Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Se l’impresa “pensa diversamente”

Leonardo da Vinci pensava in modo diverso dal resto dei suoi contemporanei. Anche Albert Einstein aveva un cervello “non comune”. Tutto sommato anche Steve Jobs aveva un’intelligenza fuori dalla media. Geni, oppure, più semplicemente, uomini capaci di affrontare la realtà, analizzarla ed elaborarla in maniera diversa dal resto del sistema sociale in cui sono vissuti. Per questo, da Vinci, Einstein e Jobs, ognuno a modo suo, hanno avuto tutti successo.

Accade una cosa simile per le imprese. Quelle che riescono a sfondare, a crescere, a superare le difficoltà della congiuntura difficile, oppure più semplicemente i problemi dati dalla concorrenza avversa, sono le strutture produttive in grado di staccarsi dal pensiero corrente del fare impresa. Non ci sono ricette preconfezionate per riuscire in un’operazione di questo genere: alcune aziende riescono, altre, la maggioranza, no e vivacchiano. Più facile, forse, nelle piccole realtà, molto più difficile quando con la “diversità di pensiero” si confrontano i grandi gruppi industriali.

I meccanismi secondo i quali tutto questo accade sono affascinanti ma complicati, non ancora messi completamente a fuoco. Ci ha provato anche Rosabeth Moss Kanter  – definita una delle 50 donne più potenti al mondo o, in alternativa, uno dei 50 cervelli finanziari più influenti sul pianeta -, con il suo “How Great Companies Think Differently” pubblicato da Harvard Business Review, andato in libreria negli Usa nel 2011 ma non ancora pubblicato in Italia, fa ma ancora attualissimo in quanto a fascino e a provocazioni che contiene.

Moss Kanter dimostra che, invece di essere semplici macchine per fare soldi, le grandi aziende possono combinano logica finanziaria e sociale per costruire il loro successo duraturo. Alla base di tutto, stando alle argomentazioni dello studio, non ci sono solamente calcolo, ma anche emozioni, coinvolgimento, saper guardare oltre, spirito d’avventura. Perché, secondo l’autrice, le imprese sono entità sociali che si confrontano con l’incertezza e che riescono però a generare e trasmettere valori sociali attraverso chi vi lavora. Insomma, la vera impresa genera non solo profitti ma una propria cultura, un proprio modo di intendere la produzione e il proprio ruolo nella società che diventano potenti motori di crescita e sviluppo. A patto che si riesca a far funzionare tutto in maniera adeguata.

How Great Companies Think Differently

Rosabeth Moss Kanter

Harvard Business Review, 2011