Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

La “scatole nera” delle imprese

Dov’è il luogo – certamente presente in ogni impresa davvero tale -,  nel quale le decisioni prese diventano realtà e, anzi ancora prima, dove il posto (virtuale) dove l’impresa prende forma, nasce, si sviluppa, agisce e lavora? Certo, prima di tutto ci vuole l’imprenditore che, però, da solo non basta. Perché le aziende che diventano imprese, e che quindi producono occupazione e benessere, sono fatte da uomini che interagiscono fra di loro, che si conoscono, che vivono una determinata comunione d’intenti e che agiscono in base ad un progetto comune. Per capire meglio occorre quindi comprendere dove sia collocato quel punto magico nelle imprese che consente loro di vivere progredire.

E’ quanto ha cercato di fare André van Hoorn dell’Università di Groningen (Facoltà di Economia), con il suo “Trust and management: Explaining cross-national differences in work autonomy”. Si tratta di un’esplorazione (che ha il pregio di essere contenuta in sole 22 pagine), alla ricerca di ciò che l’autore chiama “scatola nera” delle imprese e che ha l’obiettivo di capire “ciò che accade nelle imprese, in termini di gestione delle loro operazioni”. Van Hoorn guarda dentro quel luogo che è il vero nucleo dell’impresa.

L’autore ragiona quindi sul lavoro aziendale e sulla sua autonomia intesa come “aspetto fondamentale dell’organizzazione dell’impresa” stessa. Empiricamente van Hoorn  prova l’ipotesi che la fiducia della società influenza il livello di autonomia che le imprese concedono ai loro dipendenti. L’analisi è condotta attraverso l’indagine in 30 Paesi (dai più economicamente progrediti a quelli in via di sviluppo), e, secondo l’autore, mostra una relazione positiva fra assetto delle relazioni industriali, cultura d’impresa, autonomia del lavoro e risultati.  “Abbiamo cercato di aprire la scatola nera di come le aziende gestiscono le loro operazioni – scrive van Hoorn alla fine del suo lavoro -, mostrando che la fiducia favorisce il livello di autonomia che le imprese concedono ai loro lavoratori”. E’ la prova, se ve ne fosse ancora necessità, che l’impresa non nasce solamente da un calcolo, ma da una passione e da idea condivise.

Trust and management: Explaining cross-national differences in work autonomy  

André van Hoorn 

University of Groningen

Dov’è il luogo – certamente presente in ogni impresa davvero tale -,  nel quale le decisioni prese diventano realtà e, anzi ancora prima, dove il posto (virtuale) dove l’impresa prende forma, nasce, si sviluppa, agisce e lavora? Certo, prima di tutto ci vuole l’imprenditore che, però, da solo non basta. Perché le aziende che diventano imprese, e che quindi producono occupazione e benessere, sono fatte da uomini che interagiscono fra di loro, che si conoscono, che vivono una determinata comunione d’intenti e che agiscono in base ad un progetto comune. Per capire meglio occorre quindi comprendere dove sia collocato quel punto magico nelle imprese che consente loro di vivere progredire.

E’ quanto ha cercato di fare André van Hoorn dell’Università di Groningen (Facoltà di Economia), con il suo “Trust and management: Explaining cross-national differences in work autonomy”. Si tratta di un’esplorazione (che ha il pregio di essere contenuta in sole 22 pagine), alla ricerca di ciò che l’autore chiama “scatola nera” delle imprese e che ha l’obiettivo di capire “ciò che accade nelle imprese, in termini di gestione delle loro operazioni”. Van Hoorn guarda dentro quel luogo che è il vero nucleo dell’impresa.

L’autore ragiona quindi sul lavoro aziendale e sulla sua autonomia intesa come “aspetto fondamentale dell’organizzazione dell’impresa” stessa. Empiricamente van Hoorn  prova l’ipotesi che la fiducia della società influenza il livello di autonomia che le imprese concedono ai loro dipendenti. L’analisi è condotta attraverso l’indagine in 30 Paesi (dai più economicamente progrediti a quelli in via di sviluppo), e, secondo l’autore, mostra una relazione positiva fra assetto delle relazioni industriali, cultura d’impresa, autonomia del lavoro e risultati.  “Abbiamo cercato di aprire la scatola nera di come le aziende gestiscono le loro operazioni – scrive van Hoorn alla fine del suo lavoro -, mostrando che la fiducia favorisce il livello di autonomia che le imprese concedono ai loro lavoratori”. E’ la prova, se ve ne fosse ancora necessità, che l’impresa non nasce solamente da un calcolo, ma da una passione e da idea condivise.

Trust and management: Explaining cross-national differences in work autonomy  

André van Hoorn 

University of Groningen