Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Armando Testa per Pirelli,
tracce di fantasia

Nel 1956, sulle transenne che riparavano dalla vista il cantiere del Grattacielo Pirelli a Milano, in Piazza Duca d’Aosta, campeggiava un enorme elefante che aveva al posto della testa e della proboscide il profilo di un pneumatico Pirelli per veicoli industriali. Un “gigante”, l’Atlante, come nella mitologia, accompagnato dal claim “il gigante che farà molta strada”. Questa pubblicità, disegnata da Armando Testa per Pirelli e la sua nuova linea di pneumatici per autocarro nel 1955, ebbe un effetto impattante sullo stesso skyline di Milano, e fu più efficace di qualunque poster o pagina pubblicitaria. Torinese, classe 1917, allievo dell’astrattista Ezio D’Errico alla Scuola Tipografica Vigliardi Paravia, Armando Testa a metà degli anni Cinquanta era già a capo di un piccolo studio grafico che si stava avviando a diventare lo Studio Testa, futuro protagonista della storia della pubblicità. Tra le varie collaborazioni di quella prima epoca professionale, come Martini & Rossi e Carpano, quella con Pirelli appare particolarmente densa di creatività: l’idea di reinterpretare un pneumatico come fosse un animale è tanto semplice e immediata quanto di sicuro impatto emotivo.

Assieme al gigante Atlante, Armando Testa “animalizza” un altro pneumatico Pirelli: è lo Stelvio, vincitore di corse in Formula 1 e campione di prestazioni assieme al Cinturato. Se Atlante è un paziente elefante, Stelvio è un leone scattante. Un leone che “artiglia l’asfalto”, e il pneumatico questa volta è rappresentato da una criniera.

Negli anni Cinquanta nella grafica pubblicitaria si sta facendo strada la tecnica del “collage” introdotta dall’olandese Bob Noorda e dal suo maestro Ezio Bonini: alla base disegnata tradizionalmente a mano si sovrappone l’immagine del prodotto, fotografato per rispettare la verosimiglianza col pneumatico in commercio. In realtà, non è direttamente una fotografia ma un sapiente ritocco, al fine di mettere in luce un disegno battistrada che in foto sarebbe apparso, a quei tempi, un blocco nero privo di dettagli. I bozzetti originali delle due pubblicità “Farà molta strada” e “Artiglia l’asfalto” sono conservati nel nostro Archivio Storico. Quello per il leone di Stelvio ha una particolarità: il muso dell’animale guarda di lato. Ma una scritta dell’autore accanto al disegno avverte: “Attenzione! La testa del leone va girata”. E infatti, il manifesto definitivo vedrà il leone guardare in avanti, e non alle sue spalle come nel bozzetto originale, evidenziando l’importanza della sicurezza alla guida. E allo stesso modo, anche il disegno originale ad aerografo del Pirelli Atlante riporta l’avvertimento manoscritto a “tirare un po’ su il rosso”, un suggerimento di natura cromatica e compositiva. Queste annotazioni sono la preziosa testimonianza di un’epoca che forse non è sbagliato indicare come il “Rinascimento artistico” degli anni Cinquanta. E Armando Testa ne è stato uno dei Maestri.

Multimedia

Images