Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Invia la tua richiesta per una visita guidata alla Fondazione Pirelli

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Investimenti internazionali, l’Italia torna attraente: i diversi volti d’una sfida di sviluppo

Tornano gli investimenti esteri in Italia, dopo gli anni peggiori della Grande Crisi. Gli ultimi, la scorsa settimana, sono quelli del Fondo sovrano del Qatar sui grattacieli di Porta Nuova a Milano (l’emirato ha adesso in Italia asset per 3 miliardi) e quelli dei giapponesi di Hitachi per Ansaldo Breda (i treni superveloci) e Sts, 1,9 miliardi pagati a Finmeccanica (pochi, per gioielli di eccellente tecnologia industriale? O sufficienti? Il dibattito politico ed economico impazza). Ma nel corso degli ultimi due anni ce ne sono stati tanti altri: cinesi, russi, americani, francesi (soprattutto nella moda e nel lusso), tedeschi (Audi per le moto Ducati, Volkswagen per le Mv), indiani, turchi, algerini…

L’Italia svende i gioielli di famiglia, dice una certa polemica. L’Italia è di nuovo attrattiva per investimenti che portano ricchezza e sviluppo, ribatte un’altra corrente di opinione. I dati raccontano che gli Ide in entrata (Investimenti diretti esteri) erano 45,5 miliardi nel 2006 e 48 nel 2007, poi erano precipitati a 7,1 nel 2010, a zero nel 2012 e poi finalmente tornati a crescere, a 15 sia nel 2013 che nel 2014 (Fonte: Centro Studi Confindustria). A questi, vanno aggiunti gli investimenti puramente finanziari (anche questi in ripresa).

Sempre i dati testimoniano che l’Italia, nonostante tutto, resta fanalino di coda nella Ue per investimenti internazionali, un fatto negativo che deprime la nostra economia. E a renderci poco attraenti sono la pessima, eccessiva (e corrotta) burocrazia, l’inquinamento del mercato derivante dall’intreccio tra mafia e corruzione, il fisco esoso e complicato, il cattivo funzionamento della giustizia (soprattutto civile e amministrativa), le scadenti infrastrutture (specie quelle digitali), le farraginosità del mercato del lavoro (adesso in parte rimediate dal Jobs Act). E’ una tendenza da investire. Ricostruendo la fiducia nell’Italia.

Dunque, più investimenti esteri, più sviluppo. Una sfida aperta per rendere l’Italia attraente. Il governo Renzi dichiara di impegnarsi in questa direzione.

Certo, gli investimenti non sono tutti uguali. Ci sono quelli speculativi. E quelli che guardano solo a rilevare marchi famosi, con atteggiamento imprenditoriale “neo-coloniale”. Ci sono logiche da “cherry picking”, la scelta fior da fiore senza preoccuparsi di posti di lavoro, identità territoriali, storie d’impresa e faticose ristrutturazioni. E ci sono invece investimenti che valorizzano le nostre capacità industriali, le competenze, le conoscenze, la qualità: come i tedeschi sulle moto, di cui abbiamo detto o la General Electric che compra Aero Avio e ne rafforza, nello stabilimento novarese di Cameri, la competitività internazionale. O, ancora, come l’alleanza tra Sorin e l’azienda Usa Cyberonics per dare vita a un colosso farmaceutico internazionale (“Siamo due eccellenze, la cardiochirurgia resta in Italia”, spiega Rosario Bifulco,  presidente Sorin).

Gli investimenti internazionali nell’industria, insomma, migliorano il nostro livello d’innovazione, la ricerca, la formazione di qualità del capitale umano. Sono una ricchezza, non solo finanziaria, ma complessiva. E rafforzano la nostra cultura d’impresa. “Creatività italiana, metodo e qualità tedeschi, una leva vincente da primato manifatturiero internazionale”, si disse a proposito dell’acquisto di Ducati da Audi. Un buon paradigma. Da valorizzare.