Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Emotività d’impresa

In un libro un tentativo di sintesi dei cambiamenti in corso nel sistema della produzione industriale

Uomo e macchina. Binomio ormai storico, controverso, combattuto, foriero di scontri, campo di battaglia di confronti ideologici, sintesi di quotidianità per milioni di persone. Tema ancora oggi comunque sempre importante da affrontare. Soprattutto oggi – forse più di ieri -, a causa dell’evoluzione rapida delle macchine e delle organizzazioni della produzione. Leggere “Organizzazioni Emotive (creative e intelligenti). Tra Welfare aziendale, responsabilità, partecipazione e resilienza” di Luciano Pilotti può essere allora un buon modo per cercare una sintesi aggiornata della questione. Che, d’altra parte, tocca un po’ tutti gli ambiti di lavoro e che di questi tempi si va arricchendo di spunti nuovi: dal welfare alla resilienza.

Il filo conduttore del libro di Pilotti (ordinario presso il Dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’Università Statale di Milano), è costituito dalla constatazione che il fattore strategico del futuro nella società della conoscenza, delle pratiche dei saperi e dei mondi digitali, è la qualità del capitale umano e delle relazioni che le danno forma organizzata, non solo la disponibilità di materie prime o di tecnologie avanzate. Uomo e macchina, appunto, ma in una forma nuova e più complessa. L’orizzonte ultimo è certamente quello di un nuovo umanesimo del lavoro, al quale giungere, tuttavia, attraverso un percorso non certo lineare e non certo privo di ostacoli.

Obiettivo del saggio è quello di fare luce sul percorso che riporta la persona al centro dei processi guardando ai rapporti tra organizzazioni, digitalizzazione ed emozioni. Pilotti vuole così ricongiungere ciò che il fordismo aveva separato: macchine e uomo, intellettuale e manuale, mente corpo e coscienza, intelligenza ed azione, individuo e comunità.

Sullo sfondo, poi, l’individuazione di un benessere d’impresa e del lavoro che sia fatto non solo di profitti e redditi ma anche di qualcosa d’altro. Pilotti scrive così di organizzazioni dinamiche che possano aiutare ad arrivare ad un traguardo di questo genere valorizzando i fattori emozionali e le molteplici intelligenze umane e dei gruppi. Si tratta, tra l’altro, di quella che l’autore indica come una trasformazione ormai necessaria delle organizzazioni per ricostruire un senso di appartenenza aziendale come bene comune che richiede forme “forti” di partecipazione diretta e indiretta alla generazione di valore.

Il libro inizia con il delineare il contesto “micro e macro” economico, passa poi a ragionare sui rapporti tra produttività e benessere per arrivare quindi ad affrontare le relazioni tra organizzazioni “razionaliste” e nuovi modi di lavorare. L’autore quindi arriva a delineare la necessità di un “nuovo patto sociale” per “il rinascimento civile di un capitalismo partecipato, solidale, responsabile e inclusivo”.

Quello di Pilotti è un libro complesso, con cui non vi è obbligo di essere sempre d’accordo ma che deve essere però letto con attenzione ricco com’è di motivi di riflessione su come stanno cambiando il sistema delle imprese e della produzione nelle nostre società.

Organizzazioni Emotive (Creative e intelligenti). Tra Welfare aziendale, responsabilità, partecipazione e resilienza

Luciano Pilotti

Mc Graw Hill-Fondazione Casa della Carità, 2020