Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Ecco le qualità del manager ideale: etica, ironia e capacità di coinvolgere

Quali sono le dieci qualità del manager ideale? La passione giornalistica per le classifiche ha portato il “Corriere della Sera” (13 giugno,a  firma di Iolanda Barera) a sondare alcuni esperti di grandi business school internazionali, dalla Saïd della Oxford University a Hec di Parigi. Il risultato? Ai primi posti, nella ideale hit parade delle buone attitudini, ci sono “umiltà, etica e senso dell’umorismo”. Valori importanti. Che dicono come siano cambiate le regole della leadership anche nel mondo economico e come, alle inclinazioni al comando, vadano aggiunte – e con grande rilievo – quelle alla critica e alla costruzione del consenso. Nell’elenco, infatti, “la capacità di guardarsi dentro con onestà” ha una priorità sulla tanto propagandata  “vision”, perché “prima di sapere dove vuoi condurre la tua squadra, la tua azienda, devi avere ben chiaro in mente chi sei. Se non conosci bene te stesso non puoi gestire gli altri”, spiega Peter Tufano, rettore della Saïd (applicazione aziendalistica del “conosci te stesso”, il motto scritto sul frontone del tempio di Apollo a Delfi, caro ai più saggi filosofi greci). Dunque, consapevolezza critica e naturalmente autocritica (ecco il senso dell’umiltà), senso di responsabilità e, contemporaneamente, curiosità (attitudine a fare e farsi domande, a voler accogliere la sfida di quel che non si sa o ancora non si capisce) e lungimiranza per “capire il contesto”.

I mercati sono volatili, gli ambienti economici mutevoli, i fattori che influenzano i comportamenti e le scelte economiche legati non solo a un razionale calcolo di interessi, ma a una lunga e spesso contraddittoria serie di dati psicologici, desideri, aspettative, emozioni. E le differenze di culture, attitudini, orientamenti sono accentuate dall’incrocio di più elementi, in contesti multinazionali. Dunque, ecco la necessità di una profonda e sincera attitudine a mettersi in gioco, imparare a dialogare (il che vuol dire anche saper ascoltare, prima ancora che provare a convincere), sapere confrontare e incrociare competenze diverse.

Provare, sbagliare, ricominciare. La filosofia della scienza, lungo il corso del Novecento, ci ha insegnato che la ricerca procede per “falsificazioni” ed “errori” da cui ripartire (ecco l’importanza, per un buon manager, di leggere o comunque rileggere attentamente la lezione di Karl Popper). E dunque è necessario rifuggire dai pensieri dogmatici, da vecchie tendenze autoritarie prive di autorevolezza, dal fastidio per le critiche, anche ruvide, che vengano dai propri collaboratori, dai membri della propria squadra. Il capo non ha “sempre ragione” perché è il capo, ma la sua leadership si poggia proprio sull’attitudine a ascoltare, ammettere l’errore e il torto, fare una nuova sintesi e ricominciare da capo. L’infallibilità non è più una virtù (e d’altronde, il geniale sarcastico Leo Longanesi, quando aveva coniato lo slogan “il Duce ha sempre ragione”, aveva messo consapevolmente in piedi un gigantesco sberleffo, che però purtroppo fu preso come una cosa seria).

Serve dunque anche una buona dose di ironia, un pensiero lieve, umoristico e non retorico anche con le cose più importanti. E un forte senso di “etica e responsabilità sociale”. Per conquistare, difendere e rinnovare autorità e legittimazione, per dare nuova forza alla leadership. “Oggi i manager devono essere più flessibili, soprattutto nei mercati internazionali, pronti ad aggiustare la traiettoria delle proprie scelte o addirittura a cambiare direzione”, sostiene Tufano, della Saïd. Essere “resilienti” (adattabili ai cambiamenti), se vogliamo usare una formulazione cara alla cultura d’impresa italiana e più volte richiamata in questo blog.

Una “leadership convocativa”, per usare l’espressione di sintesi del sociologo Francesco Morace, ovvero una capacità di guida fondata sul paradigma “trust & sharing” e cioè sull’impegno non solo “a lanciare una visione” (mestiere storico dell’imprenditore, strutturalmente innovativo) ma anche e soprattutto a sollecitare l’interesse delle persone, la loro collaborazione, la partecipazione responsabile. Una vera e propria “catena della fiducia”, di cui si è per esempio discusso, nei giorni scorsi, alla Fondazione Pirelli, durante la XIX Conferenza degli Amici di Aspen, presieduta da Beatrice Trussardi e dedicata a “Il nuovo imprenditore: internazionale, aperto al rischio, capace di comunicare”. Una sfida di leadership, appunto.

Servono dunque attitudini al comando. Ma soprattutto capacità di guida, con l’influenza, l’esempio, il coinvolgimento. “Non pretendere che le persone facciano questo o quello, ma ottenere che esse vogliano fare”, spiegano Alexander S. Haslam, Stephen D. Reicher e Michael J. Platow in “Psicologia del leader – Identità, influenza e potere”, un bel libro pubblicato di recente da Il Mulino con una stimolante prefazione  di George A. Akerlof, premio Nobel per l’economia.

Una leadership “identitaria”, appunto. Fondata su quattro pilastri: “I leader rappresentano il gruppo che ambiscono guidare, sono paladini dei suoi interessi, esercitano la loro influenza facilitando l’identità del gruppo e il coinvolgimento collettivo, realizzano concretamente tale identità mobilitando le energie disponibili verso risultati di valore condiviso”.  Un nuovo tipo di carisma, una nuova cultura della responsabilità. Comandare, coinvolgere, indicare la strada e farsene interpreti coerenti (ma non ostinati e fanatici). E, naturalmente, sorridere.