Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

La passione di nuove idee per evitare la mediocrità

“Ci sono più cose in cielo e in terra di quante non ne sogni la tua filosofia, Orazio”. L’ammonimento dell’Amleto di William Shakespeare all’amico filosofo torna in mente quando si pensa ai saperi che un imprenditore o un manager devono coltivare per affrontare tempi oramai lunghi e particolarmente faticosi di crisi. C’è un altro ammonimento, di Emil Cioran, da segnare sui taccuini della nostra coscienza: “La mediocrità di un manager si riconosce dal numero di idee precise che afferma con sicurezza”. Ottimo termometro, per misurare la qualità di molti interlocutori, nel lavoro di ogni giorno. In una nuova cultura d’impresa da ricostruire e ridefinire (in certi casi: da costruire ex novo) è indispensabile dare retta al principe di Danimarca (e al sociologo franco-rumeno) e cercare altre idee, strumenti interpretativi, linguaggi, per governare inedite complessità. In due volumi recenti, “Che cos’è il management” (edito da Mind) e “Il lungo addio / E altri racconti” (edito da Metamorfosi), Pier Luigi Celli, manager con una storia di successi alle spalle (Olivetti, Enel, Unicredit, Rai, di cui è stato direttore generale) e con un’attualità universitaria (dirige l’università Luiss di Roma) mette in crisi il gioco della tradizionale cultura manageriale, inadatta a tempi che hanno lacerato certezze gerarchiche e poteri organizzativi disciplinati secondo norme amministrative e criteri “quantitativi” (la sub cultura dell’ossessione della crescita per volumi e non per qualità). E insiste invece su altre culture fondate non più sul semplice (e autoritario) comando ma sull’autorevolezza della leadership, per motivare persone e sviluppare aziende. Culture dei valori, insomma e non solo del valore come semplice espressione del profitto. Viviamo stagioni controverse di incertezze e cambiamenti. I modelli verticali sono stati stravolti da conoscenze e competenze che si muovono secondo percorsi orizzontali (complici gli schemi internettiani e le logiche profonde delle nuove tecnologie Ict, ma anche lo sfarinamento di antiche istituzioni politiche e sociali). E dunque le strutture concettuali e organizzative aziendali e i poteri manageriali devono risentire dei cambiamenti (rivoluzioni radicali o metamorfosi che siano).  Per evitare l’evidenza di “Sotto il gessato, niente” e per sottrarsi dunque al crollo di poteri, organizzazioni, funzioni, bisogna fare largo alle idee e non alla banale contabilità del “già noto”. Idee eretiche, lungimiranti, dubbiose, capaci di stare dentro la “crisi” e interpretarne sia i pericoli sia le opportunità di svolta. Un manager è un innovatore, insiste Celli. Capace di nutrire e trasmettere passioni per sfide e costruzioni. Di avere “un’anima”.