Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Ecco come cambiano “i lavori”: addio posti di bassa qualità, è la stagione “steam”, scienza, tecnologia, engineering, arte e matematica

Spariranno i postini. E gli stenografi. I centralinisti. E i braccianti agricoli. E sarà il tempo dei biotecnologi, dei medici capaci di diagnosi e cure nanotech e soprattutto degli addetti ai social network e al marketing digitale, degli specialisti di tecnologia cloud, degli sviluppatori di app, insomma degli informatici ipertecnologici, trasversali ai bisogni di crescita dell’industria, dei servizi e dell’agricoltura stessa. Ma si allargheranno anche le opportunità per gli esperti di benessere e tempo libero, come gli “istruttori di zumba”(fitness musicale) e gli istruttori di ginnastica da spiaggia (uno dei mestieri più cresciuti nel mondo dal 2008 a oggi, di ben 3.360 volte, subito dopo gli operatori di big data: un trionfo del turismo da villaggi e lidi marittimi attrezzati per vacanze di massa).

I dati sono contenuti in una ricerca della Deloitte, una delle maggiori società di consulenza internazionale e dell’università di Oxford (La Stampa, 12 novembre). E confermano la radicalità e la profondità degli sconvolgimenti in corso. “La fine del lavoro”, aveva scritto nel 1995 Jeremy Rifkin, acuto analista dei cambiamenti economici. Era stato buon profeta. Sono poi arrivate le analisi sulla fine del fordismo e sulle “mutuazioni individualiste” anche sul versante di mestieri e professioni, sino alle elaborazioni sull’”età dei lavori” (cui si ispira anche il Job Act del governo Renzi). Addio “lavoro”, per dirla in sintesi. Benvenuti “lavori”.

Siamo in una stagione di transizione, in cui hanno ancora peso vecchi sistemi produttivi, in crisi (con tanto di proteste sociali di chi perde il posto di lavoro) ma già si costruiscono nuovi equilibri. E gli osservatori più attenti delle trasformazioni fanno notare che la rivoluzione digitale va avanti impetuosa, con esiti economici ancora imprevedibili. “Oggi si studia in vista di professioni non ancora create, fatte con tecnologie da inventare per problemi che adesso non conosciamo”, sostiene, sul filo del paradosso, Andrea Cammelli, direttore di Almalaurea, la maggior banca dati dei laureati in Italia (la Repubblica, 10 novembre).

C’è un conto, che viene dalla Gran Bretagna, di cui molto si discute: nell’arco dei prossimi dieci anni dieci milioni di posti di lavoro verranno persi, perché a svolgerli saranno i robot (La Stampa, 12 novembre): quelli più ripetitivi, di bassa qualità, poco pagati. Una cattiva notizia, dunque. Ma anche una buona notizia: si liberano risorse per attività più qualificate, meglio pagate, più soddisfacenti. A patto, naturalmente, di avviare robusti programmi di formazione hi tech e di riqualificazione di mano d’opera espulsa dai vecchi processi produttivi. Nell’età dell’”economia della conoscenza”, appunto, valgono le abilità digitali, ma anche le competenze più generali, per permettere alle persone di non essere “operai dell’information technology” ma esperti con consapevolezza e responsabilità.

E’ in corso, insomma, una stagione che gli esperti definiscono basata sul modello “stem” (scienza, tecnologia, engineering e matematica). E che, guardando all’Italia, Gianfelice Rocca, presidente di Assolombarda e per molti anni responsabile dell’education per Confindustria, modifica e ampia in “steam”, il buon “vapore” che alimenta lo sviluppo, dove la “a” aggiunta sta per “arts”, il complesso di conoscenze umanistiche, letterarie, artistiche, appunto: una specializzazione in cui il nostro paese ha un vero e proprio primato storico, adesso naturalmente da difendere in chiave hi tech (dunque investendo sulla scuola e l’information technology collegata, superando il divario digitale che ancora ci pesa e la condizione marginale in Europa d’una scuola che ha appena 6 computer ogni 100 studenti, contro la media Ue di 16).

Intelligenza e conoscenza come chiave di sviluppo, dunque. E apertura alle trasformazioni del mondo del lavoro. Tenendo bene a mente un calcolo di Enrico Moretti, brillante economista dell’università di Berkeley, nel suo libro su “La nuova geografia del lavoro”: per un nuovo posto di lavoro a sofisticato contenuto tecnologico, un ingegnere o un informatico ad alta specializzazione, un software designer di Google o un fisico esperto in nanotecnologie se ne creano altri cinque, sia in settori qualificati (avvocati, insegnanti, medici, infermieri) sia in settori meno qualificati, legati ai servizi alle imprese e alle persone. Si alimenta comunque un volano economico positivo. E si mette in moto un vero e proprio “ascensore sociale” (importa ciò che sai, impari e sai fare, non chi sei, per estrazione familiare) che fa da ulteriore molla della crescita.