Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

La cultura della piccola impresa

Viva la piccola impresa, quella che resiste nonostante tutto, quella che “fa l’Italia”, quella che ogni giorno alza la saracinesca e lavora fino  sera. E’ questo il ritratto più consueto delle piccole aziende. Ma come sono per davvero queste realtà?

L’istantanea più recente sul mondo delle piccole imprese italiane è stata scattata da Giulio Sapelli – storico dell’economia ed economista, docente universitario ma con un solido passato in molte aziende -,  che ha scritto “Elogio della piccola impresa”: un llibro stringato ed essenziale (poco più di 100 pagine), che mette insieme teoria e storie d’azienda costruendo un ritratto  amaramente realistico delle imprese piccole  industriali e artigiane in Italia. Imprese spesso destinate a morire schiacciate da un’economia che non fa per loro, ma che comunque riescono a rigenerarsi mettendo in gioco risorse inaspettate e una straordinaria cultura d’impresa.

Sapelli, dopo una quadro teorico – intercalato da testimonianze di imprenditori di svariati settori -, passa ad esaminare alcuni aspetti determinanti come il ruolo della famiglia dell’imprenditore, i rapporti con il credito, quelli con lo Stato (con l’incombere dei ritardi dei pagamenti), la presenza dei giovani (il tema del passaggio generazionale è determinate per queste realtà), percorrendo tutte le aree dello Stivale in cui le piccole industrie hanno fatto la storia. E’ lo stesso Sapelli a delineare i tratti della piccola impresa industriale e artigiana oggi: “Essa si fonda sulla persona e quindi sulla fiducia, sull’inesauribile flessibilità di cui persone e famiglie sono capaci pur tra mille errori. E questo perché esiste volta a volta una sorta di omeostasi con il mercato e la politica insieme che il nostro costrutto sociale forma e riforma tra economia e mondi vitali. Per questo non cresce. Perché essa si costituisce prima e fuori dal mercato. Nel mercato agisce, certo, ma da esso si difende se si attenta alla sua costitutività personale e familiare: vuole conservare se stessa. Certo può crescere, ma allora piccolissima impresa artigiana o piccola impresa non è più”.

Teoria, quindi, unita a pratica tradotta in numerose testimonianze di imprenditori che raccontano le loro esperienze. Il risultato è una corsa a perdifiato nella storia recente dell’industria italiana, nella società dentro e attorno ad essa con uno sguardo volto ai rischi del presente e alle sfide del futuro.

Elogio della piccola impresa

Giulio Sapelli,

Il Mulino, 2013

Viva la piccola impresa, quella che resiste nonostante tutto, quella che “fa l’Italia”, quella che ogni giorno alza la saracinesca e lavora fino  sera. E’ questo il ritratto più consueto delle piccole aziende. Ma come sono per davvero queste realtà?

L’istantanea più recente sul mondo delle piccole imprese italiane è stata scattata da Giulio Sapelli – storico dell’economia ed economista, docente universitario ma con un solido passato in molte aziende -,  che ha scritto “Elogio della piccola impresa”: un llibro stringato ed essenziale (poco più di 100 pagine), che mette insieme teoria e storie d’azienda costruendo un ritratto  amaramente realistico delle imprese piccole  industriali e artigiane in Italia. Imprese spesso destinate a morire schiacciate da un’economia che non fa per loro, ma che comunque riescono a rigenerarsi mettendo in gioco risorse inaspettate e una straordinaria cultura d’impresa.

Sapelli, dopo una quadro teorico – intercalato da testimonianze di imprenditori di svariati settori -, passa ad esaminare alcuni aspetti determinanti come il ruolo della famiglia dell’imprenditore, i rapporti con il credito, quelli con lo Stato (con l’incombere dei ritardi dei pagamenti), la presenza dei giovani (il tema del passaggio generazionale è determinate per queste realtà), percorrendo tutte le aree dello Stivale in cui le piccole industrie hanno fatto la storia. E’ lo stesso Sapelli a delineare i tratti della piccola impresa industriale e artigiana oggi: “Essa si fonda sulla persona e quindi sulla fiducia, sull’inesauribile flessibilità di cui persone e famiglie sono capaci pur tra mille errori. E questo perché esiste volta a volta una sorta di omeostasi con il mercato e la politica insieme che il nostro costrutto sociale forma e riforma tra economia e mondi vitali. Per questo non cresce. Perché essa si costituisce prima e fuori dal mercato. Nel mercato agisce, certo, ma da esso si difende se si attenta alla sua costitutività personale e familiare: vuole conservare se stessa. Certo può crescere, ma allora piccolissima impresa artigiana o piccola impresa non è più”.

Teoria, quindi, unita a pratica tradotta in numerose testimonianze di imprenditori che raccontano le loro esperienze. Il risultato è una corsa a perdifiato nella storia recente dell’industria italiana, nella società dentro e attorno ad essa con uno sguardo volto ai rischi del presente e alle sfide del futuro.

Elogio della piccola impresa

Giulio Sapelli,

Il Mulino, 2013