Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Ciak si parte:
tutti in pista

Al fascino del circuito di Monza non sono certo immuni il cinema e la televisione. Nel 1950 sulla pista trasformata in set c’è Amedeo Nazzari insieme al pilota del momento, Juan Manuel Fangio. Nazzari correrà per finzione nel film “L’ultimo incontro”, una popolare produzione di Dino De Laurentiis e Carlo Ponti sceneggiato, tra gli altri, dallo scrittore Alberto Moravia. A correre davvero è proprio Fangio, con l’esordiente Alfa 159 al Gran Premio d’Italia di quell’anno; sulla tuta, in bella vista, i loghi “Alfa Romeo” e “Pirelli”. Nel 1951 l’house organ “Fatti e Notizie” scrive di “Attori e piloti” e già allora, forse, il campione argentino intuiva che sarebbe diventato il pilota più filmato della storia. Quindici anni e cinque Mondiali di Formula 1 dopo “L’ultimo incontro”, Juan Manuel Fangio è sulla Parabolica di Monza, davanti alla macchina da presa a bordo di una spider rossa. Poi si ferma, si toglie i guanti e guarda il pubblico: “Una volta correvo con lo Stelvio Pirelli  ma questo Cinturato è extraordinario!”.

Il pilota è protagonista di uno spot pubblicitario per la rubrica televisiva Carosello prodotto dalla Gamma Film e di un reportage fotografico firmato da Ugo Mulas. Dal cinema alla tv e poi di nuovo al cinema: nel 1981 esce il biopic “Fangio, una vita a 300 all’ora” . Il regista è Hugh Hudson, che solo qualche anno prima, nel 1966, aveva diretto per Pirelli “La lepre e la tartaruga”, road movie pubblicitario per quel pneumatico Cinturato che Fangio definiva “Extraordinario”. E proprio nel 1981 un altro film diretto da Hudson vincerà quattro Oscar: “Momenti di gloria”, con l’indimenticabile colonna sonora di Vangelis.

Torna alla pagina principale

Al fascino del circuito di Monza non sono certo immuni il cinema e la televisione. Nel 1950 sulla pista trasformata in set c’è Amedeo Nazzari insieme al pilota del momento, Juan Manuel Fangio. Nazzari correrà per finzione nel film “L’ultimo incontro”, una popolare produzione di Dino De Laurentiis e Carlo Ponti sceneggiato, tra gli altri, dallo scrittore Alberto Moravia. A correre davvero è proprio Fangio, con l’esordiente Alfa 159 al Gran Premio d’Italia di quell’anno; sulla tuta, in bella vista, i loghi “Alfa Romeo” e “Pirelli”. Nel 1951 l’house organ “Fatti e Notizie” scrive di “Attori e piloti” e già allora, forse, il campione argentino intuiva che sarebbe diventato il pilota più filmato della storia. Quindici anni e cinque Mondiali di Formula 1 dopo “L’ultimo incontro”, Juan Manuel Fangio è sulla Parabolica di Monza, davanti alla macchina da presa a bordo di una spider rossa. Poi si ferma, si toglie i guanti e guarda il pubblico: “Una volta correvo con lo Stelvio Pirelli  ma questo Cinturato è extraordinario!”.

Il pilota è protagonista di uno spot pubblicitario per la rubrica televisiva Carosello prodotto dalla Gamma Film e di un reportage fotografico firmato da Ugo Mulas. Dal cinema alla tv e poi di nuovo al cinema: nel 1981 esce il biopic “Fangio, una vita a 300 all’ora” . Il regista è Hugh Hudson, che solo qualche anno prima, nel 1966, aveva diretto per Pirelli “La lepre e la tartaruga”, road movie pubblicitario per quel pneumatico Cinturato che Fangio definiva “Extraordinario”. E proprio nel 1981 un altro film diretto da Hudson vincerà quattro Oscar: “Momenti di gloria”, con l’indimenticabile colonna sonora di Vangelis.

Torna alla pagina principale

Gallery

Images