Accedi all’Archivio online
Esplora l’Archivio online per trovare fonti e materiali. Seleziona la tipologia di supporto documentale che più ti interessa e inserisci le parole chiave della tua ricerca.
  • Documenti
  • Fotografie
  • Disegni e manifesti
  • Audiovisivi
  • Pubblicazioni e riviste
  • Tutti
Assistenza alla consultazione
Per richiedere la consultazione del materiale conservato nell’Archivio Storico e nelle Biblioteche della Fondazione Pirelli al fine di studi e ricerche e conoscere le modalità di utilizzo dei materiali per prestiti e mostre, compila il seguente modulo.
Riceverai una mail di conferma dell'avvenuta ricezione della richiesta e sarai ricontattato.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Seleziona il grado di istruzione della scuola di appartenenza
  • Scuola Primaria

  • Scuola Secondaria di I grado

  • Scuola Secondaria di II grado

  • Università

Back
Scuola Primaria
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di I grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Scuole secondarie di II grado
Percorsi Fondazione Pirelli Educational
Lasciate i vostri dati per essere ricontattati dallo staff di Fondazione Pirelli Educational e concordare le date del percorso.

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori
Back
Università
Percorsi Fondazione Pirelli Educational

Vuoi organizzare un percorso personalizzato con i tuoi studenti? Per informazioni e prenotazioni scrivi a universita@fondazionepirelli.org

Visita la Fondazione
Per informazioni sulle attività della Fondazione e l’accessiblità agli spazi
contattare il numero 0264423971 o scrivere a visite@fondazionepirelli.org

Dichiaro di avere preso visione dell’informativa relativa al trattamento dei miei dati personali, e ai sensi dell’art. 6 del GDPR autorizzo la Fondazione Pirelli al trattamento dei miei dati personali per le finalità ivi descritte.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Fondazione Pirelli

La Comunicazione visiva

Fondazione Pirelli

La Comunicazione visiva

Una testimonial d’eccezione

È il 1948 e sulla spiaggia di Tobey Beach il fotografo Andrè de Dienes realizza un servizio con la modella Norma Jeane Baker, più nota come Marilyn Monroe. Nel 1952 uno di quegli scatti verrà scelto per pubblicizzare i costumi da bagno in filato elastico Lastex, prodotto dalla Pirelli Revere. Non solo costumi, ma anche cuffie da bagno e battelli pneumatici, articoli per gli sport subacquei, materassini adatti per le tende da campeggio o per la spiaggia, palloni da gioco colorati. E ancora maschere per immergersi al mare, come quella fotografata da Serge Libiszewski, soggetto della campagna pubblicitaria realizzata da Lora Lamm nel 1959. Un universo di prodotti in gomma Pirelli per i viaggi e le vacanze, protagonisti della modernità.  

/ 05

Lasciare il segno

Gli anni Sessanta sono gli anni dei grandi intellettuali, di notevoli grafici e designer coinvolti nella realizzazione di campagne pubblicitarie iconiche sotto la guida di Arrigo Castellani, capo della Direzione Propaganda. Sono gli anni del Centro Culturale Pirelli, del Grattacielo Pirelli e delle collaborazioni tra gli altri con Gio Ponti, Bruno Munari, Pino Tovaglia e Bob Noorda. A quest’ultimo si deve, ad esempio, la rivoluzionaria campagna dedicata al pneumatico "Inverno”, pensato proprio per supportare la guida su strade innevate, il cui segno lasciato dal battistrada viene usato graficamente da Noorda per dare la suggestione di una versione stilizzata di abeti e di fiocchi di neve.

/ 03

Caccia alla volpe sul pneumatico

Stampato nel 1913 a Londra dalla David Allen & Sons, Pneu Pirelli è un imponente manifesto pubblicitario (3x2m) che dà conto di due principali cambiamenti nell’evoluzione comunicativa di Pirelli. Oltre a testimoniare la dimensione internazionale già assunta dall’azienda a inizio secolo, permette anche di osservare come la pubblicità fosse liberamente adattata al Paese di riferimento. Cosa c’è, infatti, di più tradizionale della caccia alla volpe in Gran Bretagna? In Pneu Pirelli, la volpe – animale astuto – riesce infatti a scappare dai mastini correndo su un pneumatico Pirelli (bianco perché il nerofumo, necessario per mantenere una maggiore presa su strade asfaltate ancora più che rare all’epoca, non era ancora stato sviluppato).

/ 03

Marcello Dudovich, maestro del cartellonismo italiano

Marcello Dudovich è stato uno dei maggiori cartellonisti italiani di inizio Novecento. Nato e formatosi come pittore a Trieste, si trasferisce a Milano nel 1898 assunto dalle Officine Grafiche Ricordi, fondando poi, nel 1920 una propria società editrice, la STAR. Per Pirelli realizza diverse pubblicità a partire dagli anni Venti, spesso utilizzando soggetti femminili, eleganti figure di donne moderne e alla moda che pubblicizzano pneumatici e impermeabili. Tra i manifesti realizzati, anche la pubblicità dei Cicli Dei, le biciclette realizzate da Umberto Dei, gommate con tubolari Pirelli, che tra Otto e Novecento erano scelte da ciclisti di tutto il mondo per la loro qualità. Una copia originale del manifesto, databile intorno al 1920, è di recente entrata nel patrimonio della Fondazione Pirelli.

/ 04

Pneumatici come sculture

A partire dagli anni Cinquanta la Pirelli amplia notevolmente la sua gamma di pneumatici, sempre più specializzati per i diversi tipi di veicolo, le diverse stagioni, le particolari condizioni stradali, di velocità, di carico. Per pubblicizzare questi prodotti e renderli riconoscibili in particolare nella peculiarità del loro disegno battistrada, tra gli anni Cinquanta e Settanta vengono realizzate centinaia di tavole, una per ogni modello: fotografie completamente ritoccate a china e aerografo da ritoccatori professionisti, per far risaltare forme e linee dei battistrada su pubblicità, listini, cataloghi.

/ 05

Camminare sulla gomma

Il periodo tra le due Guerre rappresenta un momento di passaggio esemplare per la creatività e l’espansione produttiva di Pirelli, che si adopera per rispondere alle esigenze dei consumatori sotto ogni punto di vista. La grande povertà in cui la maggior parte del Paese imperversa apre la strada ad alcuni strumenti che uniscono eleganza e necessità di attenzione al risparmio. Ne sono un esempio le soprascarpe in gomma realizzate per proteggere la punta delle scarpe dalle intemperie e dall’usura, ma anche il “Tacco a stella”, un tacco in gomma pensato per essere ruotato più volte man mano che un lato andava usurandosi.

/ 06