Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Donne e uomini d’impresa

Una ricerca appena pubblicata mette a nudo i danni provocati dagli stereotipi sulla parità di genere

 

Donne e uomini al governo dell’impresa. Eterno (spesso inutile) confronto attorno al quale lo scontro passa anche per la scarsa conoscenza delle reali situazioni. Per fare chiarezza Mariasole Bannò e Giorgia Maria D’Allura hanno condotto una ricerca con un obiettivo: proporre uno schema interpretativo e una verifica empirica dell’influsso delle donne nel governo dell’impresa su tre grandi argomenti: l’innovazione, l’internazionalizzazione e la sostenibilità delle imprese stesse. Tutto partendo da un assunto: “Le scelte strategiche e il comportamento delle imprese possono essere spiegati, almeno in parte, dal profilo dei soggetti che compongono il governo dell’impresa”. E sottolineando però un dato di fatto: “Le capacità e le competenze delle persone in posizioni di vertice non sono, ovviamente, correlate al genere. Tuttavia, la composizione di genere dell’organo di governo ha ampiamente attirato l’attenzione dei ricercatori e delle ricercatrici ed è stata studiata da numerose prospettive teoriche. La produzione scientifica fino ad oggi generata merita attenzione rispetto a un tema centrale negli studi di genere: gli stereotipi”.

La ricerca fornisce una rassegna degli studi principali ma prova anche a delineare una interpretazione nuova, e soprattutto equilibrata, delle situazioni che si generano nelle imprese.

Bannò e D’Allura esaminano prima il quado statistico delle diseguaglianze di genera a livello europeo e italiano, successivamente prendono in considerazione il contributo apportato comunque dalle teorie femministe e, quindi, quello delle teorie manageriali. Nella seconda parte dell’indagine le due ricercatrici affrontano i tre temi sui quali fornire un’interpretazione più accurata.

Tra le conclusioni, le due autrici rilevano come nei CdA “le donne sono un simbolo (token) nei CdA quando non superano una certa soglia e, pertanto, restano inascoltate”, mentre “solo se raggiungono la massa critica esse si sentono nelle condizioni di potersi esprimere liberamente e possono aspettarsi di essere ascoltate”, ma soprattutto che tutto dipende dal tipo di impresa analizzato.

Soprattutto Bannò e D’Allura sottolineano: “La letteratura sintetizzata (…) suggerisce chiaramente che l’attuale misconoscenza delle capacità e competenze delle donne deve essere necessariamente rivista”. Serve però un “nuovo approccio manageriale volto a nutrire la consapevolezza che non esistono capacità o competenze legate al genere, ma esistono contesti in cui vi sono degli stereotipi che influiscono sulla valutazione di tali competenze”.

Donne e governo d’impresa. Prospettive teoriche ed evidenze empiriche

Mariasole Bannò Giorgia Maria D’Allura

Franco Angeli Open Access, 2022

Una ricerca appena pubblicata mette a nudo i danni provocati dagli stereotipi sulla parità di genere

 

Donne e uomini al governo dell’impresa. Eterno (spesso inutile) confronto attorno al quale lo scontro passa anche per la scarsa conoscenza delle reali situazioni. Per fare chiarezza Mariasole Bannò e Giorgia Maria D’Allura hanno condotto una ricerca con un obiettivo: proporre uno schema interpretativo e una verifica empirica dell’influsso delle donne nel governo dell’impresa su tre grandi argomenti: l’innovazione, l’internazionalizzazione e la sostenibilità delle imprese stesse. Tutto partendo da un assunto: “Le scelte strategiche e il comportamento delle imprese possono essere spiegati, almeno in parte, dal profilo dei soggetti che compongono il governo dell’impresa”. E sottolineando però un dato di fatto: “Le capacità e le competenze delle persone in posizioni di vertice non sono, ovviamente, correlate al genere. Tuttavia, la composizione di genere dell’organo di governo ha ampiamente attirato l’attenzione dei ricercatori e delle ricercatrici ed è stata studiata da numerose prospettive teoriche. La produzione scientifica fino ad oggi generata merita attenzione rispetto a un tema centrale negli studi di genere: gli stereotipi”.

La ricerca fornisce una rassegna degli studi principali ma prova anche a delineare una interpretazione nuova, e soprattutto equilibrata, delle situazioni che si generano nelle imprese.

Bannò e D’Allura esaminano prima il quado statistico delle diseguaglianze di genera a livello europeo e italiano, successivamente prendono in considerazione il contributo apportato comunque dalle teorie femministe e, quindi, quello delle teorie manageriali. Nella seconda parte dell’indagine le due ricercatrici affrontano i tre temi sui quali fornire un’interpretazione più accurata.

Tra le conclusioni, le due autrici rilevano come nei CdA “le donne sono un simbolo (token) nei CdA quando non superano una certa soglia e, pertanto, restano inascoltate”, mentre “solo se raggiungono la massa critica esse si sentono nelle condizioni di potersi esprimere liberamente e possono aspettarsi di essere ascoltate”, ma soprattutto che tutto dipende dal tipo di impresa analizzato.

Soprattutto Bannò e D’Allura sottolineano: “La letteratura sintetizzata (…) suggerisce chiaramente che l’attuale misconoscenza delle capacità e competenze delle donne deve essere necessariamente rivista”. Serve però un “nuovo approccio manageriale volto a nutrire la consapevolezza che non esistono capacità o competenze legate al genere, ma esistono contesti in cui vi sono degli stereotipi che influiscono sulla valutazione di tali competenze”.

Donne e governo d’impresa. Prospettive teoriche ed evidenze empiriche

Mariasole Bannò Giorgia Maria D’Allura

Franco Angeli Open Access, 2022