Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Quale politica industriale?

L’industria italiana perde competitività, in tutti i comparti i livelli produttivi sono inferiori a quelli precedenti la crisi e, con l’eccezione dell’alimentare e del farmaceutico, la perdita di produzione ha assunto dimensioni preoccupanti. Accanto agli effetti della congiuntura, c’è poi il declinare storico del tessile e delle calzature, ma anche quelli di settori chiave come l’elettronica e gli autoveicoli. E’ di fronte ad un quadro di questo genere – che mina alle fondamenta la stessa cultura del fare impresa in Italia -,  che da tempo è scattata una sola domanda: che fare?

Fra le risposte, è da tenere in particolare conto quanto arriva da un gruppo di otto ricercatori di Banca d’Italia che in uno studio sull’evoluzione del sistema industriale italiano appena pubblicato propongono tre linee d’azione per tentare di risollevare le sorti del nostro sistema produttivo.

Antonio Accetturo, Antonio Bassanetti, Matteo Bugamelli, Ivan Faiella, Paolo Finaldi Russo, Daniele Franco, Silvia Giacomelli e Massimo Omiccioli – nel loro “Il sistema industriale italiano tra globalizzazione e crisi” – partono da una constatazione di fondo: nel 2012 l’industria ha prodotto 257 miliardi di valore aggiunto, occupato 4,7 milioni di addetti, è una fonte “fondamentale di innovazione e competitività” (con oltre il 70% della spesa per ricerca e sviluppo del settore privato) e ha “un ruolo decisivo nell’equilibrio dei conti con l’estero”. Quindi non si può rimanere a guardare.

Da qui le proposte. Prima di tutto fare selezione cioè “intervenire sui meccanismi di allocazione delle risorse dai settori e dalle imprese meno produttive a quelli più produttivi, dalle lavorazioni in cui la pressione competitiva dei paesi emergenti non è sostenibile ad altre più avanzate e complesse”. Un compito che passa dalla revisione del sistema di ammortizzatori sociali e delle  politiche attive per il lavoro, dalla revisione delle capacità del sistema finanziario, dal rifacimento della tassazione d’impresa. In secondo luogo, “vanno ridotti i costi sopportati dalle imprese italiane” (energia, burocrazia, infrastrutture e servizi pubblici sono sul banco degli imputati). Terzo, “occorre rendere le politiche industriali meno invasive e frammentarie”, che significa, di fatto, mirare meglio gli interventi, puntando sulla crescita delle dimensioni, sulla R&S ma anche su un riassetto dell’attività pubblica di sostegno all’internazionalizzazione.

Certo, si tratta di proposte condensate in 70 pagine di ragionamenti, numeri e grafici. Ma si tratta di idee chiare. Quello che ci vuole per iniziare a capire di più.

Il sistema industriale italiano tra globalizzazione e crisi

Antonio Accetturo, Antonio Bassanetti, Matteo Bugamelli, Ivan Faiella, Paolo Finaldi Russo, Daniele Franco, Silvia Giacomelli, Massimo Omiccioli

Banca d’Italia, Questioni di Economia e Finanza (Occasional papers), 193, luglio, 2013