Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

1953: un anno “d’oro” per la pubblicità Pirelli

La sera del 7 novembre del 1953, al IV Congresso della Pubblicità a Milano, Dino Villani consegna al Dottor Paolo Polese, in rappresentanza del Gruppo Pirelli, la Palma d’oro per la miglior pubblicità di quell’anno. “Una campagna pubblicitaria che ha raggiunto il traguardo senza forature” recita scherzosamente il telecronista del cinegiornale “La Settimana Incom”. Un premio che, oltre a riconoscere in Pirelli un’azienda all’avanguardia per  la capacità comunicativa, sottolinea più in generale la sempre crescente importanza della pubblicità a partire dal Secondo Dopoguerra. Sono anni di straordinaria effervescenza per la comunicazione visiva italiana e la pubblicità riflette, a volte anche anticipando ed enfatizzando, l’entusiasmo progettuale che caratterizza questo primo periodo del boom economico. Sono gli anni in cui Pirelli realizza, attraverso la stretta collaborazione con grafici e artisti, campagne che entrano di diritto nella storia della grafica italiana, come la pubblicità per le suole Coria Pirelli di Joan Jordan e Ezio Bonini, le réclame del pneumatico Stelvio realizzate da Franco Grignani, Ezio Bonini, Pavel Micheal Engelmann, e ancora quella di Raymond Savignac per le borse di acqua calda Pirelli e tante altre. Per celebrare questo importante riconoscimento la Rivista Pirelli, con l’allora direttore Arturo Tofanelli, commissiona al grafico Erberto Carboni la copertina del sesto e ultimo numero annuale: una rielaborazione grafica del prezioso trofeo a forma di palma. All’interno del numero un articolo a firma V. S. – dietro cui si cela Vittorio Sereni –  che traccia il “Bilancio segreto di un anno di pubblicità”, raccontando questo intenso anno di lavoro “al numero 94 di Viale Abruzzi, secondo piano” e i segreti della creazione di una buona campagna pubblicitaria, in cui è il prodotto, l’oggetto, il padrone assoluto che dispone della penna, della matita dei grafici come di mezzi al suo servizio, dove il pubblicitario è “servo e alla stesso tempo padrone di questa Musa inquietante che sta disputando al cinema il posto di decima Musa”.

La sera del 7 novembre del 1953, al IV Congresso della Pubblicità a Milano, Dino Villani consegna al Dottor Paolo Polese, in rappresentanza del Gruppo Pirelli, la Palma d’oro per la miglior pubblicità di quell’anno. “Una campagna pubblicitaria che ha raggiunto il traguardo senza forature” recita scherzosamente il telecronista del cinegiornale “La Settimana Incom”. Un premio che, oltre a riconoscere in Pirelli un’azienda all’avanguardia per  la capacità comunicativa, sottolinea più in generale la sempre crescente importanza della pubblicità a partire dal Secondo Dopoguerra. Sono anni di straordinaria effervescenza per la comunicazione visiva italiana e la pubblicità riflette, a volte anche anticipando ed enfatizzando, l’entusiasmo progettuale che caratterizza questo primo periodo del boom economico. Sono gli anni in cui Pirelli realizza, attraverso la stretta collaborazione con grafici e artisti, campagne che entrano di diritto nella storia della grafica italiana, come la pubblicità per le suole Coria Pirelli di Joan Jordan e Ezio Bonini, le réclame del pneumatico Stelvio realizzate da Franco Grignani, Ezio Bonini, Pavel Micheal Engelmann, e ancora quella di Raymond Savignac per le borse di acqua calda Pirelli e tante altre. Per celebrare questo importante riconoscimento la Rivista Pirelli, con l’allora direttore Arturo Tofanelli, commissiona al grafico Erberto Carboni la copertina del sesto e ultimo numero annuale: una rielaborazione grafica del prezioso trofeo a forma di palma. All’interno del numero un articolo a firma V. S. – dietro cui si cela Vittorio Sereni –  che traccia il “Bilancio segreto di un anno di pubblicità”, raccontando questo intenso anno di lavoro “al numero 94 di Viale Abruzzi, secondo piano” e i segreti della creazione di una buona campagna pubblicitaria, in cui è il prodotto, l’oggetto, il padrone assoluto che dispone della penna, della matita dei grafici come di mezzi al suo servizio, dove il pubblicitario è “servo e alla stesso tempo padrone di questa Musa inquietante che sta disputando al cinema il posto di decima Musa”.

Multimedia

Images