Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

I mercati sono conversazioni, in inglese, ma anche in buon italiano

I mercati sono conversazioni”, sosteneva l’abate Ferdinando Galiani, economista napoletano apprezzatissimo nei salotti dell’Illuminismo francese. E proprio con questa frase si apre il “Cluetrain manifesto”, il libro di LevineLockeSearis e Weinberger che nel 2000, tra appassionati sostenitori e accesi critici, prova a definire la nuova era della comunicazione Internet che stravolge il marketing e le culture aziendali (“Le aziende devono chiedersi dove finisce la loro cultura d’impresa e se finisce prima che inizi la comunità, allora non hanno mercato”). I percorsi delle idee sono affascinanti. E la relazione tra la lucida consapevolezza di una delle più belle intelligenze del Settecento italiano e la visionarietà dei circoli hi tech americani conferma quanta forza possa ancora avere la tradizione culturale, filosofica europea in tempi incerti in cui memoria e futuro devono costruire nuove sintesi di sviluppo.

Conversazioni”, dunque. L’abate Galiani faceva uso, come tutte le persone colte dell’epoca, di un elegante francese che seduceva madame Louise d’Épinay, la protettrice di Rousseau. Oggi, la lingua dei mercati è l’inglese o, più esattamente, quell’ibrido scarno tra “british english e “american english” che consente alle persone della finanza, del commercio e dell’impresa di parlarsi e capirsi da Hong Kong a New York, da Londra a Mumbay, dal Qatar a Singapore e così via globalizzando. Una sorta di contemporaneo “sabir”, la lingua (una miscela di dialetti italiani e arabi, spagnolo, francese e greco) che nel corso dei secoli aveva consentito ai mercanti e ai marinai di capirsi lungo le sponde e i porti del Mediterraneo.

Inglese, comunque. Lingua del primato dei mercati del mondo globale. Da conoscere. Da parlare bene. Da considerare con attenzione e rispetto per la sua funzione di relazione, di informazione, di comunicazione. Lingua d’affari. Lingua essenziale (nel duplice senso della sua ineliminabile utilità, ma anche del suo essere ridotta al nucleo dei termini indispensabili a scambiare merci, beni, servizi). Ma anche lingua delle relazioni scientifiche, fondamentali. E dei rapporti internazionali.

Ma qui vale la pena fermarsi un attimo a riflettere. Perché una lingua è molto di più di uno strumento di scambio economico e politico. Esprime storia, culture, valori personali e sociali, idee, abitudini, costumi. E’ testimonianza di identità complesse, di modi di intendere il potere, la fede, ma anche il diritto, la speranza, l’amore. Rivela progetti di costruzione e gestione di comunità. Una lingua è vita, è dunque struttura mobile e mutevole, che ha le sue radici e la sua contemporaneità.

L’impresa italiana è flessibile, innovativa, creativa, capace di conquistare mercati non perché i nostri imprenditori parlino inglese (devono parlarlo, ma non sta qui la loro forza). Ma soprattutto perché alle loro spalle c’è una storia culturale, artistica, sociale molteplice e carica di immaginazione. E tutto questo patrimonio culturale si manifesta in una lingua, l’italiano. Una lingua da salvare e valorizzare, dunque. Nelle scuole. E sul lavoro.

E la conversazione? Si fa in inglese, nel mondo. Ma con le lingue nazionali come retroterra contemporaneamente presente, come valore irrinunciabile. Le buone imprese multinazionali italiane sanno, appunto perché abituate alla intelligente flessibilità italiana e all’importanza di cultura, creatività e immaginazione (che si esprimono innanzitutto nelle lingue nazionali), che bisogna essere “brasiliani in Brasile, turchi in Turchia, cinesi in Cina”, “resilienti”, dunque, adattabili ai cambiamenti. E la ricchezza e la competitività dell’imprenditoria e del management italiano stanno appunto nella nostra capacità di non essere vincolati allo schematismo della cultura manageriale d’impronta anglosassone sino a ieri dominante (e oggi in seria difficoltà d’egemonia dopo la Grande Crisi della rapacità finanziaria nata a Londra e New York). E di curare e promuovere, nel nostro fare impresa, valori, culture, lingue dei vari paesi in cui andiamo a investire, esportare, costruire fabbriche e strutture di servizio. Un piccolo primato italiano. Da continuare a fare vivere.