Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Prenota un percorso Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Prenota un percorso Educational

Seleziona il laboratorio che ti interessa e il giorno
Inserisci i dati richiesti, il nostro team confermerà la disponibilità via mail
Il numero di posti massimo prenotabile per classe è di 30 persone. Le richieste che eccedono questo valore non verrano accettate.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Prenota un percorso Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Comunichiamo che tutte le visite e le attività di Fondazione Pirelli sono temporaneamente sospese in coerenza con le indicazioni del Ministero della Sanità. Comunicheremo appena possibile il giorno di riapertura. Per informazioni contattare il numero 0264423971 o scrivere a info@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Una, nessuna e centomila

Si fa presto a dire “il sistema industriale”. Si fa presto a sbagliare bersaglio. Perché nessuna impresa è uguale all’altra. Affermazione apparentemente banale che, tuttavia, pare spesso essere dimenticata da chi commenta la situazione industriale italiana così come quella di altri Paesi. Insomma, il tutto non è uguale alle parti che lo compongono. E non è nemmeno migliore o peggiore. E’ diverso.

Molti osservatori però pare dimentichino l’ovvietà e sostengono che l’industria italiana è insufficientemente aperta all’innovazione e poco orientata ai mercati internazionali, oltre che ripiegata su dimensioni di impresa medio-piccole a bassa intensità tecnologica. Una specie di dinosauro, altro da ciò che si muove attorno a lui.

Il confronto con la realtà sembra restituire un quadro ben diverso. Ed è da questo assunto che è iniziata una vasta indagine sul campo condotta dal Centro Studi Confindustria. Il risultato è un libro – “Nuove strategie delle imprese italiane” – scritto a quattro mani da un economista del Centro stesso (Fabrizio Traù) e da un economista industriale presso l’Università di Parma (Alessandro Arrigheti).

I risultati dell’indagine confermano che il “tutto dell’industria” italiana non è uguale alle sue singole componenti. Anzi, a guardare dentro al comparto industriale si scoprono realtà inaspettate. Secondo i due autori, “per interpretare la logica del cambiamento in atto nel sistema industriale italiano occorre abbandonare l’idea che esso costituisca un’entità omogenea”. E’ qui che salta fuori la novità. Per capire cosa sta accadendo occorre inquadrare la realtà, spiegano, “alla luce di una emergente forma di dualismo che scaturisce dall’affermarsi di un doppio percorso evolutivo: quello intrapreso da un gruppo molto dinamico di imprese che hanno adottato strategie di marcata differenziazione rispetto al passato, da un lato; e, dall’altro, quello dentro cui sembrano tuttora prigioniere le imprese che faticano a tenere il passo”. Ma la novità è anche un’altra. Le imprese che riescono a farcela non rappresentano casi isolati di straordinaria di eccellenza, ma sono invece un segmento significativo di aziende che hanno evitato soluzioni competitive incentrate su fattori di costo e sulle economie di scala, e hanno attribuito al controllo della tecnologia e alla qualità del capitale umano il ruolo di cardini su cui fondare le loro decisioni strategiche. Come dire: vince ancora una volta l’impresa che mette al centro di tutto la tecnologia e l’uomo che vi lavora.

Nuove strategie delle imprese italiane

Alessandro Arrighetti, Fabrizio Traù

Donzelli, ottobre 2013