Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Giochi di gruppo nelle grandi imprese

Fare impresa è anche una questione di equilibrio. Non si tratta di un facile assunto tratto da qualche moderno testo di gestione aziendale, ma della constatazione della realtà.  E non si tratta nemmeno del semplice equilibrio dei conti, che comunque ci deve essere. Il punto è nella necessità di arrivare ad avere, all’interno e all’esterno, una proporzione corretta di comportamenti e relazioni  in molteplici risvolti operativi e, prima ancora, nel  metodo imprenditoriale posto dietro la creazione dell’impresa stessa.

E’ importante, quindi, “scavare” nei meandri della struttura aziendale per capire di quali equilibri questa viva, scovarne i punti deboli, migliorane le prestazioni.

Un aiuto in questo senso arriva da Tetsuro Okazaki – professore di economia alla Chiba University of Commerce di Ichikawa in Giappone, ed esperto in teoria dei giochi  ed economia pubblica -, che ha esplorato le relazioni  fra il coordinamento delle funzioni in azienda e la molteplicità di equilibri all’interno della stessa.

Coordination Problem and Coordination among Groups: Effect of Group Size on Business Culture”, questo il titolo del suo saggio in corso di pubblicazione sul Journal of Advanced Management Science, cerca di capire meglio come interagiscono i diversi gruppi di persone che lavorano nelle grandi imprese partendo anche dai condizionamenti sociali, dalla loro cultura e dai vincoli produttivi. Tutto ciò influisce poi sulla creazione e sullo sviluppo della cultura secondo la quale l’impresa stessa agisce verso l’interno e verso i mercati ma anche  sulla concreta organizzazione della produzione. Per capire meglio, Okazaki studia l’organizzazione della produzione della Toyota (in particolare il just-in-time indicato come “kanban”), basata su semplici schede cartacee attraverso le quali le informazioni sul ciclo produttivo vengono passate da un gruppo all’altro.

“Nei giochi di coordinamento – spiega però Okazaki -, abbiamo una molteplicità di equilibri. Questa rende possibile spiegare la coesistenza di culture contraddittorie in una società”. Okazaki precisa: “Se la dimensione del gruppo è grande, la molteplicità degli equilibri scompare” e ciò che ne nasce è un insieme ancora più complesso di equilibri e disequilibri, di puntualità e “non-puntualità” che, tutte insieme, danno vita ad un’impresa diversa. L’organizzazione kanban di Toyota ne è un esempi: da gruppi diversi e da equilibri differenti, nasce una catene di montaggio efficiente.

Al di là di alcuni necessari passaggi tecnici, il lavoro di Okazaki accende una luce chiara su un aspetto importante della moderna organizzazione e cultura d’impresa.

Coordination Problem and Coordination among Groups: Effect of Group Size on Business Culture 

Tetsuro Okazaki (Chiba University of Commerce/Ichikawa, Japan)

Journal of Advanced Management Science Vol. 2, No. 3, September 2014

Fare impresa è anche una questione di equilibrio. Non si tratta di un facile assunto tratto da qualche moderno testo di gestione aziendale, ma della constatazione della realtà.  E non si tratta nemmeno del semplice equilibrio dei conti, che comunque ci deve essere. Il punto è nella necessità di arrivare ad avere, all’interno e all’esterno, una proporzione corretta di comportamenti e relazioni  in molteplici risvolti operativi e, prima ancora, nel  metodo imprenditoriale posto dietro la creazione dell’impresa stessa.

E’ importante, quindi, “scavare” nei meandri della struttura aziendale per capire di quali equilibri questa viva, scovarne i punti deboli, migliorane le prestazioni.

Un aiuto in questo senso arriva da Tetsuro Okazaki – professore di economia alla Chiba University of Commerce di Ichikawa in Giappone, ed esperto in teoria dei giochi  ed economia pubblica -, che ha esplorato le relazioni  fra il coordinamento delle funzioni in azienda e la molteplicità di equilibri all’interno della stessa.

Coordination Problem and Coordination among Groups: Effect of Group Size on Business Culture”, questo il titolo del suo saggio in corso di pubblicazione sul Journal of Advanced Management Science, cerca di capire meglio come interagiscono i diversi gruppi di persone che lavorano nelle grandi imprese partendo anche dai condizionamenti sociali, dalla loro cultura e dai vincoli produttivi. Tutto ciò influisce poi sulla creazione e sullo sviluppo della cultura secondo la quale l’impresa stessa agisce verso l’interno e verso i mercati ma anche  sulla concreta organizzazione della produzione. Per capire meglio, Okazaki studia l’organizzazione della produzione della Toyota (in particolare il just-in-time indicato come “kanban”), basata su semplici schede cartacee attraverso le quali le informazioni sul ciclo produttivo vengono passate da un gruppo all’altro.

“Nei giochi di coordinamento – spiega però Okazaki -, abbiamo una molteplicità di equilibri. Questa rende possibile spiegare la coesistenza di culture contraddittorie in una società”. Okazaki precisa: “Se la dimensione del gruppo è grande, la molteplicità degli equilibri scompare” e ciò che ne nasce è un insieme ancora più complesso di equilibri e disequilibri, di puntualità e “non-puntualità” che, tutte insieme, danno vita ad un’impresa diversa. L’organizzazione kanban di Toyota ne è un esempi: da gruppi diversi e da equilibri differenti, nasce una catene di montaggio efficiente.

Al di là di alcuni necessari passaggi tecnici, il lavoro di Okazaki accende una luce chiara su un aspetto importante della moderna organizzazione e cultura d’impresa.

Coordination Problem and Coordination among Groups: Effect of Group Size on Business Culture 

Tetsuro Okazaki (Chiba University of Commerce/Ichikawa, Japan)

Journal of Advanced Management Science Vol. 2, No. 3, September 2014