Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Un secolo di record:
la nascita dell’Autodromo di Monza

Monza, 1922. È l’anno del primo Gran Premio dell’Automobile Club, si chiama così il Gran Premio di Monza: nasce un’eccellenza italiana. A dominare quella gara d’esordio sono Felice Nazzaro e Pietro Bordino, al volante di due Fiat gommate Pirelli Superflex Cord, di cui si dichiarano “soddisfattissimi”. Nel 1924 è il momento dell’Alfa Romeo, al debutto nei Grand Prix con la fortissima P2: in pista ci sono Antonio Ascari e Giuseppe Campari, le macchine montano pneumatici Pirelli Cord. Durante il Gran Premio di Francia del 1925, sul circuito di Montlhéry, Antonio Ascari, in testa alla gara, perde la vita in un brutto incidente. Un duro colpo per Alfa e Pirelli che devono comunque prepararsi per una corsa internazionale: a Monza si disputa infatti il primo Campionato Automobilistico del mondo.

A trionfare è il conte fiorentino Gastone Brilli Peri, proprio con Alfa e Pirelli.  Nel 1933 il circuito brianzolo è però fatale a Giuseppe Campari, compagno di squadra di Ascari, proprio all’inizio di quella “parabolica” che rappresenta una delle meraviglie del moderno automobilismo. Negli anni Trenta l’autodromo fa da scenario a quello che ormai è diventato un mix insuperabile in pista: le monoposto Alfa Romeo, il patron della squadra corse Enzo Ferrari, il pilota Tazio Nuvolari e, non da ultimo, i pneumatici Pirelli Stella Bianca.

Quella di Monza è anche una storia di record su due ruote: resta negli annali la fotografia in cui Gianni Leoni, sdraiato sul “Guzzino”, nel novembre del 1948 punta verso il cartellone pubblicitario Pirelli, alla conquista di un altro primato. Nel 1950 il circuito di Monza suggella la vittoria di Nino Farina, primo Campione Mondiale di Formula 1 con l’Alfa Romeo, e segnerà i successi e il destino di Alberto Ascari. L’abbandono di Pirelli delle competizioni del 1956 non ha allentato il legame storico tra l’azienda e l’Autodromo di Monza. Il rientro sperimentale in Formula 1 negli anni Ottanta e le grandi stagioni dei campionati Turismo hanno riportato spesso i radiali “con la P Lunga” sull’”asfalto più famoso del mondo”.

Torna alla pagina principale

Monza, 1922. È l’anno del primo Gran Premio dell’Automobile Club, si chiama così il Gran Premio di Monza: nasce un’eccellenza italiana. A dominare quella gara d’esordio sono Felice Nazzaro e Pietro Bordino, al volante di due Fiat gommate Pirelli Superflex Cord, di cui si dichiarano “soddisfattissimi”. Nel 1924 è il momento dell’Alfa Romeo, al debutto nei Grand Prix con la fortissima P2: in pista ci sono Antonio Ascari e Giuseppe Campari, le macchine montano pneumatici Pirelli Cord. Durante il Gran Premio di Francia del 1925, sul circuito di Montlhéry, Antonio Ascari, in testa alla gara, perde la vita in un brutto incidente. Un duro colpo per Alfa e Pirelli che devono comunque prepararsi per una corsa internazionale: a Monza si disputa infatti il primo Campionato Automobilistico del mondo.

A trionfare è il conte fiorentino Gastone Brilli Peri, proprio con Alfa e Pirelli.  Nel 1933 il circuito brianzolo è però fatale a Giuseppe Campari, compagno di squadra di Ascari, proprio all’inizio di quella “parabolica” che rappresenta una delle meraviglie del moderno automobilismo. Negli anni Trenta l’autodromo fa da scenario a quello che ormai è diventato un mix insuperabile in pista: le monoposto Alfa Romeo, il patron della squadra corse Enzo Ferrari, il pilota Tazio Nuvolari e, non da ultimo, i pneumatici Pirelli Stella Bianca.

Quella di Monza è anche una storia di record su due ruote: resta negli annali la fotografia in cui Gianni Leoni, sdraiato sul “Guzzino”, nel novembre del 1948 punta verso il cartellone pubblicitario Pirelli, alla conquista di un altro primato. Nel 1950 il circuito di Monza suggella la vittoria di Nino Farina, primo Campione Mondiale di Formula 1 con l’Alfa Romeo, e segnerà i successi e il destino di Alberto Ascari. L’abbandono di Pirelli delle competizioni del 1956 non ha allentato il legame storico tra l’azienda e l’Autodromo di Monza. Il rientro sperimentale in Formula 1 negli anni Ottanta e le grandi stagioni dei campionati Turismo hanno riportato spesso i radiali “con la P Lunga” sull’”asfalto più famoso del mondo”.

Torna alla pagina principale

Gallery

Images