Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

A bordo della Itala: un “Pirelli Hot Lap” di cent’anni fa

Tra il 21 e il 22 giugno 2018, durante le prove del Gran Premio di Francia di F1 – sulla pista di Le Castellet si svolge una nuova sessione degli “F1 Hot Laps Pirelli”: un’iniziativa Pirelli-F1 Experiences che prevede per un ristretto ed esclusivissimo numero di ospiti la possibilità di girare in pista seduti a fianco di piloti professionisti alla guida di supercar come Mercedes AMG, Aston Martin Vanquish, McLaren 720S. Tutte naturalmente equipaggiate con pneumatici Pirelli P Zero, come a dire il più alto punto di contatto tra la pista e la strada. Indubbiamente un’occasione pressochè unica, per chi nella vita fa tutt’altro, di potersi calare nella dimensione adrenalinica di un pilota di mestiere alle prese con un mezzo meccanico potentissimo: veder scorrere sotto di sè la pista ad oltre 300 km orari, spinti da potenze superiori ai 700 cavalli è esperienza da “una volta nella vita”. Non sappiamo di preciso cosa pensò quello che forse è stato il primo, o quantomeno quello diventato più famoso, di questi tranquilli ospiti improvvisamente sbalzati nel mondo della velocità: succedeva più di cent’anni fa, lui si chiamava Luigi Barzini e nella vita faceva tutt’altro. Era giornalista del Corriere della Sera e si stava occupando di treni (di treni!) quando il direttore Luigi Albertini lo chiamò in redazione e gli prospettò un “hot lap” decisamente lungo: 17.000 chilometri sedendo di fianco al pilota-principe Scipione Borghese, a bordo di una potente vettura da 45 cavalli capace di portare le sue due tonnellate di peso ad una velocità di 70 km/h. Quell’auto era la Itala, in procinto di correre e vincere, nel 1907, il raid Pechino-Parigi. Nel libro “La metà del mondo vista da un’automobile”, diario di bordo scritto al termine del raid, Barzini ci dice che alla domanda del suo direttore “lei consentirebbe a parteciparvi?”, lui rispose semplicemente “con molto piacere”. Così il giornalista-navigatore si imbarcò per Pechino e fu vera gloria.

Come per gli “hot lappers” di oggi a Le Castellet, anche la Itala di Barzini all’epoca era considerata sicuramente una “supercar”. Prodotta dalla Itala Fabbrica Automobili di Torino di Matteo Ceirano a partire dal 1904, la sportivissima Itala aveva già vinto la Targa Florio del 1906 imponendosi come “macchina da sogno”: piaceva tanto ai piloti quanto alle grandi personalità della politica e della finanza. Quella preparata per Scipione Borghese, poi, era stata resa ancor più resistente e competitiva: i pneumatici Pirelli Ercole di misura 935×135 raggiungevano le massime dimensioni possibili per l’epoca.
Anche dopo il trionfo di Parigi, altri successi dovevano ancora arrivare per la Itala contro autovetture avversarie di rango come le Scat, le Isotta Fraschini, le Nazzaro. Poi venne la Prima Guerra Mondiale, e la Itala Fabbrica Automobili si convertì alla produzione di motori per l’aeronautica a licenza Hispano-Suiza. Fu l’inizio di un lento ma inesorabile declino: la società uscì dalle vicende belliche in grave crisi finanziaria, mentre la sua supremazia veniva pesantemente attaccata dalla Bugatti. Presso l’Archivio Storico Pirelli è conservata una fotografia la cui didascalia recita “Targa Florio. Una vettura da corsa Itala con gomme Pirelli”. La vettura porta sul cofano il numero 31. La foto – dell’agenzia francese di reportage fotografico Meurisse – è del 1922 e ritrae il pilota Wild a bordo di una Itala 51 sport 2.8: è una delle ultime apparizioni in gara della supercar torinese. Ormai sta brillando una nuova stella dell’automobilismo: l’Alfa Romeo.

