Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

L’impresa aumentata e i suoi rischi

Velocità, globalizzazione, accelerazione. Passa anche da questi vocaboli la vita dell’impresa moderna. Una vita frenetica, che rischia di schiacciare più di un’azienda (come effettivamente è), e che mette a dura prova i metodi di gestione, le pianificazioni, la stessa identità delle aziende e la cultura del produrre sulla quale sono nate e cresciute. Nascono addirittura nuove espressioni come quella che fa riferimento alla “impresa aumentata”, cioè a quelle entità che fanno del web, della rete, i loro veri mercati di caccia, quei territori che un tempo avevano una delimitazione fisica e che oggi sono di fatto senza confini.

Accanto alla produzione reale, alla cosiddetta manifattura, sempre più spazio acquistano poi altri aspetti d’impresa che hanno a che fare con la comunicazione, con la reti d’informazione, con la responsabilità che ne deriva.

Indagare sulla realtà di queste imprese, capirne i metodi di azione, significa approfondire non solo il presente dell’economia ma anche i possibili sviluppi. E’ ciò che fa Gian Paolo Bonani (del Dipartimento di comunicazione e ricerca sociale della Sapienza di Roma), nel suo “L’impresa aumentata. Caos e responsabilità della comunicazione d’impresa nell’età social”: un volume pensato per gli universitari ma utile per chi, anche nelle aziende, voglia capire di più della situazione in cui è immerso.

L’attività economica delle aziende e di tutte le organizzazioni – è la tesi di Bonani -, si estende, si accelera, si intensifica e rende gli obiettivi produttivi e sociali più articolati, complessi e carichi di responsabilità. E non solo, perché per l’autore l’impresa che si avvale della rete per arricchire il proprio territorio di azione e di influenza, commerciale e culturale, si trova dentro un ambiente economico e di fronte a una popolazione di consumatori completamente trasformati negli ultimi 20 anni.

Bonani analizza, studia, spiega, esemplifica percorrendo quindi un tema complicato e denso. Guarda anche agli errori e alle distorsioni che la situazione porta con se’. Arrivando a confezionare una “guida” per muoversi meglio in una giungla che si fa sempre più fitta.

L’impresa aumentata. Caos e responsabilità della comunicazione d’impresa nell’età social

G. Paolo Bonani

Franco Angeli, 2013

Velocità, globalizzazione, accelerazione. Passa anche da questi vocaboli la vita dell’impresa moderna. Una vita frenetica, che rischia di schiacciare più di un’azienda (come effettivamente è), e che mette a dura prova i metodi di gestione, le pianificazioni, la stessa identità delle aziende e la cultura del produrre sulla quale sono nate e cresciute. Nascono addirittura nuove espressioni come quella che fa riferimento alla “impresa aumentata”, cioè a quelle entità che fanno del web, della rete, i loro veri mercati di caccia, quei territori che un tempo avevano una delimitazione fisica e che oggi sono di fatto senza confini.

Accanto alla produzione reale, alla cosiddetta manifattura, sempre più spazio acquistano poi altri aspetti d’impresa che hanno a che fare con la comunicazione, con la reti d’informazione, con la responsabilità che ne deriva.

Indagare sulla realtà di queste imprese, capirne i metodi di azione, significa approfondire non solo il presente dell’economia ma anche i possibili sviluppi. E’ ciò che fa Gian Paolo Bonani (del Dipartimento di comunicazione e ricerca sociale della Sapienza di Roma), nel suo “L’impresa aumentata. Caos e responsabilità della comunicazione d’impresa nell’età social”: un volume pensato per gli universitari ma utile per chi, anche nelle aziende, voglia capire di più della situazione in cui è immerso.

L’attività economica delle aziende e di tutte le organizzazioni – è la tesi di Bonani -, si estende, si accelera, si intensifica e rende gli obiettivi produttivi e sociali più articolati, complessi e carichi di responsabilità. E non solo, perché per l’autore l’impresa che si avvale della rete per arricchire il proprio territorio di azione e di influenza, commerciale e culturale, si trova dentro un ambiente economico e di fronte a una popolazione di consumatori completamente trasformati negli ultimi 20 anni.

Bonani analizza, studia, spiega, esemplifica percorrendo quindi un tema complicato e denso. Guarda anche agli errori e alle distorsioni che la situazione porta con se’. Arrivando a confezionare una “guida” per muoversi meglio in una giungla che si fa sempre più fitta.

L’impresa aumentata. Caos e responsabilità della comunicazione d’impresa nell’età social

G. Paolo Bonani

Franco Angeli, 2013

CIAO, INIZIAMO?