Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Pirelli Ercole: un pneumatico “mitologico”

Ercole”. Con questo nome Pirelli, nel 1901, decide di affacciarsi sul mercato dei pneumatici per automobili. Il primo pneumatico Pirelli, brevettato nel 1901, evoca così la forza del leggendario eroe greco capace di avere la meglio, ancora neonato, su due serpenti o di affrontare le celebri dodici fatiche. È un compito arduo quello di affermare tecnicamente e introdurre commercialmente questo nuovo pneumatico. Molte sono infatti le sfide da superare, legate all’incremento continuo della velocità, dell’accelerazione e dell’aumento dei carichi delle nuove vetture che vanno diffondendosi proprio nei primi anni del Novecento. La tecnologia dei pneumatici è ancora tutta da inventare: la maggiore criticità è quella di mantenere fissa la copertura del cerchio durante la marcia. Gli ingegneri e i tecnici di Pirelli immaginano così due grossi “talloni” inesestensibili da incastrare nel canale del cerchione. I talloni, combaciando, racchiudono interamente la camera d’aria e la costringono a mantenere la forma circolare. Un sistema di aggancio più vantaggioso rispetto agli altri al tempo in circolazione, significativo dell’attenzione dell’azienda per la tecnologia e l’innovazione. Già nel 1902 e poi nel 1903 la Pirelli pubblica un vero e proprio libretto di istruzioni per spiegare in maniera chiara e dettagliata come montare e smontare i nuovi pneumatici. Un’operazione, quella del cambio gomme, all’epoca piuttosto complicata che richiede tempo e pazienza, ma che è ampiamente ricompensata dalla libertà e dalla riduzione dei tempi di percorrenza dei viaggi dei primi avventurosi piloti.

Ercole”. Con questo nome Pirelli, nel 1901, decide di affacciarsi sul mercato dei pneumatici per automobili. Il primo pneumatico Pirelli, brevettato nel 1901, evoca così la forza del leggendario eroe greco capace di avere la meglio, ancora neonato, su due serpenti o di affrontare le celebri dodici fatiche. È un compito arduo quello di affermare tecnicamente e introdurre commercialmente questo nuovo pneumatico. Molte sono infatti le sfide da superare, legate all’incremento continuo della velocità, dell’accelerazione e dell’aumento dei carichi delle nuove vetture che vanno diffondendosi proprio nei primi anni del Novecento. La tecnologia dei pneumatici è ancora tutta da inventare: la maggiore criticità è quella di mantenere fissa la copertura del cerchio durante la marcia. Gli ingegneri e i tecnici di Pirelli immaginano così due grossi “talloni” inesestensibili da incastrare nel canale del cerchione. I talloni, combaciando, racchiudono interamente la camera d’aria e la costringono a mantenere la forma circolare. Un sistema di aggancio più vantaggioso rispetto agli altri al tempo in circolazione, significativo dell’attenzione dell’azienda per la tecnologia e l’innovazione. Già nel 1902 e poi nel 1903 la Pirelli pubblica un vero e proprio libretto di istruzioni per spiegare in maniera chiara e dettagliata come montare e smontare i nuovi pneumatici. Un’operazione, quella del cambio gomme, all’epoca piuttosto complicata che richiede tempo e pazienza, ma che è ampiamente ricompensata dalla libertà e dalla riduzione dei tempi di percorrenza dei viaggi dei primi avventurosi piloti.