Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Export, è ancora record per le QuattroA della migliore manifattura

L’impresa italiana d’eccellenza migliora ancora la sua competitività. Lo dicono i dati sull’export che nel 2014 ha sfiorato i 400 miliardi (398, per l’esattezza), con un incremento di 61 miliardi tra il 2010 e il 2014. Export da industria, servizi esclusi. Primato manifatturiero, insomma. Con un rilevante contributo ai conti generali del sistema Paese, che nello stesso periodo ha visto migliorare la sua bilancia commerciale complessiva di 73 miliardi, passando da un saldo negativo di 30 miliardi a un saldo positivo di 42,9. Per i manufatti in particolare, la crescita è stata di 62 miliardi. Minor apporto di importazioni, certo (la Grande Crisi ha gelato il mercato interno). Ma anche miglioramento dei prodotti destinati a competere sui mercati internazionali e aumento delle capacità produttive interne (siamo andati molto avanti, per esempio, nelle apparecchiature per l’energia rinnovabile, che prima importavamo massicciamente dall’estero).

I dati vengono da una recente indagine del’Osservatorio Gea-Fondazione Edison. E confermano che a trainare l’export, record dopo record, ci sono le “QuattroA” della più qualificata industria italiana, che nel 2014 hanno determinato un surplus commerciale di 128 miliardi di euro: Automazione-meccanica-gomma-plastica per 84 miliardi (ecco qui, la punta alta dell’eccellenza) e poi Abbigliamento-moda-cosmetici per 25 miliardi, Arredo-casa per 12 miliardi e Alimentari e vini per 7 miliardi.

Ancora dati su cui riflettere: dei 5mila prodotti in cui è suddiviso il commercio mondiale, per 928 l’Italia è prima o seconda o terza per miglior bilancia commerciale. Mille campioni mondiali del “made in Italy”, potremmo dire. Una condizione che deve spingere a scrivere un altro racconto sull’economia e sull’industria italiana, tale da fare emergere la realtà della “buona manifattura” e individuare correttamente la leva su cui fondare le politiche di sviluppo.

Italiani “bravi meccanici”, innanzitutto, ampiamente competitivi con i principali concorrenti, i tedeschi, cui reggiamo bene testa, nonostante una certa interessata propaganda nutrita dalla Germania attribuisca a se stessa il primato di questo settore industriale (in altri termini, per automazione, meccanica, gomma e plastica i tedeschi non sono affatto dei fuori-serie, ma solo dei concorrenti da emulare e battere).

Poi, italiani bravi a confrontarsi sui mercati internazionali e con buoni risultati crescenti (nonostante le istituzioni e il sistema bancario aiutino poco, al contrario per quel che succede ai nostri concorrenti tedeschi o francesi, ben sorretti dallo Stato). Con una capacità di superare la concorrenza che si è molto affinata nel corso degli anni Duemila, quando finalmente si è preso atto che la “svalutazione competitiva” permessa dalla fragile lira non era più possibile e si è imparato a competere non sul basso prezzo ma sull’alta qualità.

Eccoci dunque al punto: crescere sull’eccellenza manifatturiera medium tech (che incorpora ricerca e servizi avanzati) e ampliare l’orizzonte dei mercati, oltre i confini Ue: gli Usa, la Cina e tutto il Far East, la Russia (che prima o poi si riprenderà), il Brasile (che nonostante la crisi resta un grande Paese attratto dal “made in Italy) e, adesso, anche l’Iran. C’è molta strada, da fare. E la manifattura italiana è ben attrezzata.