Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
    Seleziona una delle seguenti categorie:
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational


Presto online i nuovi percorsi didattici per l’anno scolastico 2024/2025 di Fondazione Pirelli Educational.

Stay tuned!

Per partecipare alla presentazione del programma che si terrà a settembre clicca qui
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Passare la mano nell’impresa

Il passaggio generazionale nelle aziende visto dal lato delle emozioni

 

Pensare, creare e gestire un’impresa è anche questione di umanità. E di emozioni. Lo sanno bene molti imprenditori e molti manager. E lo sa bene anche chi deve, ad un certo punto del suo cammino d’impresa, affrontare il passaggio generazionale. Gestibile emozioni e conti, può diventare allora un ulteriore esercizio in cui provare la propria cultura del produrre. E’ proprio attorno alla questione del passaggio generazionale che scatta quando viene a mancare il fondatore dell’impresa, che si esercitano Mariano De Vincenzo e Rossella Torretta con il loro intervento “Emozioni e passaggio generazionale nelle piccole e medie imprese”.

L’indagine prende le mosse da un caso particolare (e reale) per arrivare ad un inquadramento più generale del tema. Un intervento per favorire il passaggio generazionale all’interno di una piccola-media impresa – spiegano i due autori – diventa spunto per poter affrontare il passaggio generazionale anche dal punto di vista delle emozioni, cosa non del tutto scontata quando si parla di produzione, dimensione organizzativa, budget, problemi gestionali, procedure.

Ma cosa è accaduto? Alla morte del fondatore gli eredi si erano bloccati in una sorta di paralisi gestionale in cui il primogenito si era assunto il ruolo dell’erede designato per primogenitura mantenendo la struttura organizzata verticisticamente dal padre-fondatore e chiedendo di fatto ai consulenti di farlo accettare in quel ruolo dai fratelli e dai dipendenti tutti, delegando così a terzi la propria autorizzazione a occupare quel posto. Da questa situazione, De Vincenzo e Torretta desumono un profilo più generale.

Il vocabolo fondamentale è “tempo”. La morte di un fondatore pone il problema del tempo nel processo dell’elaborazione della trasmissione e della acquisizione dell’eredità e la sua trasformazione è parte imprescindibile nel passaggio. È indispensabile tempo per fare i conti con la perdita del padre-fondatore e, con lui, lasciare andare idealizzazioni di sé e incontrare la realtà. Mantenere inalterata una organizzazione spostando un uomo al posto di un altro si rivela essere solo una strategia introdotta per non affrontare il dolore e il cambiamento. Un percorso culturale e umano prima che gestionale e manageriale. Che non può essere seguito senza aiuti esperti. Riuscire a vedere la strada giusta, ripensare all’organizzazione e alla collocazione di chi segue in azienda, sono passaggi che non possono essere automatici e veloci.

Per descrivere tutto questo, De Vincenzo e Torretta analizzano prima le caratteristiche delle due entità principali in gioco (famiglia e impresa), per passare poi ad approfondire aspetti particolari come la sofferenza, la storia stessa dell’impresa posta a caso studio, gli “attori” coinvolti, la figura particolare del fondatore, il nodo del passaggio di generazione e quindi dell’eredità e infine il percorso intrapreso per affrontarla e gestirla.

L’intervento di Mariano De Vincenzo e Rossella Torretta non è per nulla cosa facile da leggere, ma è importante leggerla.

Emozioni e passaggio generazionale nelle piccole e medie imprese

Mariano De Vincenzo, Rossella Torretta

Ricerca Psicoanalitica, Anno XXXV, n. 1, 2024

Il passaggio generazionale nelle aziende visto dal lato delle emozioni

 

Pensare, creare e gestire un’impresa è anche questione di umanità. E di emozioni. Lo sanno bene molti imprenditori e molti manager. E lo sa bene anche chi deve, ad un certo punto del suo cammino d’impresa, affrontare il passaggio generazionale. Gestibile emozioni e conti, può diventare allora un ulteriore esercizio in cui provare la propria cultura del produrre. E’ proprio attorno alla questione del passaggio generazionale che scatta quando viene a mancare il fondatore dell’impresa, che si esercitano Mariano De Vincenzo e Rossella Torretta con il loro intervento “Emozioni e passaggio generazionale nelle piccole e medie imprese”.

L’indagine prende le mosse da un caso particolare (e reale) per arrivare ad un inquadramento più generale del tema. Un intervento per favorire il passaggio generazionale all’interno di una piccola-media impresa – spiegano i due autori – diventa spunto per poter affrontare il passaggio generazionale anche dal punto di vista delle emozioni, cosa non del tutto scontata quando si parla di produzione, dimensione organizzativa, budget, problemi gestionali, procedure.

Ma cosa è accaduto? Alla morte del fondatore gli eredi si erano bloccati in una sorta di paralisi gestionale in cui il primogenito si era assunto il ruolo dell’erede designato per primogenitura mantenendo la struttura organizzata verticisticamente dal padre-fondatore e chiedendo di fatto ai consulenti di farlo accettare in quel ruolo dai fratelli e dai dipendenti tutti, delegando così a terzi la propria autorizzazione a occupare quel posto. Da questa situazione, De Vincenzo e Torretta desumono un profilo più generale.

Il vocabolo fondamentale è “tempo”. La morte di un fondatore pone il problema del tempo nel processo dell’elaborazione della trasmissione e della acquisizione dell’eredità e la sua trasformazione è parte imprescindibile nel passaggio. È indispensabile tempo per fare i conti con la perdita del padre-fondatore e, con lui, lasciare andare idealizzazioni di sé e incontrare la realtà. Mantenere inalterata una organizzazione spostando un uomo al posto di un altro si rivela essere solo una strategia introdotta per non affrontare il dolore e il cambiamento. Un percorso culturale e umano prima che gestionale e manageriale. Che non può essere seguito senza aiuti esperti. Riuscire a vedere la strada giusta, ripensare all’organizzazione e alla collocazione di chi segue in azienda, sono passaggi che non possono essere automatici e veloci.

Per descrivere tutto questo, De Vincenzo e Torretta analizzano prima le caratteristiche delle due entità principali in gioco (famiglia e impresa), per passare poi ad approfondire aspetti particolari come la sofferenza, la storia stessa dell’impresa posta a caso studio, gli “attori” coinvolti, la figura particolare del fondatore, il nodo del passaggio di generazione e quindi dell’eredità e infine il percorso intrapreso per affrontarla e gestirla.

L’intervento di Mariano De Vincenzo e Rossella Torretta non è per nulla cosa facile da leggere, ma è importante leggerla.

Emozioni e passaggio generazionale nelle piccole e medie imprese

Mariano De Vincenzo, Rossella Torretta

Ricerca Psicoanalitica, Anno XXXV, n. 1, 2024

CIAO, COME POSSO AIUTARTI?