Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Quando l’impresa riporta “a casa” la propria attività

L’impresa cresce se si diversifica e tenta nuovi mercati oltre che modalità produttive rinnovate. È il concetto di base, quello “alla moda” della buona industria moderna. Ma, a bene vedere, c’è anche dell’altro. L’anima industriale è fatta, da sempre, anche da capacità di cambiamento più vasta, sapienza nel saper cogliere il vento che muta, maestria nel rielaborare organizzazione della produzione e mercati di sbocco. In ogni caso, è messa alla prova la cultura d’impresa propria di ogni struttura produttiva. “Strategie di back-reshoring in Italia: vantaggi competitivi per le aziende, opportunità di sviluppo per il paese” pubblicato da poche settimane, prende in considerazione un particolare cambiamento nelle imprese la cui comprensione può essere utile per tutti.

Scritta da Antonio Ricciardi, Patrizia Pastore, Antonio Russo e Silvia Tommaso (ricercatori fra l’Università della Calabria e quella di Messina),  la ricerca approfondisce motivazioni e modalità operative delle strategie di back-reshoring di processi industriali precedentemente affidati a fornitori esteri o localizzati all’estero, valutandone l’impatto strategico sulla gestione aziendale. Per arrivare all’obiettivo, i quattro autori usano bene la teoria, ma si avvalgono anche di una serie di casi come quelli di Whirlpool, AmFor Electronics, Marchon, il marchio Jimmy Choo, Gaudì, Philip Morris.

L’articolo è scritto in maniera piana e inizia dalla analisi dei fattori che determinano le scelte di rilocalizzazione, valuta i vantaggi ma anche i rischi che le aziende che applicano tali strategie possono incontrare segnalando alcuni interventi di politica industriale che potrebbero favorire la rilocalizzazione anche in Italia di produzioni in precedenza delocalizzate. Viene fatta una analisi a livello mondiale, europei e italiano della situazione del back-reshoring.

Leggendo la fatica di Ricciardi e dei suoi colleghi, si ottiene un quadro esaustivo di cosa possa scatenare il back-reshoring all’interno di un’impresa e come il mutamento possa essere affrontato.

I quattro, poi, insistono sulle ricadute positive ma anche sui costi per l’organizzazione di processi di questo genere. Ciò che emerge è la necessità di un cambiamento strategico aziendale cosi come quella di reintegrare la conoscenza e sviluppare nuove capacità e competenze. Occorre cioè un mutamento della cultura d’impresa che forma di sè l’agire dell’organizzazione produttiva.

Strategie di back-reshoring in Italia: vantaggi competitivi per le aziende, opportunità di sviluppo per il paese

Antonio Ricciardi (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche), Patrizia Pastore (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche), Antonio Russo (Università degli Studi di Messina, Dipartimento di Scienze giuridiche e Storia delle istituzioni) e Silvia Tommaso (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche).

IPE Working Paper, n. 5, settembre 2015

Download pdf

L’impresa cresce se si diversifica e tenta nuovi mercati oltre che modalità produttive rinnovate. È il concetto di base, quello “alla moda” della buona industria moderna. Ma, a bene vedere, c’è anche dell’altro. L’anima industriale è fatta, da sempre, anche da capacità di cambiamento più vasta, sapienza nel saper cogliere il vento che muta, maestria nel rielaborare organizzazione della produzione e mercati di sbocco. In ogni caso, è messa alla prova la cultura d’impresa propria di ogni struttura produttiva. “Strategie di back-reshoring in Italia: vantaggi competitivi per le aziende, opportunità di sviluppo per il paese” pubblicato da poche settimane, prende in considerazione un particolare cambiamento nelle imprese la cui comprensione può essere utile per tutti.

Scritta da Antonio Ricciardi, Patrizia Pastore, Antonio Russo e Silvia Tommaso (ricercatori fra l’Università della Calabria e quella di Messina),  la ricerca approfondisce motivazioni e modalità operative delle strategie di back-reshoring di processi industriali precedentemente affidati a fornitori esteri o localizzati all’estero, valutandone l’impatto strategico sulla gestione aziendale. Per arrivare all’obiettivo, i quattro autori usano bene la teoria, ma si avvalgono anche di una serie di casi come quelli di Whirlpool, AmFor Electronics, Marchon, il marchio Jimmy Choo, Gaudì, Philip Morris.

L’articolo è scritto in maniera piana e inizia dalla analisi dei fattori che determinano le scelte di rilocalizzazione, valuta i vantaggi ma anche i rischi che le aziende che applicano tali strategie possono incontrare segnalando alcuni interventi di politica industriale che potrebbero favorire la rilocalizzazione anche in Italia di produzioni in precedenza delocalizzate. Viene fatta una analisi a livello mondiale, europei e italiano della situazione del back-reshoring.

Leggendo la fatica di Ricciardi e dei suoi colleghi, si ottiene un quadro esaustivo di cosa possa scatenare il back-reshoring all’interno di un’impresa e come il mutamento possa essere affrontato.

I quattro, poi, insistono sulle ricadute positive ma anche sui costi per l’organizzazione di processi di questo genere. Ciò che emerge è la necessità di un cambiamento strategico aziendale cosi come quella di reintegrare la conoscenza e sviluppare nuove capacità e competenze. Occorre cioè un mutamento della cultura d’impresa che forma di sè l’agire dell’organizzazione produttiva.

Strategie di back-reshoring in Italia: vantaggi competitivi per le aziende, opportunità di sviluppo per il paese

Antonio Ricciardi (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche), Patrizia Pastore (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche), Antonio Russo (Università degli Studi di Messina, Dipartimento di Scienze giuridiche e Storia delle istituzioni) e Silvia Tommaso (Università della Calabria, Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche).

IPE Working Paper, n. 5, settembre 2015

Download pdf

CIAO, INIZIAMO?