Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Individui innovatori e imprese felici

L’impresa è anche il lavoro che in essa si esprime e produce. Capire come creare le migliori condizioni perché il lavoro arrivi a dare il meglio se’ stesso, è da tempo uno degli argomenti fondamentali per una buona gestione. Campo di battaglia di teorie opposte, periodico tema di scontro e ribellione, quello del lavoro è insieme a quello dell’imprenditore, l’argomento fondamentale per capire la natura della cultura che anima ogni impresa.

“Capacitare l’innovazione nei contesti organizzativi” di Massimiliano Costa (Università Ca’ Foscari di Venezia), è un tassello in più per approfondire soprattutto un aspetto del rapporto lavoro-impresa: quello dei legami fra organizzazione e miglior risultato del lavoro. L’articolo – apparso su Formazione & Insegnamento -, ragiona di fatto su cosa accade quando il lavoro viene lasciato libero di agire ed esprimersi in un contesto organizzativo innovativo. “Nelle organizzazioni – dice l’autore  -, diventa centrale la libertà per il lavoratore di accedere ad un ventaglio di alternative per realizzare i propri funzionamenti”. L’idea è quella che se si lascia libertà d’espressione al lavoratore, questo crea valore aggiunto e in questo modo può “risolvere problemi, cogliere opportunità, esprimere le potenzialità creativa dell’azienda, genera innovazione”. Ci sarebbe una  sorta di alleanza d’azione fra innovazione, lavoro posto nelle condizioni più consone per esprimersi e progresso d’impresa.

E non solo. Perché l’innovazione non avrebbe ne’ capo ne’ coda, un inizio e una fine  (“Il ciclo di innovazione  – dice l’articolo -, non ha un punto di inizio e un fine definito a cui tendere, è una spirale che risulta contemporaneamente generativa, espansiva e ricorsiva”), e si nutre  e viene spinta anche dalla capacità dei singoli di condividere, trovare, inventare soluzioni nuove.  E’ l’eterno confronto fra individuo e organizzazione che, alla fine, indica il risultato. “Spesso – spiega Costa parlando delle situazioni reali d’impresa -, la resistenza al cambiamento è tale da non consentire un modificarsi degli schemi di azione consueti e da non permettere, quindi, che i collaboratori assumano un’apertura e un atteggiamento che favoriscano l’ingresso di nuove idee e opportunità”.

È una situazione in cui tutti gli attori d’impresa sono chiamati a partecipare. “La responsabilità di innovare – viene quindi sottolineato -, è divenuta oggi una responsabilità diffusa, posta non più, come nel passato, solo nelle mani di alcune funzioni: indipendentemente dal ruolo funzionale, dalle competenze o dalle conoscenze in ingresso, è importante, quindi, che l’organizzazione metta costantemente i suoi membri in condizione di apprendimento”. Costa quindi indica con chiarezza “i luoghi dell’innovazione e della creatività” e le condizioni per la creazione della “capacità di innovare”.

Scritto in maniera non sempre facilissima, “Capacitare l’innovazione nei contesti organizzativi” deve essere letto attentamente  e può contribuire e definire quegli schemi d’azione che in molte realtà aziendali ancora mancano.

Capacitare l’innovazione nei contesti organizzativi

Massimiliano Costa

Università Ca’ Foscari di Venezia

Formazione & Insegnamento XII – 3 – 2014

Download pdf