Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Energia, rischi e necessità di sviluppo

Il direttore di Banca d’Italia ragiona sui cambiamenti in corso e sul “trilemma energetico”

Ripensare velocemente piani e prospettive, la stessa “filosofia” che guida le azioni dei singoli oppure dei gruppi. E’ quanto si è indotti a fare in questi ultimi giorni. Ed è quanto fanno (oppure dovrebbero fare), sostanzialmente tutti. Senza, ben inteso, mutare i fondamenti della propria cultura (anche d’impresa), ma certamente  rivedendoli, migliorandoli, facendoli evolvere. Serve anche a questo leggere “Transizione climatica, finanza e regole prudenziali” intervento di i Luigi Federico Signorini (Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’IVASS) svolto il 3 marzo scorso alla XVII Convention AIFIRM.

Signorini prende in considerazione un particolare aspetto della quotidianità – quello della transizione climatica e quindi dell’energia -, ma le sue considerazioni valgono un po’ per tutti i campi dell’attuale agire sociale.

“Sono giorni molto difficili quelli in cui ci stiamo incontrando – dice quindi il relatore -. Gli eventi sconvolgenti dell’ultima settimana impongono di ripensare a certi snodi essenziali del nostro comportamento individuale e collettivo. Tra essi, forse non al primo posto ma sicuramente neanche all’ultimo, le strategie energetiche, di cui gli avvenimenti correnti stanno mostrando le implicazioni politiche e di sicurezza, oltre a quelle più propriamente ambientali”.

Signorini quindi passa ad analizzare il tema che gli è stato affidato ragionando sul cosiddetto “trilemma energetico” per poi passare al “ruolo della finanza e degli intermediari finanziari nella transizione energetica” oltre che della “gestione dei rischi relativi”. Ed è quindi sulla questione del rischi climatici (e catastrofali) e delle relative possibilità di assicurazione che il presidente di IVASS conduce la sua analisi; a questa segue poi un’ulteriore analisi sul fronte della finanza in qualche modo toccata sia dal mutamento climatico, sia da quello energetico (entrambi poi influenzati dai mutamenti delle politiche internazionali e dei rapporti di forza). Il punto su banche, assicurazioni e affidabilità dei dati, conclude poi l’intervento del direttore di Banca d’Italia.

La necessità di assicurare una gestione positiva e prudenziale della produzione e degli usi dell’energia, fa capire Signorini, costituisce non solo una questione tecnica ma anche politica e culturale ormai imprescindibile.

Serve davvero leggere l’analisi condotta da Signorini che ha il gran pregio di collegare tra loro argomenti che nella realtà sono intrecciati ma dei quali non tutti colgono i legami.

Transizione climatica, finanza e regole prudenziali

Intervento di Luigi Federico Signorini Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’IVASS XVII convention AIFIRM “Il trend inarrestabile dell’economia digitale e ESG: il pensiero dei banchieri, dei CRO e della Vigilanza”

3 marzo 2022

Il direttore di Banca d’Italia ragiona sui cambiamenti in corso e sul “trilemma energetico”

Ripensare velocemente piani e prospettive, la stessa “filosofia” che guida le azioni dei singoli oppure dei gruppi. E’ quanto si è indotti a fare in questi ultimi giorni. Ed è quanto fanno (oppure dovrebbero fare), sostanzialmente tutti. Senza, ben inteso, mutare i fondamenti della propria cultura (anche d’impresa), ma certamente  rivedendoli, migliorandoli, facendoli evolvere. Serve anche a questo leggere “Transizione climatica, finanza e regole prudenziali” intervento di i Luigi Federico Signorini (Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’IVASS) svolto il 3 marzo scorso alla XVII Convention AIFIRM.

Signorini prende in considerazione un particolare aspetto della quotidianità – quello della transizione climatica e quindi dell’energia -, ma le sue considerazioni valgono un po’ per tutti i campi dell’attuale agire sociale.

“Sono giorni molto difficili quelli in cui ci stiamo incontrando – dice quindi il relatore -. Gli eventi sconvolgenti dell’ultima settimana impongono di ripensare a certi snodi essenziali del nostro comportamento individuale e collettivo. Tra essi, forse non al primo posto ma sicuramente neanche all’ultimo, le strategie energetiche, di cui gli avvenimenti correnti stanno mostrando le implicazioni politiche e di sicurezza, oltre a quelle più propriamente ambientali”.

Signorini quindi passa ad analizzare il tema che gli è stato affidato ragionando sul cosiddetto “trilemma energetico” per poi passare al “ruolo della finanza e degli intermediari finanziari nella transizione energetica” oltre che della “gestione dei rischi relativi”. Ed è quindi sulla questione del rischi climatici (e catastrofali) e delle relative possibilità di assicurazione che il presidente di IVASS conduce la sua analisi; a questa segue poi un’ulteriore analisi sul fronte della finanza in qualche modo toccata sia dal mutamento climatico, sia da quello energetico (entrambi poi influenzati dai mutamenti delle politiche internazionali e dei rapporti di forza). Il punto su banche, assicurazioni e affidabilità dei dati, conclude poi l’intervento del direttore di Banca d’Italia.

La necessità di assicurare una gestione positiva e prudenziale della produzione e degli usi dell’energia, fa capire Signorini, costituisce non solo una questione tecnica ma anche politica e culturale ormai imprescindibile.

Serve davvero leggere l’analisi condotta da Signorini che ha il gran pregio di collegare tra loro argomenti che nella realtà sono intrecciati ma dei quali non tutti colgono i legami.

Transizione climatica, finanza e regole prudenziali

Intervento di Luigi Federico Signorini Direttore Generale della Banca d’Italia e Presidente dell’IVASS XVII convention AIFIRM “Il trend inarrestabile dell’economia digitale e ESG: il pensiero dei banchieri, dei CRO e della Vigilanza”

3 marzo 2022