Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Intangibile forza d’impresa

Un’indagine condotta a più mani svela situazione, problemi e prospettive del sistema industriale italiano di fronte agli Intangible assets

Produzione, benessere e profitti si fanno anche con elementi organizzativi intangibili. Cultura d’impresa ai massimi livelli, dunque. Apporti, modi di essere, approcci  al prodotto e al suo processo di realizzazione che fanno parte del patrimonio di ogni impresa e che danno un’impronta diversa a seconda delle circostanze, della storia e della condizione attuale di ogni organizzazione della produzione.  Formazione e condivisione, quindi, ma non solo. Si tratta di ciò che – in termini sintetici -, viene riassunto sotto l’indicazione di Intangible assets e che è stato studiato in una indagine collettiva condotta dall’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche) nato dopo la trasformazione dell’ISFOL con il ruolo di verificare e orientare le politiche sociali e del lavoro in Italia.

“Intangible assets survey. I risultati della Rilevazione statistica sugli investimenti intangibili delle imprese” è quindi una ricerca condotta a più mani su uno degli aspetti più importanti della gestione e dell’essenza stessa delle imprese.

Dopo un necessario inquadramento dello stato di fatto degli investimenti  intangibili in Italia e nel resto d’Europa, l’indagine fissa subito i suoi obiettivi conoscitivi e approfondisce quindi le caratteristiche degli investimenti in formazione aziendale. Viene posta attenzione ai livelli di spesa sostenuti dalle imprese e alle determinanti che conducono alle scelte di investimento, per poi passare  ad identificare più da vicino la situazione delle imprese italiane di fronte a questo aspetto della loro organizzazione e gestione. Il testo non è sempre di facile lettura, che tuttavia viene agevolata da un apparato importante di schemi e tabelle (istruttivo, per esempio, è lo schema che mette in relazione il settore industriale indagato con la graduatoria di rilevanza degli investimenti intangibili in termini di spesa per addetto).

Ciò che ne emerge non è un quadro composto solo da difficoltà. Scrivono gli autori: “Se, da una parte, gli investimenti intangibili delle imprese italiane non hanno ancora raggiunto un livello ottimale, dall’altra, si sta diffondendo fra le imprese una consapevolezza crescente della rilevanza di tali investimenti per il miglioramento dei propri obiettivi di performance in termini di competitività e internazionalizzazione”. Cultura d’impresa che si forma e si evolve, quindi. Con tutto ciò che rimane ancora da fare. Scrivono infatti ancora gli autori: “La formazione aziendale è l’attività intangibile più diffusa fra le imprese italiane ma si tende ad investire soprattutto in corsi di formazione anziché nelle modalità formative meno strutturate, capaci di favorire l’apprendimento informale, mostrando una strutturazione metodologica poco innovativa”.

Intangible assets survey. I risultati della Rilevazione statistica sugli investimenti intangibili delle imprese

AA.VV.

Inapp (ex Isfol), 2017

Un’indagine condotta a più mani svela situazione, problemi e prospettive del sistema industriale italiano di fronte agli Intangible assets

Produzione, benessere e profitti si fanno anche con elementi organizzativi intangibili. Cultura d’impresa ai massimi livelli, dunque. Apporti, modi di essere, approcci  al prodotto e al suo processo di realizzazione che fanno parte del patrimonio di ogni impresa e che danno un’impronta diversa a seconda delle circostanze, della storia e della condizione attuale di ogni organizzazione della produzione.  Formazione e condivisione, quindi, ma non solo. Si tratta di ciò che – in termini sintetici -, viene riassunto sotto l’indicazione di Intangible assets e che è stato studiato in una indagine collettiva condotta dall’INAPP (Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche) nato dopo la trasformazione dell’ISFOL con il ruolo di verificare e orientare le politiche sociali e del lavoro in Italia.

“Intangible assets survey. I risultati della Rilevazione statistica sugli investimenti intangibili delle imprese” è quindi una ricerca condotta a più mani su uno degli aspetti più importanti della gestione e dell’essenza stessa delle imprese.

Dopo un necessario inquadramento dello stato di fatto degli investimenti  intangibili in Italia e nel resto d’Europa, l’indagine fissa subito i suoi obiettivi conoscitivi e approfondisce quindi le caratteristiche degli investimenti in formazione aziendale. Viene posta attenzione ai livelli di spesa sostenuti dalle imprese e alle determinanti che conducono alle scelte di investimento, per poi passare  ad identificare più da vicino la situazione delle imprese italiane di fronte a questo aspetto della loro organizzazione e gestione. Il testo non è sempre di facile lettura, che tuttavia viene agevolata da un apparato importante di schemi e tabelle (istruttivo, per esempio, è lo schema che mette in relazione il settore industriale indagato con la graduatoria di rilevanza degli investimenti intangibili in termini di spesa per addetto).

Ciò che ne emerge non è un quadro composto solo da difficoltà. Scrivono gli autori: “Se, da una parte, gli investimenti intangibili delle imprese italiane non hanno ancora raggiunto un livello ottimale, dall’altra, si sta diffondendo fra le imprese una consapevolezza crescente della rilevanza di tali investimenti per il miglioramento dei propri obiettivi di performance in termini di competitività e internazionalizzazione”. Cultura d’impresa che si forma e si evolve, quindi. Con tutto ciò che rimane ancora da fare. Scrivono infatti ancora gli autori: “La formazione aziendale è l’attività intangibile più diffusa fra le imprese italiane ma si tende ad investire soprattutto in corsi di formazione anziché nelle modalità formative meno strutturate, capaci di favorire l’apprendimento informale, mostrando una strutturazione metodologica poco innovativa”.

Intangible assets survey. I risultati della Rilevazione statistica sugli investimenti intangibili delle imprese

AA.VV.

Inapp (ex Isfol), 2017