Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Invia la tua richiesta per una visita guidata alla Fondazione Pirelli

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

L’intelligenza della produzione

Esiste una produzione intelligente. Ed esiste in Italia. Con fatica, magari. Una produzione arrivata ad essere tale con percorsi tortuosi, non facili, complessi, forse anche dolorosi. Ma che esiste per davvero. Si tratta di fabbriche e imprese, che nel tempo si sono trasformate e che possono, in qualche modo, rappresentare paradigmi di progresso, tracce di sentieri da seguire. Capirne il racconto è importante. Anche perché portano con se’ la storia della trasformazione industriale italiana: la crisi della rappresentanza, l’incognita dell’associazionismo, una nuova cultura d’impresa che prende forma.

Giuseppe Berta – economista e storico dell’economia -, ha provato a raccontare alcuni esempi di produzione intelligente e ne ha cercato le cause e gli effetti. “Produzione intelligente. Un viaggio nelle nuove fabbriche”, è un libro di economia industriale italiana ma è anche un racconto di successi che si possono ripetere. Ma non si tratta solamente di una serie di storie d’impresa (che già sarebbero interessanti di per se’ stesse), c’è qualcosa di più: un’analisi accurata di quanto è accaduto negli ultimi anni in Italia, del contesto teorico che lo può spiegare e, soprattutto, di quanto occorre fare per veder ripartire per davvero l’industria italiana nella sua generalità.

Berta, quindi, inizia chiedendosi perché oggi sia ancora necessario parlare di fabbriche in Italia per poi passare a raccontare i casi di Pomigliano d’Arco, dell’Ilva, di Dalmine, della Pirelli di Settimo Torinese e del nuovo stabilimento della Maserati ma anche alcuni che fanno riferimento ad imprese semisconosciute come Saet Group (Caselle), Prima Industrie (Collegno), ProToCube (Torino). L’autore però non si limita ad un solo passo e, come si è detto, va oltre. Se il modo di fare industria e di vincere è cambiato – dice Berta -, lo è anche il modo di rappresentare gli interessi dell’industria e dei lavoratori.

L’”autunno della rappresentanza” di cui spesso si parla, è quindi spiegato da Berta partendo dalla realtà delle fabbriche, passando per l’analisi di Confindustria e delle altre associazioni d’impresa, oltre che delle organizzazioni sindacali. Per arrivare alle politiche industriali che occorrono per riprendere la strada dello sviluppo e della crescita. “La nuova logica industriale – conclude Berta -, congiunge strettamente tutte le fasi del ciclo del prodotto, dalla sua progettazione al servizio al mercato, secondo una sequenza che va continuamente ripercorsa in maniera unitaria”.

Produzione intelligente. Un viaggio nelle nuove fabbriche

Giuseppe Berta

Einaudi, febbraio 2014