scrivono ancora i curatori: “Fin ad oggi il piano ha scontato una visione incentrata soprattutto sugli aspetti più tecnologici le tecnici legati al nuovo paradigma produttivo di Industry 4.0 e per questo molta attenzione è stata dedicata agli investimenti in nuovi macchinari innovativi e in software che ad essi si accompagnano, in una logica di manifattura che sembra propria di un modello del passato”. E ancora: “Quello descritto è quindi un ambiente caratterizzato da notevole complessità unita a sistemi produttivi che, personalizzando sempre di più i prodotti e i servizi in virtù del ruolo centrale del consumatore, spesso presentano elementi di imprevedibilità e non linearità. Per questo motivo, e considerando l’altro livello delle tecnologie impiegate, è fondamentale rivolgere l’attenzione alle competenze e agli strumenti per costruirle”.

“Il piano Industria 4.0  un anno dopo” non è una lettura facilissima, ma è certamente una fatica da affrontare per  riuscire a collocare nella giusta dimensione un progetto importante per le imprese italiane, per il loro approccio organizzativo e culturale alla produzione e per la loro crescita futura.

Il piano Industria 4.0  un anno dopo. Analisi e prospettive future

Elena Prodi, Francesco Seghezzi, Michele Tiraboschi (a cura di)

ADAPT University Press , 2017