Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per l’invio, anche a mezzo e-mail, di comunicazioni relative ad iniziative/convegni organizzati dalla Fondazione Pirelli..

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Sbagliando si impara, davvero

La capacità di apprendere dagli errori come risorsa fondamentale per il buon manager

 

Imparare a sbagliare. E imparare ad apprendere dall’errore. Compiti fondamentali per tutti. Anche, e soprattutto, per chi ha responsabilità. Obiettivo il cui raggiungimento aiuta la costruzione di una cultura d’impresa davvero completa, che evolve, cresce, si sviluppa. Imparare a sbagliare, tuttavia, non è facile. Leggere “Gli errori del manager. Come evitarli e costruire una leadership consapevole” scritto da Andrea Lipparini, Massimo Franceschetti e Massimiliano Ghini (docenti a vario titolo nell’ambito dei temi relativi alle risorse umane)  è un buon inizio per capire come fare per “sbagliare bene” e imparare meglio.

Lipparini, Franceschetti e Ghini partono da una considerazione: ciò che fa grande un manager non è l’infallibilità, ma l’atteggiamento nei confronti degli errori commessi. Al contrario di chi tende a evitarli o minimizzarli, vedendone solo gli aspetti negativi, il manager di successo è determinato nel comprendere e valorizzare l’errore come tappa cruciale dell’apprendimento e della crescita.

Nel libro gli autori guidano così chi legge a considerare l’errore come un’opportunità per stimolare l’innovazione, consolidare i processi di cambiamento, sviluppare una condizione di sicurezza psicologica e perfezionare le doti di leadership.

La narrazione inizia dalle basi: dalla definizione di errore, definizione in positivo a patto che il valore dell’errore venga compreso. Sbagliare, quindi, può essere un’opportunità per apprendere, cambiare, essere psicologicamente più sicuri, esercitarsi ad essere punti di riferimento. Stabilite le definizioni, gli autori passano ad approfondire cosa accade quando i manager “non vedono”, “non sentono” e “non parlano”; cioè quando chi deve governare o dirigere si chiude e non vede l’errore nei suoi comportamenti oppure nelle sue decisioni. Di ogni aspetto, vengono descritte cause, conseguenze e correzioni dei difetti di percezione oppure di comportamento. Non solo teoria, ma anche numerosi casi concreti e suggerimenti pratici aiutano a riflettere e intervenire sulle principali cause dei propri errori, in particolare: il deficit percettivo, che ostacola la pronta e accurata comprensione delle diverse situazioni; il deficit emotivo, che induce a sottovalutare o negare le proprie e altrui emozioni; il deficit comunicativo, correlato alla mancanza di chiarezza, rispetto e critica costruttiva nelle relazioni interpersonali. Nella parte conclusiva, vengono evidenziati i benefici di uno stato mentale consapevole che, focalizzando l’attenzione sugli eventi e sulle persone, prepara il manager alla leadership.

Il libro è di quelli da tenere sul tavolo di lavoro, magari con qualche segno nelle pagine che rispecchiano di più gli errori più frequenti di chi legge. Ed è bella la citazione di Karl Popper all’inizio del primo capitolo: “Nessuno può evitare di fare errori; la cosa più grande è imparare da essi”.

Gli errori del manager. Come evitarli e costruire una leadership consapevole

Andrea Lipparini, Massimo Franceschetti, Massimiliano Ghini

il Mulino, 2024

La capacità di apprendere dagli errori come risorsa fondamentale per il buon manager

 

Imparare a sbagliare. E imparare ad apprendere dall’errore. Compiti fondamentali per tutti. Anche, e soprattutto, per chi ha responsabilità. Obiettivo il cui raggiungimento aiuta la costruzione di una cultura d’impresa davvero completa, che evolve, cresce, si sviluppa. Imparare a sbagliare, tuttavia, non è facile. Leggere “Gli errori del manager. Come evitarli e costruire una leadership consapevole” scritto da Andrea Lipparini, Massimo Franceschetti e Massimiliano Ghini (docenti a vario titolo nell’ambito dei temi relativi alle risorse umane)  è un buon inizio per capire come fare per “sbagliare bene” e imparare meglio.

Lipparini, Franceschetti e Ghini partono da una considerazione: ciò che fa grande un manager non è l’infallibilità, ma l’atteggiamento nei confronti degli errori commessi. Al contrario di chi tende a evitarli o minimizzarli, vedendone solo gli aspetti negativi, il manager di successo è determinato nel comprendere e valorizzare l’errore come tappa cruciale dell’apprendimento e della crescita.

Nel libro gli autori guidano così chi legge a considerare l’errore come un’opportunità per stimolare l’innovazione, consolidare i processi di cambiamento, sviluppare una condizione di sicurezza psicologica e perfezionare le doti di leadership.

La narrazione inizia dalle basi: dalla definizione di errore, definizione in positivo a patto che il valore dell’errore venga compreso. Sbagliare, quindi, può essere un’opportunità per apprendere, cambiare, essere psicologicamente più sicuri, esercitarsi ad essere punti di riferimento. Stabilite le definizioni, gli autori passano ad approfondire cosa accade quando i manager “non vedono”, “non sentono” e “non parlano”; cioè quando chi deve governare o dirigere si chiude e non vede l’errore nei suoi comportamenti oppure nelle sue decisioni. Di ogni aspetto, vengono descritte cause, conseguenze e correzioni dei difetti di percezione oppure di comportamento. Non solo teoria, ma anche numerosi casi concreti e suggerimenti pratici aiutano a riflettere e intervenire sulle principali cause dei propri errori, in particolare: il deficit percettivo, che ostacola la pronta e accurata comprensione delle diverse situazioni; il deficit emotivo, che induce a sottovalutare o negare le proprie e altrui emozioni; il deficit comunicativo, correlato alla mancanza di chiarezza, rispetto e critica costruttiva nelle relazioni interpersonali. Nella parte conclusiva, vengono evidenziati i benefici di uno stato mentale consapevole che, focalizzando l’attenzione sugli eventi e sulle persone, prepara il manager alla leadership.

Il libro è di quelli da tenere sul tavolo di lavoro, magari con qualche segno nelle pagine che rispecchiano di più gli errori più frequenti di chi legge. Ed è bella la citazione di Karl Popper all’inizio del primo capitolo: “Nessuno può evitare di fare errori; la cosa più grande è imparare da essi”.

Gli errori del manager. Come evitarli e costruire una leadership consapevole

Andrea Lipparini, Massimo Franceschetti, Massimiliano Ghini

il Mulino, 2024

CIAO, COME POSSO AIUTARTI?