Tra il 21 e il 22 giugno 2018, durante le prove del Gran Premio di Francia di F1 – sulla pista di Le Castellet si svolge una nuova sessione degli “F1 Hot Laps Pirelli”: un’iniziativa Pirelli-F1 Experiences che prevede per un ristretto ed esclusivissimo numero di ospiti la possibilità di girare in pista seduti a fianco di piloti professionisti alla guida di supercar come Mercedes AMG, Aston Martin Vanquish, McLaren 720S. Tutte naturalmente equipaggiate con pneumatici Pirelli P Zero, come a dire il più alto punto di contatto tra la pista e la strada. Indubbiamente un’occasione pressochè unica, per chi nella vita fa tutt’altro, di potersi calare nella dimensione adrenalinica di un pilota di mestiere alle prese con un mezzo meccanico potentissimo: veder scorrere sotto di sè la pista ad oltre 300 km orari, spinti da potenze superiori ai 700 cavalli è esperienza da “una volta nella vita”. Non sappiamo di preciso cosa pensò quello che forse è stato il primo, o quantomeno quello diventato più famoso, di questi tranquilli ospiti improvvisamente sbalzati nel mondo della velocità: succedeva più di cent’anni fa, lui si chiamava Luigi Barzini e nella vita faceva tutt’altro. Era giornalista del Corriere della Sera e si stava occupando di treni (di treni!) quando il direttore Luigi Albertini lo chiamò in redazione e gli prospettò un “hot lap” decisamente lungo: 17.000 chilometri sedendo di fianco al pilota-principe Scipione Borghese, a bordo di una potente vettura da 45 cavalli capace di portare le sue due tonnellate di peso ad una velocità di 70 km/h. Quell’auto era la Itala, in procinto di correre e vincere, nel 1907, il raid Pechino-Parigi. Nel libro “La metà del mondo vista da un’automobile”, diario di bordo scritto al termine del raid, Barzini ci dice che alla domanda del suo direttore “lei consentirebbe a parteciparvi?”, lui rispose semplicemente “con molto piacere”. Così il giornalista-navigatore si imbarcò per Pechino e fu vera gloria.

Come per gli “hot lappers” di oggi a Le Castellet, anche la Itala di Barzini all’epoca era considerata sicuramente una “supercar”. Prodotta dalla Itala Fabbrica Automobili di Torino di Matteo Ceirano a partire dal 1904, la sportivissima Itala aveva già vinto la Targa Florio del 1906 imponendosi come “macchina da sogno”: piaceva tanto ai piloti quanto alle grandi personalità della politica e della finanza. Quella preparata per Scipione Borghese, poi, era stata resa ancor più resistente e competitiva: i pneumatici Pirelli Ercole di misura 935×135 raggiungevano le massime dimensioni possibili per l’epoca.
Anche dopo il trionfo di Parigi, altri successi dovevano ancora arrivare per la Itala contro autovetture avversarie di rango come le Scat, le Isotta Fraschini, le Nazzaro. Poi venne la Prima Guerra Mondiale, e la Itala Fabbrica Automobili si convertì alla produzione di motori per l’aeronautica a licenza Hispano-Suiza. Fu l’inizio di un lento ma inesorabile declino: la società uscì dalle vicende belliche in grave crisi finanziaria, mentre la sua supremazia veniva pesantemente attaccata dalla Bugatti. Presso l’Archivio Storico Pirelli è conservata una fotografia la cui didascalia recita “Targa Florio. Una vettura da corsa Itala con gomme Pirelli”. La vettura porta sul cofano il numero 31. La foto – dell’agenzia francese di reportage fotografico Meurisse – è del 1922 e ritrae il pilota Wild a bordo di una Itala 51 sport 2.8: è una delle ultime apparizioni in gara della supercar torinese. Ormai sta brillando una nuova stella dell’automobilismo: l’Alfa Romeo.

Multimedia

Images