Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Le tante ricostruzioni possibili da qui in avanti

Una raccolta di saggi e ricerche mette a fuoco i molteplici aspetti delle “ricostruzioni” alle quali istituzioni, imprese e cittadini sono chiamati

Ricostruire. Missione difficile ma non impossibile che oggi un po’ tutti si trovano davanti: singoli cittadini e istituzioni, famiglie e imprese. Ricostruire qualcosa che – non sempre e non totalmente ma comunque in buona parte per tutto e per tutti -, è andato distrutto non per causa di una guerra ma per una pandemia che ha stravolto, relativamente in breve tempo, vite, organizzazioni, aziende, piani e progetti per il futuro. E’ attorno a questo obiettivo – materiale ma anche culturale -, che ragiona l’insieme di interventi raccolto in “Ricostruzioni”, l’ultimo numero del 2021 della rivista “il Mulino” da poco pubblicato.

Ricostruire, quindi, dopo una guerra, dopo una carestia, dopo un disastro naturale come un terremoto o un’alluvione. E, naturalmente, dopo una pandemia. E cioè rimettere in moto processi virtuosi per ridare luce a un futuro per le nostre comunità, per una società più equa e un’economia più sostenibile. La raccolta di saggi cerca di prendere in considerazione ogni sfaccettatura del tema. E ci riesce.

Ad iniziare dal ragionamento condotto attorno al concetto stesso di ricostruzione (e cioè tra il conservare e basta oppure il rinnovare), per passare poi agli aspetti più legati all’economia e quindi a quelli affini alle strutture politiche e sociali che possono essere coinvolte in una ricostruzione. E senza trascurare temi più puntuali e particolari come quelli della fiducia nelle istituzioni, della necessaria riforma della sanità, della necessità di guardare oltre la pandemia (in qualche modo contingente) per trovare spunti e risorse da dedicare alla realizzazione di un altro Paese migliore di quello che ci si è lasciato alle spalle.

La raccolta di saggi e ricerche de “il Mulino” contiene poi approfondimenti solo in apparenza distanti dall’oggi come i racconti di cosa accadde all’indomani di alcune guerre guerreggiate oppure altri che fanno riferimento all’ambiente e al mutamento climatico.

E fa da sintesi splendida a tutto la citazione di un passo dei diari di Piero Calamandrei: “Non più indipendenza, ma ‘interdipendenza’: questa è la parola non nuova in cui, se non si vuol che il domani ripeta e aggravi gli orrori di ieri, si dovrà riassumere in sintesi il nuovo senso della libertà, quello da cui potrà nascere da tanto dolore un avvenire diverso dal passato: libertà come consapevolezza della solidarietà umana che unisce in essa gli individui e i popoli, come coscienza della loro dipendenza scambievole; come condizione di giustizia sociale da rispettare e da difendere prima negli altri che in noi; come reciprocità e come collaborazione a una più vasta unità”.

Tutto da leggere l’ultimo numero del 2021 de “il Mulino”.

 

Ricostruzioni

AA.VV.

il Mulino, 4/21

Una raccolta di saggi e ricerche mette a fuoco i molteplici aspetti delle “ricostruzioni” alle quali istituzioni, imprese e cittadini sono chiamati

Ricostruire. Missione difficile ma non impossibile che oggi un po’ tutti si trovano davanti: singoli cittadini e istituzioni, famiglie e imprese. Ricostruire qualcosa che – non sempre e non totalmente ma comunque in buona parte per tutto e per tutti -, è andato distrutto non per causa di una guerra ma per una pandemia che ha stravolto, relativamente in breve tempo, vite, organizzazioni, aziende, piani e progetti per il futuro. E’ attorno a questo obiettivo – materiale ma anche culturale -, che ragiona l’insieme di interventi raccolto in “Ricostruzioni”, l’ultimo numero del 2021 della rivista “il Mulino” da poco pubblicato.

Ricostruire, quindi, dopo una guerra, dopo una carestia, dopo un disastro naturale come un terremoto o un’alluvione. E, naturalmente, dopo una pandemia. E cioè rimettere in moto processi virtuosi per ridare luce a un futuro per le nostre comunità, per una società più equa e un’economia più sostenibile. La raccolta di saggi cerca di prendere in considerazione ogni sfaccettatura del tema. E ci riesce.

Ad iniziare dal ragionamento condotto attorno al concetto stesso di ricostruzione (e cioè tra il conservare e basta oppure il rinnovare), per passare poi agli aspetti più legati all’economia e quindi a quelli affini alle strutture politiche e sociali che possono essere coinvolte in una ricostruzione. E senza trascurare temi più puntuali e particolari come quelli della fiducia nelle istituzioni, della necessaria riforma della sanità, della necessità di guardare oltre la pandemia (in qualche modo contingente) per trovare spunti e risorse da dedicare alla realizzazione di un altro Paese migliore di quello che ci si è lasciato alle spalle.

La raccolta di saggi e ricerche de “il Mulino” contiene poi approfondimenti solo in apparenza distanti dall’oggi come i racconti di cosa accadde all’indomani di alcune guerre guerreggiate oppure altri che fanno riferimento all’ambiente e al mutamento climatico.

E fa da sintesi splendida a tutto la citazione di un passo dei diari di Piero Calamandrei: “Non più indipendenza, ma ‘interdipendenza’: questa è la parola non nuova in cui, se non si vuol che il domani ripeta e aggravi gli orrori di ieri, si dovrà riassumere in sintesi il nuovo senso della libertà, quello da cui potrà nascere da tanto dolore un avvenire diverso dal passato: libertà come consapevolezza della solidarietà umana che unisce in essa gli individui e i popoli, come coscienza della loro dipendenza scambievole; come condizione di giustizia sociale da rispettare e da difendere prima negli altri che in noi; come reciprocità e come collaborazione a una più vasta unità”.

Tutto da leggere l’ultimo numero del 2021 de “il Mulino”.

 

Ricostruzioni

AA.VV.

il Mulino, 4/21