Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

L’impresa non nasce da sola

E’ vero, per certi versi imprenditori si nasce. Quella carica d’iniziativa, quella voglia di rischiare, quell’inventiva per gli affari, quel gusto per il produrre,  che caratterizza i veri imprenditori non è cosa che  si impara sui banchi di scuola. Eppure, imprenditori si può anche diventare. Nel senso che occorre, comunque, un contesto  che possa favorire la scoperta e la crescita dello spirito imprenditoriale. Non è il caso di scomodare Max Weber (che proprio  sui rapporti fra ambiente, protestante in questo caso, e imprenditorialità ha basato una delle più note interpretazioni dello sviluppo del capitalismo), ma non c’è dubbio che l’ambiente può far molto per la nascita delle nuove leve dell’industria. Ambiente, s’intende, visto sotto tanti aspetti: istituzionali, formativi, sociali, religiosi, etici.

Per capire meglio alcuni di questi, è interessante leggere “The importance and role of personal entrepreneurship training in the development of business culture and its challenges” di Ghorbani Mahmouda e Partonia Soheilab della Islamic Azad University di Bojnourd in  Iran (rispettivamente del Department of Management e del Department of  Educational Management) , pubblicato proprio qualche giorno fa dall’ Asian Journal of Research in Business Economics and Management.

I due autori fanno derivare l’imprenditorialità presente in un sistema economico, dal grado di motivazione e dal livello di “formazione all’imprenditorialità” , oltre che dall’assegnazione di crediti e di altri strumenti di crescita per le imprese.  “Lo sviluppo e la promozione della cultura imprenditoriale – spiegano ancora i due ricercatori -, e la creazione di piattaforme necessarie per l’occupazione giovanile nella società”, sembrano condizioni necessarie per innescare la crescita di un’economia. Torna così importante il sistema della formazione e della scuola, del sapere e della sua diffusione.

Imprenditori, dunque, si nasce ma si diventa anche, se si inizia da giovani e in un contesto adeguato. Constatazione che può apparire quasi ovvia ma che è importante. La cultura d’impresa, cioè, non si costruisce dal nulla e non può crescere nel nulla. Sottolineatura ancora più interessante visto che arriva da un  Paese – l’Iran – non certo facile per fare impresa. L’accento sul contesto, d’altra parte, vale anche per l’Europa, e per l’Italia in particolare.

La conclusione che deriva da questo articoli è d’altra parte chiara: un’impresa nasce certamente dall’ingegno di un singolo, ma cresce, si sviluppa, crea occupazione e ricchezza solo se trova una sorta di substrato fertile dove attecchire.

The importance and role of personal entrepreneurship training in the development of business culture and its challenges

Ghorbani Mahmouda, Partonia Soheilab

Asian Journal of Research in Business Economics and Management

2014, Volume : 4, Issue : 5

E’ vero, per certi versi imprenditori si nasce. Quella carica d’iniziativa, quella voglia di rischiare, quell’inventiva per gli affari, quel gusto per il produrre,  che caratterizza i veri imprenditori non è cosa che  si impara sui banchi di scuola. Eppure, imprenditori si può anche diventare. Nel senso che occorre, comunque, un contesto  che possa favorire la scoperta e la crescita dello spirito imprenditoriale. Non è il caso di scomodare Max Weber (che proprio  sui rapporti fra ambiente, protestante in questo caso, e imprenditorialità ha basato una delle più note interpretazioni dello sviluppo del capitalismo), ma non c’è dubbio che l’ambiente può far molto per la nascita delle nuove leve dell’industria. Ambiente, s’intende, visto sotto tanti aspetti: istituzionali, formativi, sociali, religiosi, etici.

Per capire meglio alcuni di questi, è interessante leggere “The importance and role of personal entrepreneurship training in the development of business culture and its challenges” di Ghorbani Mahmouda e Partonia Soheilab della Islamic Azad University di Bojnourd in  Iran (rispettivamente del Department of Management e del Department of  Educational Management) , pubblicato proprio qualche giorno fa dall’ Asian Journal of Research in Business Economics and Management.

I due autori fanno derivare l’imprenditorialità presente in un sistema economico, dal grado di motivazione e dal livello di “formazione all’imprenditorialità” , oltre che dall’assegnazione di crediti e di altri strumenti di crescita per le imprese.  “Lo sviluppo e la promozione della cultura imprenditoriale – spiegano ancora i due ricercatori -, e la creazione di piattaforme necessarie per l’occupazione giovanile nella società”, sembrano condizioni necessarie per innescare la crescita di un’economia. Torna così importante il sistema della formazione e della scuola, del sapere e della sua diffusione.

Imprenditori, dunque, si nasce ma si diventa anche, se si inizia da giovani e in un contesto adeguato. Constatazione che può apparire quasi ovvia ma che è importante. La cultura d’impresa, cioè, non si costruisce dal nulla e non può crescere nel nulla. Sottolineatura ancora più interessante visto che arriva da un  Paese – l’Iran – non certo facile per fare impresa. L’accento sul contesto, d’altra parte, vale anche per l’Europa, e per l’Italia in particolare.

La conclusione che deriva da questo articoli è d’altra parte chiara: un’impresa nasce certamente dall’ingegno di un singolo, ma cresce, si sviluppa, crea occupazione e ricchezza solo se trova una sorta di substrato fertile dove attecchire.

The importance and role of personal entrepreneurship training in the development of business culture and its challenges

Ghorbani Mahmouda, Partonia Soheilab

Asian Journal of Research in Business Economics and Management

2014, Volume : 4, Issue : 5