Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Un design d’avanguardia: interni d’autore

Un capitolo interessante della storia del Grattacielo riguarda la progettazione degli interni. Curata da Gio Ponti, “in relazione e continuità con l’architettura”, si legge nel numero 71 del settembre 1960 di Edilizia Moderna dedicato alla sede della Pirelli, tale progettazione voleva fornire un’identità di stile a tutti gli ambienti e a tutte le componenti d’arredo: dalle pareti e i pavimenti, tutti rivestiti da gomma e linoleum Pirelli, alle porte, fino ad ascensori, orologi, lampade e altri apparecchi per l’illuminazione, nella convinzione “democratica” che tutti gli “abitanti” dell’edificio, dal presidente dell’azienda agli impiegati, dovessero vivere gli stessi spazi.

Il colore, al quale Ponti teneva particolarmente, come dimostra il suo articolo del 1952 per la Rivista Pirelli dal titolo Tutto al mondo deve essere coloratissimo, è utilizzato come “correttivo alla monotonia e alla impersonalità degli spazi” nelle porte in linoleum rosso e nei pavimenti in linoleum giallo e nero. Anche la scelta del mobilio fu curata da Gio Ponti e Alberto Rosselli: come scrivanie furono scelte quelle disegnate da Ponti nel 1955 per la ditta Rima, con struttura in metallo e piano in legno o in linoleum.

I grandi tavoli per le sale riunioni richiamavano la pianta dell’edificio a “chicco di riso”. Le sedute imbottite provenivano invece dalla Arflex, società nata nel 1950 da un’idea dell’ingegnere pirelliano Carlo Barassi per produrre mobili imbottiti in gommapiuma Pirelli. Proseguendo l’esperienza degli anni Trenta, quando diversi architetti della scuola razionalista, tra cui lo stesso Ponti, si erano cimentati con i primi esperimenti di mobili imbottiti in schiuma di lattice “gommapiuma” esposti anche alla mostra dell’arredamento alla VI Triennale di Milano nel 1936, la Arflex portò sul mercato sedie, poltrone, divani, letti, disegnati dai più grandi nomi dell’architettura e del design degli anni Cinquanta. Per le sale d’aspetto del Grattacielo furono scelte le poltrone “hall”, disegnate da Roberto Menghi nel 1958.

Il grattacielo era pronto a iniziare la sua nuova vita.

Torna alla pagina principale

Multimedia

Images