Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Invia la tua richiesta per una visita guidata alla Fondazione Pirelli

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Globalizzazione attenta al territorio

Una ricerca dell’Istituto Bruno Leoni ragiona sul possibile ruolo delle multinazionali nella valorizzazione delle imprese locali

 

Fare impresa rispettando le radici affondate nel territorio ma guardando anche ai mercati internazionali. Equivalenza non facile, quella del binomio territorio-globalizzazione, è in effetti il paradigma di uno dei possibili, e forse più promettenti, percorsi di crescita e sviluppo. Ed è quanto, in fin dei conti, molti hanno tentato di fare. Spesso con successo. Il tema, d’altra parte, è complesso e multiforme e non può essere ridotto ad un processo meccanicistico. La ricerca di Ornella Darova (PhD student  presso la University  of Pennsylvania), condotta per l’Istituto Bruno Leoni e appena pubblicata, è un buon esempio per comprendere meglio quanto varie siano le condizioni dei rapporti fra produzioni locali e mercati globali.

“E se le multinazionali fossero i migliori promotori del made in Italy?”, analizza il ruolo delle multinazionali in Italia dal punto di vista della loro attenzione (e possibile valorizzazione) ad alcune delle eccellenze manifatturiere nazionali. Dopo aver delineato un quadro aggiornato dei risultati economici delle multinazionali e della situazione in Italia, Darova elenca ed esamina una serie di casi studio relative a multinazionali che hanno iniziato a valorizzare materie prime e prodotti strettamente italiani: McDonald’s e la sua attenzione ad alcune tipicità italiane, GROM e la sua trasformazione in Unilever, le caramelle Sperlari e la rinascita nel gruppo Cloetta, Fanta e Coca-Cola con la scommessa sulle arance italiane, HelloITA: il progetto di Alibaba per il made in Italy, Findus. Per ogni caso vengono analizzati storia e situazione attuale, mettendo in evidenza il ruolo positivo della presenza di un’impresa multinazionale a fianco di realtà locali.

Scrive l’autrice nelle conclusioni: “Di fatto, le multinazionali possono giocare il ruolo di facilitatori per l’inserimento delle imprese italiane nelle catene di valore globali”. E poi la stessa aggiunge: “La possibilità di creare ecosistemi imprenditoriali strategici, all’avanguardia e in crescita dipende dalla capacità degli attori esistenti sul territorio di aprirsi al mercato globale e di guardare al futuro immaginando percorsi di promozione delle eccellenze locali che non si isolino a contesti limitati ma sappiano affrontare prospettive internazionali. Non è utile, dunque, guardare alle multinazionali soltanto come ad una minaccia, ponendosi in posizione difensiva: è ben più vantaggioso, invece, stringere rapporti di collaborazione che rappresentino un’occasione di profitto per entrambi i fronti”. Questione certamente anche e soprattutto di cultura del produrre che deve cambiare. Da entrambe le parti.

 

E se le multinazionali fossero i migliori promotori del made in Italy?
Ornella Darova
IBL – Istituto Bruno Leoni, Briefing Paper, ottobre 2019

Download PDF