Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

I limiti dell’abbondanza

Nell’era dell’abbondanza e del consumismo sfrenati (che però iniziano a far vedere tutte le loro crepe), vale la pena di chiedersi seriamente “quanto sia abbastanza”, cioè quale sia il limite “giusto” nella ricerca, per esempio, del profitto, dell’acquisto di beni, delle strategie commerciali più sfrenate, dell’affermazione sui mercati, del successo aziendale e personale. Viviamo immersi nell’economia di mercato che, adesso, ci presenta il conto. Che, in qualche modo, occorre pagare.

Come farlo nel migliore dei modi, arrivando non tanto ad un’economia diversa ma soprattutto ad un “vita buona”, ci viene indicato da una schiera sempre più fitta di pensatori. Ma “Quanto è abbastanza” di Robert e Edward Skidelski (padre e figlio, economista all’Università di Warwick il primo, filosofo all’Università di Exeter il secondo), rappresenta un raro esempio di viaggio a rotta di collo lungo un percorso inconsueto, accattivante, denso e sorprendente verso il traguardo di un assetto sociale ed economico nuovi, un modo di fare impresa più avanzato, una concezione del mercato moderna e sostenibile.

I due Skidelski, accompagnano chi legge da buoni divulgatori che maneggiano con cognizione di causa l’intero scibile delle due materie di cui si occupano: un linguaggio leggero ma preciso, afferrabile da tutti ma denso. Partendo da un famoso saggio di John Maynard Keynes – “Prospettive economiche per i nostri nipoti” -, gli autori esplorano la nascita e la crescita dell’attuale sistema di produzione e di mercato, il sorgere dell’imprenditorialità e delle questioni legate al profitto, i passi dell’economia e della filosofia per dare senso al tutto.  L’economia e la cultura dell’impresa vengono collegate ai cambiamenti sociali, questi all’evoluzione delle necessità per il sostentamento materiale e immateriale, tutto per arrivare ad una serie di “elementi per una vita nuova” fatti da “beni fondamentali” materiali e (soprattutto) immateriali. E, a fare da guide lungo tutto il viaggio, alcuni dei più bei nomi dell’economia e della filosofia dell’ultimo secolo.

Quanto è abbastanza

Robert e Edward Skidelski

Mondadori, 2013

Nell’era dell’abbondanza e del consumismo sfrenati (che però iniziano a far vedere tutte le loro crepe), vale la pena di chiedersi seriamente “quanto sia abbastanza”, cioè quale sia il limite “giusto” nella ricerca, per esempio, del profitto, dell’acquisto di beni, delle strategie commerciali più sfrenate, dell’affermazione sui mercati, del successo aziendale e personale. Viviamo immersi nell’economia di mercato che, adesso, ci presenta il conto. Che, in qualche modo, occorre pagare.

Come farlo nel migliore dei modi, arrivando non tanto ad un’economia diversa ma soprattutto ad un “vita buona”, ci viene indicato da una schiera sempre più fitta di pensatori. Ma “Quanto è abbastanza” di Robert e Edward Skidelski (padre e figlio, economista all’Università di Warwick il primo, filosofo all’Università di Exeter il secondo), rappresenta un raro esempio di viaggio a rotta di collo lungo un percorso inconsueto, accattivante, denso e sorprendente verso il traguardo di un assetto sociale ed economico nuovi, un modo di fare impresa più avanzato, una concezione del mercato moderna e sostenibile.

I due Skidelski, accompagnano chi legge da buoni divulgatori che maneggiano con cognizione di causa l’intero scibile delle due materie di cui si occupano: un linguaggio leggero ma preciso, afferrabile da tutti ma denso. Partendo da un famoso saggio di John Maynard Keynes – “Prospettive economiche per i nostri nipoti” -, gli autori esplorano la nascita e la crescita dell’attuale sistema di produzione e di mercato, il sorgere dell’imprenditorialità e delle questioni legate al profitto, i passi dell’economia e della filosofia per dare senso al tutto.  L’economia e la cultura dell’impresa vengono collegate ai cambiamenti sociali, questi all’evoluzione delle necessità per il sostentamento materiale e immateriale, tutto per arrivare ad una serie di “elementi per una vita nuova” fatti da “beni fondamentali” materiali e (soprattutto) immateriali. E, a fare da guide lungo tutto il viaggio, alcuni dei più bei nomi dell’economia e della filosofia dell’ultimo secolo.

Quanto è abbastanza

Robert e Edward Skidelski

Mondadori, 2013